• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

paolo

L'età avanza e perciò la lascio perdere ,coniugato con figlio ,milite assolto ,laurea in fisica + corsi post ,vita lavorativa intensa e a tipologia variabile dall'insegnante(breve) all'autonomo con passaggi in mutinazionali .
Interessi personali in elettronica ed informatica .

Statistiche

  • Primo articolo martedì 08 Agosto 2010
  • Moderatore da martedì 11 Novembre 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 300 2885 1541
1 mese 1 1 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 408 376 32
1 mese 1 1 0
5 giorni 1 1 0












Ultimi commenti

  • Di paolo (---.---.---.49) 2 marzo 10:58

    Il tuo impegno è ammirevole ma, permettimi, manca quel quid di ricostruzione storico politica che fa la differenza. Premesso che chi muove le mani per primo ha sempre torto a prescindere, bisogna dire chi è il comico da cabaret che, con quattro amici al bar, ha preso in mano l’Ucraina, sulla base del successo nei suoi spettacoli popolareschi e spinto e foraggiato dall’atlantismo bombarolo. Come prima mossa ha dichiarato la lingua russa, insegnata nelle scuole assieme all’ucraino, lingua straniera ( almeno 1/3 della popolazione sono russofoni), poi per otto anni ha bombardato il Donbass, facendo 14.000 vittime (anche li ci sono donne e bambini), senza una voce dissonante che si sollevasse dagli azzerbinati europei. Infine, non contento, il comico ( e prendevamo in giro i grillini!!) ha ammiccato alla NATO che, da quella organizzazione imperialista che è, non si è di certo smarcata (anzi). Il sogno, od ossessione USA chiamala come ti pare, di mettere i missili a Mosca non solo non ha indotto gli azzerbinati europei a prendere una posizione critica, tutt’altro, hanno anche loro foraggiato il comico che ora strepita help, salvateci (mi). Il nostro premier burletta che, mostra finalmente di che pasta è fatta, è l’unico nel mondo che ha fatto votare (pochissime le voci dissonanti dal messia) la fornitura diretta di armi alla resistenza Ucraina che ci pone, come collaboranti bellici (?!). Dimmi te!.

    Ora io non ho nessuna ammirazione per Putin che considero alla stregua di un Bush qualsiasi però un pò più intelligente, ma porca miseria, studiarsi un pò di storia su cosa è l’Ucraina e cosa rappresenta per i Russi, dovrebbe essere il minimo sindacale.

    Ma non è finita. Adesso insorgono tutte le teste di rapa che vogliono per Putin un processo internazionale per crimini di guerra. Gli stessi che hanno bombardato, sterminato e bruciato al forno mezzo mondo. 

    Purtroppo i disastri accadono quando i cretini si coalizzano e diventano soverchianti. Ma in fondo al tunnel c’è il non ritorno.

    ciao

  • Di paolo (---.---.---.49) 19 ottobre 2021 11:46

    Capisco il senso generale dell’articolo. Tuttavia ci sono alcune considerazioni da fare.

    I non vaccinati sono al momento tra i 6 e gli 8 milioni. Escludendo coloro che hanno evidenti ragioni sanitarie, il resto è inadempiente ad un dovere civico fondamentale, ovvero contribuire all’equilibrio sanitario generale. Siamo sempre in quel’ambito di furbizie per cui vai avanti tu cretino che ..... Cosi’ è stato per il servizio militare ecc. Le paure, alimentate da imbecilli di ogni genere, non giustificano il sottrarsi ad un dovere nei confronti degli altri cittadini. Perché oltre ai diritti ci sono pure i doveri. Il Green pass è conseguente; chi non vuole vaccinarsi non lo fa e protesta per la violazione del suo diritto al lavoro. Chi invece è vaccinato ma protesta ugualmente è per un mero pretesto politico.

    Insomma da qualunque parte la si gira la sostanza non cambia, siamo il paese dei furbetti, addestrati da decenni di tolleranza a prescindere da chi ci governa. E’ ora di darci un taglio. Ergo non stiamo esagerando.

  • Di paolo (---.---.---.49) 12 ottobre 2021 17:30

    errata corrige : " Lealtà Azione" e non Azione come citato per errore. Ovviamente trattasi di due soggetti pubblici completaemente diversi.

  • Di paolo (---.---.---.49) 6 ottobre 2021 23:44

    Un quadro perfetto. Complimenti, io non avrei saputo spiegare meglio.

    Però due anime ci sono e ci sono sempre state. La Lega Lombarda del Bossi et succ. è ben altra cosa della Liga Veneta, che altro non è che la reicarnazione della vecchia DC veneta. Il sodalizio resiste proprio per le ragioni che lei ha spiegato ma se Salvini persiste nella sua linea prima o poi si arriverà ad una resa dei conti. Magari non sarà una diaspora vera e propria ma sicuramente qualcuno pagherà dazio. 

  • Di paolo (---.---.---.49) 4 ottobre 2021 09:54

    Cara Doriana, purtroppo questo è. Viviamo in un paese confessionale che solo formalmente è laico. I tentativi ripetuti di abrogare la legge 194/78, introducendo limitazioni al diritto di autodeterminazione delle donne sono sotto gli occhi di tutti. 

    Tornando al titolo, cerco di rispondere alla tua domanda. Io credo che la funzione degli uomini( leggi maschi) sia quella in primis di garantire il benessere e la felicità delle donne (leggi femmine). Sembra retorica ma non lo è. Oltretutto è anche una esigenza di garanzia per la sopravvivenza della specie. Difatti in natura non esiste alcuna specie dove il maschio uccide la femmina. Fa parte solo della natura umana. Allora la risposta è semplice, trattasi di uomini malati e ignoranti che vivono in un delirio di onnipotenza e che sfogano le loro frustazioni sul più debole, ovvero le donne. Picchiare o maltrattare una donna, fino ad ucciderla, è il prodotto di un malsano concetto di equiparazione della donna ad un oggetto di proprietà. Siccome è roba mia ne faccio quello che voglio.

    Ma guai a fare di tutta un’erba un fascio. Questi sono malati, gli uomini sono altra cosa. Circa la questione dei medici che si sottragono all’aborto in ragione di una obiezione di carattere religioso, perché questo è il nocciolo della questione ( perfino per fini terapeutici e al netto di situazioni particolari), la soluzione è semplice: un calcio nel sedere e a casa. Fuori i bacchettoni, beghini o bigotti. Non devono restare all’interno di strutture pubbliche. Purtroppo però questo non si può fare perché Santa Romana Chiesa vigila e controlla le armate cattoliche che si annidano in tutti i partiti. Loro la chiamano, come nel caso della eutanasia," obiezione di coscienza", io la traduco in "potere sulla vita e sulla morte".

    ciao 

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità