• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

paolo

L'età avanza e perciò la lascio perdere ,coniugato con figlio ,milite assolto ,laurea in fisica + corsi post ,vita lavorativa intensa e a tipologia variabile dall'insegnante(breve) all'autonomo con passaggi in mutinazionali .
Interessi personali in elettronica ed informatica .

Statistiche

  • Primo articolo martedì 08 Agosto 2010
  • Moderatore da martedì 11 Novembre 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 264 2762 1376
1 mese 1 12 6
5 giorni 0 3 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 370 349 21
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di paolo (---.---.---.49) 26 novembre 2019 17:36

    E però cara Emilia, con tutto il rispetto per il tuo innegabile impegno in difesa dei diritti, bisogna che una riflessione su quello che ti dice Salvà la devi pur fare.

    Le sardine non vanno catalogate come un movimento di "impegno politico" con tanto di rivendicazioni e finalità, nella più stretta accezione del termine. Non hanno una organizzazione, intesa in senso dirigista, né hanno un partito di riferimento ; al più sono configurabili genericamente in una area di sinistra ( spontanea o spintanea che sia).

    Le sardine sono un anticorpo che combatte una infezione. Non stanno proponendo un modello classico di antagonismo politico alla "destra", stanno contrastando il " metodo Salvini" in quanto tale. E lo fanno utilizzando le pratiche del batterio infettante, ovvero Salvini, proprio dove lui è più forte ma anche più attaccabile, ovvero le piazze, la rete, i social ecc.., ovvero quella macchina della propaganda che si chiama "la bestia".

    Quindi io non lo vedo affatto come uno spreco di energie. L’obiettivo c’è ed è chiaro, dare la sveglia alle coscienze di chi vede nella destra di Salvini un pericolo per la democrazia, vero o presunto che sia. Poi vedremo se e quanto questo potrà influenzare il mondo politico. L’importante à che nessuno cerchi di strumentalizzarli.

    ciao

  • Di paolo (---.---.---.49) 25 novembre 2019 09:59

    Calma e gesso. Prima di tutto non ho mai usato il termine "censura "; se sospettassi che AgoraVox pone in atto una cosa del genere, tanti saluti e amici come prima. Se ho chiesto un chiarimento alla redazione è proprio perché ripongo la massima fiducia in questo blog, che frequento da anni e ritengo ancora un’isola felice in un mare di disinformazione. Mentre il difendersi dal trollismo lo ritengo esercizio sacrosanto. Poi su molti miei articoli ho poco da dire, spesso rileggendoli sarei il primo a non votarli, quindi figuriamoci se.... . In un caso, e solo in un caso (ma non mi ricordo più quale purtroppo) è sparito in sede di moderazione ( non mantengo un archivio personale), o almeno non l’ho più ritrovato. Da quello che mi dite, a questi punti, ritengo si trattasse di un mio errore materiale nell’inserimento, che peraltro avevo già anche considerato.

    Circa i commenti invece mi pare di capire che il criterio selettivo sia il seguente : anche se il singolo il commento non è formalmente lesivo della correttezza editoriale, viene cancellato quando è ramificato all’interno di un IP ( tale o surrogato) che pone in atto una evidente azione di trollismo; conseguentemente trascinando nel cestino anche l’eventuale risposta a quel determinato commento. Mi pare giusto e adesso mi torna il tutto.

    Bene, chiarimento avvenuto e ringrazio la redazione.

    E pure Salvà.

    saluti

  • Di paolo (---.---.---.49) 24 novembre 2019 15:37

    Caro Fabio , non so se hai notato che da un pò di tempo spariscono i commenti. E ho verificato che vengono soppressi pur non contenendo nulla che possa configurarsi come non conforme alle regole del blog. In un caso perfino un mio articolo proposto in sede di moderazione, sparito come d’incanto; desaparecido. Esiste una precisa linea editoriale che valuta i contenuti ? 

    Ora giusto porre un filtro a chi aggredisce od offende, ma che sta succedendo ? Lo chiedo ovviamente anche alla redazione, perché se non è dovuto a problemi tecnici la cosa diventa francamente sgradevole. Il Giornale ci impiega 7 secondi, ma non vorrei che AgoraVox stia puntando nella stessa direzione .

    ciao

  • Di paolo (---.---.---.49) 24 novembre 2019 10:06

    Quindi è inutile che cittadini si organizzino in una forma spontanea, fosse pure "spintanea", di protesta perché tanto poi finisce in nulla ? E’ questa la morale del polpettone?

    I fallimenti politici sono il sale della democrazia. E quindi ben venga se qualcuno avverte la necessità di contrastare democraticamente l’avanzata di una destra come questa. A prescindere dalle finalità, ma solo come esercizio di vera e sostanziale democrazia.

    Oppure lasciamo lo spazio solo a gente come quel prof leghista di Fiorenzuola che minaccia i suoi studenti se fanno le "sardine", e in aggiunta poi li definisce pure idioti? ( Spero Fioramonti lo cacci a pedate).

  • Di paolo (---.---.---.49) 20 novembre 2019 23:19

    Era inevitabile. Quando l’infezione diventa acuta gli anticorpi reagiscono. Adesso, dopo l’iniziale e inevitabile attenzione, sono curioso di vedere come reagiranno i media mainstream, che tirano spudoratamente la corsa al cazzaro verde.

    Quindi buona fortuna di tutto cuore alla "sardine" e speriamo che sopravvivano alla grandine che sta per abbattersi su di loro. Ne sanno qualcosa i cinquestelle.

    ciao

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità