• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

paolo

L'età avanza e perciò la lascio perdere ,coniugato con figlio ,milite assolto ,laurea in fisica + corsi post ,vita lavorativa intensa e a tipologia variabile dall'insegnante(breve) all'autonomo con passaggi in mutinazionali .
Interessi personali in elettronica ed informatica .

Statistiche

  • Primo articolo martedì 08 Agosto 2010
  • Moderatore da martedì 11 Novembre 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 260 2727 1284
1 mese 1 10 1
5 giorni 0 1 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 363 342 21
1 mese 3 3 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di paolo (---.---.---.49) 1 ottobre 14:45

    Intanto evviva il Sud Tirol. Dunque, che i giovani si appassionino al tema del rispetto e della salvaguardia dell’ambiente è certamente un fatto positivo. Negativo è invece il modello che ci propone Greta Thunberg. Un modello che istiga alla psicosi di massa per una presunta catastrofe planetaria imminente o irreversibile.

    Nel 2004 il presidente Bush commisionò uno studio al Pentagono top secret. Il risultato fu che prevedevano a partire dal 2020 un disastro climatico di tali proporzioni che avrebbe dato la stura a guerre nucleari per la difesa delle risorse naturali. Non mi sembra che ciò stia accadendo, ma nessuno può a priori escludere che un domani un tizio alla Kim Jong-il lanci un ordigno nucleare su New York e scateni un conflitto nucleare globale. Ma non sarebbe colpa del clima che cambia.

     D’altra parte Nostradamus nelle sue quartine proponeva una serie di profezie che avevano il pregio di essere interpretabili a posteriori perché genericamente probabili. Salvo quando indicò in maniera precisa il 1732 per l’estinzione del genere umano e il 1999 per la fine del mondo. E ricordo ancora, alle soglie della fine del millennio passato, che c’era gente terrorizzata che aspettava la fine del mondo e media che non facevano altro che montare questa psicosi irrazionale.Una sorta di gioco demenziale per menti suggestionabili.

    Il consumismo ed il benessere richiedono un enorme impiego di energia. L’energia prodotta dalla combustione dei fossili, nelle quantità richieste da utenze fortemente energivore, può essere sostituita solo bruciando uranio. Le fonti rinnovabili sono un complemento, importante ma non sostitutivo. E’ chiaro che i processi devono essere ottimizzati al minimo impatto ambientale ed è doveroso puntare su efficientamento e risparmio energetico. Questo è il solo modo per condurre una vera campagna ambientalista e non prefigurando catastrofi che non stanno né in cielo né in terra, per bocca di una ragazzina irosa e aggressiva per fatti suoi.

    saluto

  • Di paolo (---.---.---.49) 29 settembre 18:27

    Siamo patria di evasori fiscali impenitenti ed impuniti (record mondiale assoluto). E’ cosi’ che in questo paese si è costruita la ricchezza privata a danno del debito pubblico che continua a crescere. Un frodatore fiscale, beccato una tantum per un disguido, poi condannato ad una "pena" ridicolmente offensiva, è stato a lungo il premier ed è ancora oggi in pista. Mettere in campo una vera lotta all’evasione fiscale significa perdere consensi di una grande moltitudine di elettori. Ecco perché si fanno gli annunci e poi si strizza l’occhiolino; nessuno vuole pagare dazio. E il bello è che a parole le tasse le pagano tutti; poi senti in tv il tizio che lamenta di avere lavorato una vita, magari riuscendo a farsi una casa per lui e per i figli (storie vere) e però ha una pensione minima. Praticamente una autodenuncia pubblica, per quanto inconsapevole, di essere un evasore fiscale, alla faccia di che le tasse le paga anche per lui. E il bello è che nessuno si accorge, tanto meno i giornalisti di turno, che hanno di fronte un evasore, anzi commiserano la iniquità del sistema pensionitico. Razza di imbecilli o conniventi.

    Questo governo sembra più deciso, almeno sul piano delle intenzioni, di quelli che lo hanno proceduto. Vedremo. Ma l’unico segnale che può dirci che non è la solita boutade è una vera e seria legge "carcere per gli evasori". Senza se e senza ma. Se riescono a farla, e ho dei seri dubbi in proposito, il giorno dopo scatta la protesta "governo manettaro, giustizialista, oppressore delle libertà, inquisitore ecc... " da parte dei soliti noti che stanno li proprio a garanzia che questo non avvenga mai. 

  • Di paolo (---.---.---.49) 26 settembre 16:08

    Il governo del cambiamento presupponeva che tutti coloro che ne facevano parte fossero per il cambiamento. Per esempio riformare la giustizia, che consente ai soliti noti di farla franca ( vedi prescrizione ed intercettazioni), lotta vera all’evasione fiscale puntando sulla informatizzazione, risolvere il conflitto di interessi (tzé!), colpire i privilegi ingiustificati, ridurre il numero di coloro che mangiano a sbaffo con la politica, beni comuni pubblici da sottrarre ai privati succhiasoldi, tagliare le risorse agli sprechi (TAV e altre menate da madamine ) che vanno a solo beneficio della speculazione da parte dei prenditori, ridurre le disparità sociali, una scuola pubblica degna di questo nome, sanità efficiente per chi non può ecc.........

    Però giunti al dunque si è scoperto che una parte, ovvero la Lega, aveva utilizzato il governo come tram per la cattura del paese. Hanno tirato il freno a mano quando il programma cominciava a toccare punti caldi indigesti per la Lega e gli interessi che essa rappresenta; e quando Salvini pensava di avere ormai in pugno la situazione. Per di più tirando l’inchiappettata dei troppi no che riceveva. Una giustificazione "ad usum imbecillis" (maccheronico).

    Comunque, malgrado i ceppi sotto le ruote, non puoi dire che nulla è stato fatto. Forse, ed è un dato sconfortante, ha fatto più e meglio il Conte 1 in quindici mesi che altri governi in 15 anni. Certo dipende dai punti vista.

    Il PIL è un dato di previsione sulla base di indici economici. Se d’un botto rallenta la Germania, che dal 2,5 passa allo 0,5 non puoi pensare che noi rimaniamo un’isola felice. Non confondiamo le promesse con previsioni che dipendono da congiunture internazionali.

    Adesso, visto che ormai sono vecchiotto anchio, se posso permettermi ti suggerisco di "stare sereno " e goderti gli effetti speciali che ci attendono nei mesi che verranno. Adesso abbiamo una Italia viva.

    ciao

  • Di paolo (---.---.---.49) 24 settembre 16:35

    Caro Enzo, stai emulando i dolori del giovane Werther. Non trovi pace.

    Le domande sono tutte legittime, il punto è cosa ci si vuol sentire rispondere. E poi da chi ?.Nessuna risposta potrà mai essere certa e soddisfacente se la domanda poggia su una premessa dubbia o infondata. Vado random . Finanziaria 2018/2019 un bagno di sangue. E chi lo dice, e poi un bagno di sangue per chi ? perché quelle di prima? Quota 100 e reddito di cittadinanza, i poveri pochi o tanti per prendere voti? Sono oltre 5 milioni sotto la soglia ( Istat), ma meno di un milione cercano lavoro. Chiediti il perché. Molti italiani credono di votare per avere tasse più basse. E perché se si fa ancora poco o nulla per farle pagare a tutti (130 miliardi di evasione/anno). Gli italiani ( il popolo ! ) hanno in stragrande maggioranza sempre votato per partiti che hanno favorito evasione, elusione e frode fiscale e poi dovrebbero avere il diritto di pagare meno tasse? E dove sta scritto?. ecc..... Giustizia sociale una chimera.

    Poi vedo che insisti con i grillini tutti Giuda Iscariota. E’ una tua fissa. Se come dici hanno tradito i loro elettori, degli altri che dobbiamo dire? Ladri, opportunisti, mafiosi, mentitori seriali, voltagabbana.......... Insomma quale è il metro di giudizio che applichi? Esiste un tuo relativismo di giudizio, o semplicemente ce l’hai con i "grullini" perché giocano fuori dagli schemi tradizionali destra e sinistra?

    Sui virtuosismi della politica poi stendo un velo pietoso, io sono ancora più pessimista di te, ma questo è quello che passa il convento. Ma se poi dai addosso a quelli meno indecenti ( su dati di fatto alla mano), cosa pretendi?

    Infine la chiosa "se gli italiani hanno voglia di altro lasciamoli fare " . Ma gli italiani chi ? E poi non abbiamo già votato nel 2018 e gli italiani non hanno espresso la loro volontà in piena libertà ? E allora?.

    ciao

  • Di paolo (---.---.---.49) 23 settembre 10:34

    Tra le varie etichette che vengono rifilate ai grillini, tutte ovviamente con intenti denigratori, io ne suggerirei una che mi sembra invece decisamente più pertinente "i grillini sono quello che fanno". Che sta ad indicare la loro vocazione nel procedere per obiettivi di programma. Poi che ci riescano o meno questa è un’altra storia, ma almeno ci provano, contro l’estabilishment che rema contro.

    Ecco perché "allearsi" con il PD piuttosto che con la Lega, LeU o perfino la Meloni , per loro non fa assolutamente nessuna differenza. Non è questione di incoerenza politica, ma bensi’ di assoluta coerenza strategica. L’unico stop preventivo è quello nei confronti di Silvio per motivi che è inutile ricordare.

    Chi invece confonde questa loro vocazione per "non essere né oca né uccello", ovvero qualunquisti da quattro soldi, significa che non ha capito una beata mazza di cosa è e cosa rappresenta il M5S.

    Poi che questo sia anche un loro limite è fuori discussione. Nel senso che avranno sempre un elettorato fluido.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità