• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

paolo

L'età avanza e perciò la lascio perdere ,coniugato con figlio ,milite assolto ,laurea in fisica + corsi post ,vita lavorativa intensa e a tipologia variabile dall'insegnante(breve) all'autonomo con passaggi in mutinazionali .
Interessi personali in elettronica ed informatica .

Statistiche

  • Primo articolo martedì 08 Agosto 2010
  • Moderatore da martedì 11 Novembre 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 242 2652 1228
1 mese 1 0 0
5 giorni 1 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 329 312 17
1 mese 1 1 0
5 giorni 1 1 0












Ultimi commenti

  • Di paolo (---.---.---.49) 26 novembre 2018 09:02

    Fa il paio con chi curava i tumori con il latte di capra, quello che lo faceva con complessi vitaminici oppure quello con le cellule staminali. Al peggio non c’è mai fine.

  • Di paolo (---.---.---.49) 24 novembre 2018 14:01

    Nessun tono polemico Salvà, anzi lei meglio di me ha meglio chiarito ciò che volevo dire sull’incenerimento dei rifiuti e per questo la ringrazio. Il problema sul nucleare è più complesso. E’ vero la Germania ha preannunciato la progressiva dismissione, si parla del 2040-2050, ma per intanto continua a produrre, cosi’ come tutti gli altri paese nuclearizzati, Giappone compreso. Il punto è che per allora si presume siano pronte tecnologie alternative (fusione in luogo della fissione, centrali al torio anziché uranio, nuove tecnologie per bruciare le scorie ecc.. ) .

    Speriamo che anche la Toscana segua la linea tenuta dal Veneto. Le premesse ci sono tutte, ma anche gli appetiti dei soliti maneggioni sono sempre vivi e vegeti.

    grazie e saluto

  • Di paolo (---.---.---.49) 24 novembre 2018 11:32

    Non posso ovviamente valutare la mia intelligenza ed il mio livello di preparazione specifica nei confronti di tutti quelli che lei ironicamente propone. Con lei, caro Gherardini, invece potrei ma preferisco citarle una situazione che spero la induca a riflettere.

    Qualche decennio orsono, sulla scia di Chernobyl poi bissato in anni recenti, gli italiani con due referendum decisero l’uscita definitiva dal nucleare. Lo fecero con scontri accesi nei vari talk show televisivi, che in teoria avrebbero dovuto informarli adeguatamente. Si confrontarono giornalisti, politici, filosofi, storici.... persino preti, ma nessuno di coloro che erano conoscitori del tema, fatto salve un paio di eccezioni puntualmente soverchiate dal giornalista o politico di turno. Ricordo un Di Pietro (pensa te se ne ha fatte) che proponeva pannelli solari, tracciandone i relativi bilanci energetici(sic!). Alla fine i cittadini, nella loro genericità e totale disinformazione, votarono contro. Per inciso, seguendo il suo ragionamento, in Francia ci sono 58 centrali termonucleari, peraltro presenti in tutti i paesi europei compresi quelli che lei ha citato a mo di esempio. Ha sentito di stragi e morie di francesi? Tutti scemi tranne noi ? Siamo i più intelligenti del mondo ?. Oggi ne paghiamo lo scotto in termini economici (anche per la perdita di Know how e conseguenti danni in un settore dove eravamo primi nel mondo) e in compenso non abbiamo risolto nessun problema di salvaguardia ambientale, anzi l’opposto visto che la combustione dei fossili (carbone in primis, petrolio ecc..) è la causa primaria dei disastri che stiamo vivendo e , udite udite, non ci esautora neppure dalla emissione di radionuclidi ( si informi). Pensi anche alle navi che ogni tanto si sfondano e riversano in mare milioni di tonnellate di idrocarburi. Altro che i camion della spazzatura.

    Ma aspetti a tirare conclusioni affrettate. Il sottoscritto, che anche su questo blog dopo Fukushima, per quello che scrivevo, fu accusato di essere uomo in quota nuclearista, ovviamente per interessi personali pagato da ENI o da chissa chi, a quel referendum votò contro (ovvero si). Lo feci, a differenza di chi prospettava mucche con due teste, rane giganti, bambini a quattro gambe e altre demenzialità del genere che passavano ogni sera in tv, non perché ritenevo il nucleare pericoloso ( non ha precindere), ma perché ritenevo pericolosa la classe politica che avrebbe poi dovuto gestirlo ed amministrarlo. E non sto a dirle il perché.

    Tragga lei la morale.

  • Di paolo (---.---.---.49) 23 novembre 2018 11:35

    Che gli inceneritori siano in tutta Europa è un dato di fatto incontrovertibile, anche i motori a combustione sono diffusi in tutto il mondo ma questo non significa che non ci sia alcun impatto sull’ambiente e sulla salute.

    Vede Laiso, al netto di alcune sue affermazioni che mi permetto (senza offesa ) denotano un certo limite nella preparazione scientifica e segnatamente di fisica, io non ho affatto sostenuto che gli inceneritori siano peggio dei rifiuti abbandonati per strada o delle discariche, tanto più se abusive. E’ evidente che il problema (enorme) dello smaltimento deve avere un approccio pragmatico, cosi come non mi sognerei di dire che tutti i mezzi a combustione circolanti nel mondo devono essere fermati, che significherebbe il blocco totale delle attività umane. Sarebbe demenziale, ma certo bisogna cominciare ad avere un approccio culturale diverso, tenendo presente che la combustione riduce i volumi ma il bilancio di massa rimane invariato e ciò che non si raccoglie viene disperso nell’ambiente, con tutti gli effetti che ne conseguono. Lasci poi perdere per cortesia le nanoparticelle, che non mi sembra siano pane per i suoi denti; in questa sede non posso dilungarmi né tanto meno approfondire e quindi perdonerà se non mi confronto sul tema. Purtroppo rilevo che anche lei, che certamente è dotato di ottima cultura, cade fatalmente nei luoghi comuni che involontariamente o più ancora in maniera del tutto mirata vengono spiatellati ad ogni pié sospinto. Le suggerisco di studiare i risultati delle indagini epidemiologiche (I.S.S., Arpa, Medici per l’ambiente ecc.. ) condotte sulle popolazioni che vivono in aree di inceneritori RSU o perfino di forni crematori ( variante ancora più pericolosa data la tipologia di processo). Il non detto è molto più e peggio di quanto si dice, Brescia compresa, e il perché è intuibile dal momento che nessuno ha interesse ad allarmare la popolazione. Nel mentre una città pulita, senza rifiuti per strada, porta consenso e quindi voti. Le aspettative di vita poi dipendono su quali parametri vengono stabilite.

    Chiudo, scusandomi per la lungaggine, con il paragone con le caldaie a metano che purtroppo è ricorrente e che anche lei cita. Stechiometricamente la combustione del metano produce solo anidride carbonica e vapor d’acqua; ma siccome l’aria contiene anche altro, principalmente azoto, si generano per ossidazione anche altri composti. Tuttavia è ben altro e assolutamente non paragonabile quando si brucia massa organica o plastica (o altro) con contenuti in cloro, metalli pesanti ecc.. . Sono ambiti totalmente imparagonabili, cosi’ come sono imparagonabili le auto, fatto salvo per alcuni macroinquinanti tipici della combustione. Eppure c’è chi ci gioca sopra senza alcuno scrupolo e non certamente in buona fede. Mi fermo qui ma meriterebbe ben altro.

    Lo scopo del mio articolo, che non vuole essere un trattato di chimica fisica, è solo quello di smontare la balla, funzionale a determinati interessi, sui " termovalorizzatori ". Chiamateli correttamente "inceneritori" a parziale recupero energetico. Anche nei crematori si recupera parte del calore di combustione per i servizi, ma il saldo energetico è comunque molto negativo e viene addebitato sotto forma di bolletta. Ma si entra in un’altra storia.

    grazie per l’intervento e per il contributo.

  • Di paolo (---.---.---.49) 22 novembre 2018 14:20

    Condivido, ma non era assolutamente mia intenzione fare propaganda a favore del M5S. Anzi nel caso specifico ( amministrazione di Carrara MS Toscana), che ho esposto nell’introduzione dell’articolo, ho visto la giunta M5S comportarsi in maniera del tutto difforme e molto discutibile rispetto ai principi fondanti del movimento in materia ambientale. Come dire paese che vai............. . ma il punto è che gli oppositori del M5S si comportano peggio, strumentalizzando il problema solo per farne un attacco politico. Un paio di sere fa in tv ho sentito il senatore Casini (ieri in quota Berlusca oggi in quota PD) che cazzeggiava sulla assoluta " inocuità " dei "termovalorizzatori", tanto per citarne uno che vive solo di politica e che evidentemente straparla. Poi subito bissato in altra occasione da un altro signore che risponde al nome di Di Pietro, seppure in italiano più incerto. Ma cito anche il caso di tale Matteo Renzi che ha proposito dell’inceneritore di Firenze catechizzò, dall’alto della sua assoluta ignoranza in materia (come spesso gli capita), un signore che si occupa di nanopatologie da incenrimento (dott. Montanari). Ho ancora presente lo sconforto del dott. Montanari che evidentemente non era abituato a scontri di tal fatta, essendo difficile( anche se non impossibile) in ambito scientifico trovare rape di tale portata. Insomma al peggio non c’è mai fine.

    saluto

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Satira

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità