• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

paolo

L'età avanza e perciò la lascio perdere ,coniugato con figlio ,milite assolto ,laurea in fisica + corsi post ,vita lavorativa intensa e a tipologia variabile dall'insegnante(breve) all'autonomo con passaggi in mutinazionali .
Interessi personali in elettronica ed informatica .

Statistiche

  • Primo articolo martedì 08 Agosto 2010
  • Moderatore da martedì 11 Novembre 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 300 2885 1541
1 mese 2 2 0
5 giorni 0 1 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 407 375 32
1 mese 2 2 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di paolo (---.---.---.49) 19 marzo 11:21

    Ogni tanto una boccata di ossigeno. Ringrazio anche Enzo e Doriana, grazie a Dio c’è ancora chi ha il barlume della ragione. Di Poletti e Ruggeri ho perso il conto. Quello però che non capisco è se tutti questi posseduti "ci sono o ci fanno".

    ieri, per esempio, ho assistito ad una "performance" di Parenzo ( ne cito uno a caso) in quel de La7 e non capisco dove finisce l’ignoranza e dove inizia la malafede o furbizia, opportunismo, chiamatela come volete. Insomma ignorano o fingono? Questo è il dilemma. Perché è veramente straordinario come riescano a dire certe cose senza il minimo pudore. Sia chiaro la storia dell’umanità è stata ed è piena di questi soggetti, ciò nonostante ogni volta riescono a sorprendermi. 

    saluto

  • Di paolo (---.---.---.49) 15 marzo 10:58

    Ma si rende conto che quello che lei afferma contrasta con il "pensiero unico" dominante e dilagante, non solo sui media mainstream, ma perfino su questo blog ?

    Che quella testa di russo di Putin non abbia alcuna attenuante per quello che sta combinando è chiaro e limpido. Ma guai a fare la minima critica a Zelensky ( e la sua cerchia). E non solo perché si è autoproclamato il martire di Belfiore, ma soprattutto perché, in preda ad un delirio nazionalista, se l’è tirata come peggio non si poteva. Dice il saggio " ad ogni azione corrisponde una reazione". Chi governa una nazione, seppur proveniente dal cabaret comico, dovrebbe avere un minimo di senso di responsabilità soprattutto verso il suo popolo. E invece il nostro s’è tirato in casa noti bombaroli che credono di essere i padroni del mondo. Oddio cosa ho detto ?! Anatema; chiedo venia e rettifico, portatori di democrazia e di "valori", magari con bombe e stragi di civili, ma pur sempre benefattori dell’umanità. 

    Lei ha assolutamente ragione chi scappa dall’Ucraina sono profughi, non esuli. Ma col cavolo che se a scappare dalle bombe sono russi (vedi Donbass) questi sono considerati profughi. Perché anche i profughi hanno uno status diverso a seconda da chi scappano.

    saluto

  • Di paolo (---.---.---.49) 14 marzo 08:22

    Nell’emisfero del "pensiero unico" se ti azzardi a dissentire su le cause che hanno prodotto il conflitto, diventi automaticamente un estimatore di Putin. E se dici che Zelensky ha fatto di tutto ( e di più) per tirarsela sei un visionario. Questo è quello che passa il convento. 

    La morale è che se a questi nani politici non scapperà la frizione, l’Europa dovrà darsi un ruolo diverso da quello di sudditanza ai bombaroli USA. Per almeno due motivi. Primo perché la Russia è Europa (come geografia e storia) e secondo perché i nostri interessi (il vil dané) non coincidono per nulla con quelli di Biden ( o chi per lui). Poi ci aggiungo che chi confina con un impero (perché tale da sempre è la Russia) ha responsabilità maggiori. Esattamente come chi confina con l’impero nord americano. Infine ci aggiungerei pure che chi ha avuto decine di milioni di morti per difenderci dal nazifascismo (vincendo la 2° guerra mondiale e arrivando a Berlino ben prima dei marines ) avrebbe diritto ad una maggiore considerazione e rispetto.

    Comunque qui mi fermo e ti saluto. Sempre un piacere confrontarmi con te.

    ciao

  • Di paolo (---.---.---.49) 13 marzo 17:26

    E dai Fabio !

    L’Ucraina nella NATO ci sarebbe entrata, su questo non ci piove. Questo è il capolavoro di Zelensky, teleguidato dai bombaroli a stelle e strisce e sedicenti. Prendine atto. Non si può giocare con le parole. Cosa volevi che la Russia aspettasse quel momento per intervenire, ovvero scatenare una guerra nucleare?. E non è affatto un "tutto qui" come tu dici. C’è tutto un pregresso e purtroppo un seguito che non sappiamo dove ci porterà. E per dirla tutta a me di subirne le conseguenze, per questi quattro coglioni di nazionalisti a caccia di dollari, non mi va proprio giù. Cogito ergo sum.

    ciao

  • Di paolo (---.---.---.49) 12 marzo 11:51

    Detto fatto. Tutto trito e ritrito, scontato, fregnacce e via di questo passo. La Russia fa le manovre militari in Russia ed è l’equivalente della Nato che le fa in paesi non Nato e al confine con la Russia. La Nato, ovvero sostanzialmente gli USA + azzerbinati, bombarda mezzo mondo, ammazzando centinaia di migliaia di civili, ma lo fa a scopo difensivo anche senza avere ricevuto alcuna aggressione. A meno di considerare tale qualunque atto che non quadra con l’imperialismo americano. Adesso arriva il turno della Cina che, siccome si avvia ad essere la prima potenza economica del pianeta, bisogna metterla sub iudice come potenziale pericolo. Voglio vedere cosa si inventano dopo i cinesi che mangiano i topi, il Covid sparso per scopi oscuri ecc... . L’iphone (Apple) le busca da Samsung e allora metto le sanzioni perché la cosa non si addice. Poi c’è qualcuno che, evidentemente bendato, continua a dire che USA sono la "più grande democrazia del mondo". 

    Siamo perfettamente in linea con se metti i missili a Cuba ti picchio, mentre io li voglio mettere dove mi pare, magari anche sulla piazza rossa, in virtù di un principio divino. Le mie bombe sono democratiche e anche intelligenti, le tue sono orrende e fanno stragi di donne e bambini. 

    Poi i nostri media diffondono 24 ore/24 ad unisono immagini crudeli, corredate da evidenti fake news, di come si muore in questa schifosa guerra e le altre scatenate dai "democratici" in the world diventano fioretti.

     C’è un professore della Luiss che si occupa di geopolotica, ama gli USA e studia in maniera scientifica gli eventi in Russia, però siccome sterza dal pensiero unico, la sua "Università" lo scarica e in tv basta un Caprarica qualsiasi, corredato da quel tizio italo ucraino in servizio permanente, per farlo passare per mentecato.

    Bene.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità