• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

paolo

L'età avanza e perciò la lascio perdere ,coniugato con figlio ,milite assolto ,laurea in fisica + corsi post ,vita lavorativa intensa e a tipologia variabile dall'insegnante(breve) all'autonomo con passaggi in mutinazionali .
Interessi personali in elettronica ed informatica .

Statistiche

  • Primo articolo martedì 08 Agosto 2010
  • Moderatore da martedì 11 Novembre 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 287 2848 1533
1 mese 3 4 0
5 giorni 1 1 1
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 392 362 30
1 mese 1 1 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di paolo (---.---.---.49) 12 ottobre 17:30

    errata corrige : " Lealtà Azione" e non Azione come citato per errore. Ovviamente trattasi di due soggetti pubblici completaemente diversi.

  • Di paolo (---.---.---.49) 6 ottobre 23:44

    Un quadro perfetto. Complimenti, io non avrei saputo spiegare meglio.

    Però due anime ci sono e ci sono sempre state. La Lega Lombarda del Bossi et succ. è ben altra cosa della Liga Veneta, che altro non è che la reicarnazione della vecchia DC veneta. Il sodalizio resiste proprio per le ragioni che lei ha spiegato ma se Salvini persiste nella sua linea prima o poi si arriverà ad una resa dei conti. Magari non sarà una diaspora vera e propria ma sicuramente qualcuno pagherà dazio. 

  • Di paolo (---.---.---.49) 4 ottobre 09:54

    Cara Doriana, purtroppo questo è. Viviamo in un paese confessionale che solo formalmente è laico. I tentativi ripetuti di abrogare la legge 194/78, introducendo limitazioni al diritto di autodeterminazione delle donne sono sotto gli occhi di tutti. 

    Tornando al titolo, cerco di rispondere alla tua domanda. Io credo che la funzione degli uomini( leggi maschi) sia quella in primis di garantire il benessere e la felicità delle donne (leggi femmine). Sembra retorica ma non lo è. Oltretutto è anche una esigenza di garanzia per la sopravvivenza della specie. Difatti in natura non esiste alcuna specie dove il maschio uccide la femmina. Fa parte solo della natura umana. Allora la risposta è semplice, trattasi di uomini malati e ignoranti che vivono in un delirio di onnipotenza e che sfogano le loro frustazioni sul più debole, ovvero le donne. Picchiare o maltrattare una donna, fino ad ucciderla, è il prodotto di un malsano concetto di equiparazione della donna ad un oggetto di proprietà. Siccome è roba mia ne faccio quello che voglio.

    Ma guai a fare di tutta un’erba un fascio. Questi sono malati, gli uomini sono altra cosa. Circa la questione dei medici che si sottragono all’aborto in ragione di una obiezione di carattere religioso, perché questo è il nocciolo della questione ( perfino per fini terapeutici e al netto di situazioni particolari), la soluzione è semplice: un calcio nel sedere e a casa. Fuori i bacchettoni, beghini o bigotti. Non devono restare all’interno di strutture pubbliche. Purtroppo però questo non si può fare perché Santa Romana Chiesa vigila e controlla le armate cattoliche che si annidano in tutti i partiti. Loro la chiamano, come nel caso della eutanasia," obiezione di coscienza", io la traduco in "potere sulla vita e sulla morte".

    ciao 

  • Di paolo (---.---.---.49) 2 ottobre 10:57

    In punta di diritto la condanna ci sta, ammesso ma non concesso che tutti i capi di imputazione siano provati. La cosa che non torna in questa sentenza, concordo con te sulla vergognosa sproporzione in rapporto ad altri casi ben peggiori, è che se un PM chiede 7 anni ed il giudice li raddoppia, i casi sono due o sbrocca il PM o sbrocca il giudice. Mai visto un caso del genere; vedremo quando il dispositivo sarà pubblicato.

    Credo comunque che in appello la condanna verrà ridimensionata. Tuttavia è anche però evidente che, anche nel caso che i fini di Lucano fossero benemeriti, un sindaco deve prima di tutto rispettare le leggi. Non ti nascondo però che a naso ci sento, sotto sotto, un forte odore di punizione per fini politici. Non sono incline alla teoria delle sentenze ad orologeria ma questa, per un complesso di situazioni, mi sembra troppo tempestiva. 

    vedremo ciao 


  • Di paolo (---.---.---.49) 3 giugno 17:28

    Il dubbio " E se non fosse colpa della povera Raggi ?" è fantastico. Il "povera" poi è superlativo.

    Nel 1989 (fonte Travaglio, ovvero un "giornalista" e non un lacchè travestito da giornalista, quali abbondano nella nostra stampa mainstream tanto al chilo) la presidenza della repubblica (Cossiga) inviò invito ufficiale(documentato) per consultazioni all’allora presidente della Banca d’Italia Carlo "Azelio" Ciampi. Proprio cosi’ Azelio e non Azeglio. Allora la Raggi era una bambina.

    Su una cosa però concordo, ovvero che la Raggi non è Draghi. Non ci piove. Ma temo che i romani questo non lo abbiano capito e alle prossime elezioni amministrative torneranno sui soliti campioni che tanto bene hanno fatto alla loro città. 

    Alberto Sordi, sciatteria.......... ma che è ?!

    saluto

     

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità