• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Enzo Salvà

Enzo Salvà

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2018
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 20 170 88
1 mese 1 21 7
5 giorni 0 3 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 86 75 11
1 mese 8 7 1
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 18 settembre 16:55
    Enzo Salvà

    Caro "Er fregnacciaro", avvisi il Sig. Indelicato che quando scrive "occorre recuperare, sfruttando l’attuale contesto politico italiano, tutto il denaro perso con il decremento di oltre il 90% degli sbarchi dal 2017 al 2019" sbaglia di grosso:

    Salvini, Di Maio, Conte non hanno pagato la rata degli ultimi mesi ai libici.

    Del resto Salvini non ha nemmeno pagato gli straordinari 2018 alla Polizia di Stato.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 17 settembre 16:23
    Enzo Salvà

    Io sono contento! Piaccia o meno il PD era un mostro politico ex PCI ed ex DC assieme in un partito.

    Così la questione si risolve: Renzi si fa la sua En Marche alla Macron (l’aveva già detto ed aveva aderito mesi fa), di destra, liberalista, liberista. 

    Renzi non indebolisce nulla: non può pensare di andare ad elezioni, non ha nessun radicamento sul territorio. Anzi, sarà un fedelissimo di Conte, a modo suo naturalmente, presenzialismo, forte spinta mediatica, alla Salvini insomma.

    Vediamo se, in Italia, riesce a tornare un partito di idea almeno socialdemocratica, che si occupi in prima battuta della parte più debole del Paese, collabori veramente con i Sindacati, con le parti sociali e del terzo settore.

    Comunque tutto cambia, chi merita vive, gli altri finiranno nel dimenticatoio.

    Comprendo la sua rabbia contro l’individualismo spudorato e ipocrita, forse anche megalomane, ma questo è quello che scegliamo noi cittadini elettori......!

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 16 settembre 15:59
    Enzo Salvà

    Su dispercezione. social network, sterile indignazione sono d’accordo con Lei.

    Di Hong Kong so poco ma lì si vive una situazione di passaggio da un modo di vivere ex coloniale della cultura e pratica inglese ad una Cina che, in quanto a diritti umani e opposizione, non è certo un modello.

    I francesi hanno fatto un mezzo casino partendo dai Social: probabilmente l’aumento delle accise sui carburanti è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso di una mutazione di condizione sociale ritenuta ingiusta: in Italia, a quelle condizioni, non ci siamo mai nemmeno arrivati, ma tant’è.

    La classifica IPSOS è molto interessante, il risultato finale ci dice che i Paesi dove la corretta percezione è più elevata, sono anche quelli dove anche il dubbio sulla propria percezione, è più elevato. E’ un segnale di intelligenza e di elevazione culturale? Mi sembra di sì.

    Siamo provinciali, non conosciamo la condizione sociale di altri Paesi che hanno, come noi, polpa e osso, magari diversamente suddivisi. Condizioni che non vengono mai raccontate/analizzate contemporaneamente. Sempre e solo una faccia della medaglia e a casa ci beviamo tutto e deroghiamo addirittura sulla dignità personale.

    Il Suo articolo mi fa però tornare alla mente la lectio magistralis di Umberto Eco che parlava “anche” dell’invasione degli imbecilli, e va bene, ma anche di chi approfitta della rete, tabloid sensazionalistici, partiti politici, notizie false non filtrate, ecc.

    Assegnava un ruolo alla stampa ed alla rete: un servizio di verifica dei dati, opportunità non sfruttata né dagli utenti della rete né dai giornalisti. Trovo più interessante questo che l’abbinamento social/bar, azzeccatissimo.

    C’è una grande responsabilità dei media, del mondo dell’informazione. Il quarto potere, che sempre più spesso e volentieri assomiglia ai social, diffonde tanta propaganda a scapito della correttezza della notizia, altro che le cinque regole del giornalismo inglese,

    Mi rendo conto che anche la demagogica legge sull’editoria ha fatto danni, Le auguro buona fortuna, ma non credo cambierà molto. Anche il Suo mondo è abbastanza portato verso gli slogan e le mezze verità. Così si alimentano gli equivoci ed in questo mare di informazioni diventa difficile per gente comune capire ed orientarsi, anche per coloro che, come me, sarebbero interessati.

    Tenga presente che la maggior parte della gente ricava notizie dalla televisione: TG e Talk, Le sembrano di qualità? Io spero che i programmi di approfondimento siano altrettanto seguiti, non lo credo.

    Se la gente, non sa un fico secco di nulla ma tutti “siamo diventati tuttologi”, non è “solo” colpa nostra, non è solo nostra responsabilità: l’ignorante rimane tale se chi ha conoscenza non si sforza di diffonderla in maniera comprensibile, la più completa possibile, tentando di suscitare interesse e curiosità: i media hanno una funzione di divulgazione estremamente importante in questo.

    Ma i media, tutti, devono cercare di dividere la pula dal grano, i fatti dalla propaganda: col cavolo che un comune cittadino può farlo da solo.

    In politica, anche solo per eleggere i tuoi rappresentati, in un certo senso, tuttologo devi esserlo comunque. Certo è che, se si parla di politica e non si partecipa nemmeno al Consiglio Comunale del paese o della cittadina in cui abiti, vai poco distante.

    Eppure da imparare ce ne sarebbe: è sufficiente partecipare per comprendere la complessità della conduzione della cosa pubblica e confrontare le parole dette in Consiglio con quello che leggerai sui social degli stessi protagonisti o i notiziari il giorno dopo. Oggi non serve nemmeno essere presenti, quasi tutti i Comuni registrano le sedute e le trovi su internet.

    Ma come possiamo rimediare? Tramite i partiti che hanno perduto ogni valore ideale e principio, tutti tesi a “vincere”? Partecipando alla vita locale? Si, se non fossimo così presi a renderci conformi all’atteggiamento del più forte, bullo grullo.

    Come si rimedia? Probabilmente solo sbattendoci le corna e facendoci del male.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.213) 14 settembre 22:04
    Enzo Salvà

    @ Coerenza.... In quanti ai troll, generalmente sono anonimi o usano pseudonimi oppure......, direi sta parlando di sé stesso.

    In secondo luogo non ho alcun motivo per ricredermi su Conte, l’ho già scritto, così come ho scritto che non Salvini, ma l’intero Governo gialloverde, ivi inclusa la sua guida, erano una sciagura. 

    Sul PD non ho problemi come con nessun altro partito purché dimostri livelli di demagogia minimi. Idee diverse sono il sale della democrazia, se i cittadini "partecipano" e tentano di "confrontarsi", non di "scontrarsi come tifosi".

    Naturalmente Lei fa propaganda, strumentalizzazione e disinformazione. Personalmente non cancellerei i suoi commenti: dimostrano il grado di antipatriottismo e di strumentalizzazione partitica che troppi in Italia perseguono.

    Un caro saluto, 

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 12 settembre 16:12
    Enzo Salvà

    Caro freeskipper, capisco poco di accademese e di politichese, il Suo commento mi sembra "evitare di parlarne" oppure "un’arrampicata sugli specchi".

    Come dice Lei, pane al pane, vino al vino: fatti non pugnette (cit.).

    Conte era i Vs. primo ministro e questo è quanto con tutto quello che ne consegue, e ribadisco che, secondo me, non andava scelto.

    Avete di nuovo dimenticato 15 mesi.

    Sulla storia delle dimissioni non date invece, beh, erano legati alle poltrone addirittura dopo che Conte si è dimesso.

    Peccato, continuo a chiedermi questa cosa ma una risposta convincente non l’ho ancora sentita. 

    Io un sospetto: volevano andare ad elezioni anticipate con i Ministeri in mano. Non serve essere un politico per capire che il Presidente della Repubblica non poteva permetterlo, era una manovra troppo evidentemente elettorale e anti-italiana per le importanti scadenze ravvicinate.

    Dall’8 al 20 Agosto avete parlato e dato per certe le elezioni anticipate e lì, credevate di essere furbi ma i furboni........... !

    Un Saluto

    Es.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità