• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Parlamento Italiano, non vorrei crederci!

Parlamento Italiano, non vorrei crederci!

In un paese di teatri e cinema chiusi, è andata in scena una due giorni di tragicommedia senza costrutto in attesa del sequel che potrebbe anche risultare disastroso.

In un Paese che ha bisogno di tanti provvedimenti e seria organizzazione, già in ritardo in troppi settori, i Rappresentanti Eletti degli Italiani si sono dati allo “scarmazzo” (cit.Camilleri), 

Ieri mi sono preso il tempo per ascoltare bene, da Conte a Renzi, Ciriani, La Russa, Bernini, Salvini, nella mia ingenua speranza che una situazione totalmente anomala ma potenzialmente non inutile, facesse rinsavire tutti. E dico proprio tutti.

Tradotto: sentire un’offerta forte da parte di un leader dell’opposizione di sotterrare l’ascia di guerra ed affrontare con spirito di nazione in grandissima difficoltà, gli enormi problemi e le grandi opportunità che si presentano. Dopo aver sentito i discorsi alla Camera, dove la propaganda di tutti trovava spazio senza minacciare il voto, presumevo che solo dall’opposizione potesse venire il segnale.

Ingenuo forte alla mia età. Ho ricevuto la netta sensazione che si parlasse da un altro pianeta: non un Paese dentro fino al collo nel COVID dove comunque ti giri sbagli, con centinaia di morti al giorno e la Sanità costretta a rifiutare interventi e visite specialistiche perché non ce la fa più; Scuole semichiuse, attività che spesso non sanno come comportarsi perché si sa solo di settimana in settimana cosa è possibile fare.

(Bernini, forse senza accorgersene, ha parlato di ristori/risarcimenti all’estero senza nemmeno rendersi conto che i nostri, di ristori, si confrontano con fatturati che troppo spesso erano inficiati da lavoro in nero, evasione ed elusione fiscale),

Davvero, nei discorsi dell’opposizione COVID è stato rimosso, giusto un dettaglio buono per qualche citazione.

E non si può certo dire che il Governo si sia preparato nella prima fase ed agito di conseguenza nella seconda: dai discorsi di Renzi, Bellanova, Unterberger, De Petris, le difficoltà a portare avanti un’azione efficiente sono emerse tutte anche se non evidenti come il momento, secondo me, pretenderebbe. 

Sbagliare, in queste condizioni, è più facile che prenderci ed è questo che dovrebbe indurre tutti a collaborare e cooperare partendo dalle posizioni raggiunte in precedenza.

Non servono astio, rancori, ripicche, serve trovare unità e se l’elemento che la rende impossibile viene individuato in Conte (i due Mattei), ok, si chieda al Presidente della Repubblica.

Solo negli USA c’è uno scontro simile a quello italiano, cosa si pensa di fare con le elezioni? 51 a 49, 55 a 45? che caxxio cambia? Avere un nuovo Governo in carica tra 3/4 mesi, forse?

Salvini parlò di elezioni compreso in Portogallo (lo cita anche Unterberger), ma caro Salvini Lei si rende conto di cosa fa l’opposizione in Portogallo?:

……..Anche sul fronte del dibattito pubblico, infiammato dall’avvento del coronavirus in molti paesi europei, il Portogallo ha mostrato segni di eccezionalità. L’intervento in parlamento in cui il leader di opposizione Rui Rio, del Partito socialdemocratico (PSD), augura al Primo Ministro Costa “coraggio, nervi d’acciaio e buona fortuna” è diventato virale sui social. “Perché la tua fortuna è la nostra fortuna” ha detto Rio, aggiungendo che il governo può contare sulla totale collaborazione del PSD. (Fonte ISPI Istituto per gli Studi di Politica Internazionale 16.04.2020)

l’articolo completo, molto istruttivo anche per il contenuto di dati, lo trovate qui: questo è il “patriottismo”, nei fatti ….., questo è l'onore di rappresentare e servire,

(la dichiarazione di Rui Rio si trova anche su youtube).

Io ribadisco quanto avevo già affermato: se le questioni ed i problemi si stavano incancrenendo e non trovavano sbocco all’interno del Governo era giusto farle emergere anche in modo “violento”. Non è certo il massimo ma ci sono le voci critiche di tante personalità che in questo mondo fatto di clamore e banalità non riescono a emergere: ci ha pensato Renzi, l’uomo sbagliato ed esagerato che probabilmente non ha nemmeno raggiunto lo scopo.

Involontariamente ha creato l’occasione per spalancare porte e finestre: è così importante reagire che l'occasione può venire anche da situazioni imbarazzanti.

Invece siamo nel bel mezzo del bla bla, che ci lascia esattamente allo stesso punto, tifosi che si accapigliano senza nemmeno che ci sia la partita.

Peccato

Un Saluto

Es.

Foto: Wikimedia

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.49) 23 gennaio 23:37

    Se dovessi dire che non sono d’accordo con te su quasi tutto sarei un bugiardo. Quello che però non condivido assolutamente è il refren del Renzi che stana Conte dall’inerzia, dall’immobilismo o, come ora va di moda dire, dal fatto di "non avere una visione". Renzi non ha nessun merito particolare perché tutti, dicasi tutti compresi i pentastellati, avevano qualcosa da ridire sulla manovra del governo. E’ normale che tutto non venga subito e che si proceda step dopo step, per correttivi a seguito di contributi di idee, di prese d’atto. Soprattutto nel caos in cui siamo. Mettere a terra un programma di governo esaustivo al tempo del Covid è cosa tosta. Il fatto è che Renzi aveva ben altri obiettivi, che mascherava dietro i problemi reali sui quali poi innestava motivi pretestuosi (prescrizione, servizi segreti, MES...... per arrivare al ponte sullo stretto di Messina). Cazzate su cazzate per spaccare e in cerca di visibilità. Quello che ha fatto non solo non è servito a nulla, ma ha solo creato una crisi demenziale in un momento drammatico per il paese.

    Perciò per favore, finiamola con Renzi che ha "fatto emergere".. . Non ha fatto emergere una beata mazza.

    ciao

    • Di Enzo Salvà (---.---.---.246) 24 gennaio 20:07
      Enzo Salvà

      dalla fine: .... non è stato capace .... di fare emergere, è più corretto, Ha tirato la corda che si è spezzata (o qualcuno l’ha tagliata). Ma l’occasione per "l’accidente" viene direttamente da Conte: una cabina di regia di 3 ministri (ai quali nemmeno volendo potrebbe togliere le competenze) ed un gruppo di 300 esterni. Poi è venuto giù il resto.

      Ma non è di questo che parlo: dall’Agosto 2019, ad oggi questo paese è il campo di battaglia di politicanti di tutti i colori, demagogia e ipocrisia in una mare di problemi che la pandemia ha amplificato. E c’è un’opportunità che dobbiamo cogliere.

      Problemi e opportunità in un momento di crisi consentono una tregua: si congela tutto e, sulla base delle regole costituzionali, si mette una pietra sopra il recente avvilente passato, per uscirne quanto meglio possibile.

      Ma bisogna essere galantuomini, coniugato anche al femminile, serve lavorare sui sentieri della Costituzione in tema di poteri e doveri dei Rappresentanti del Popolo per garantire al popolo stesso il miglior benessere possibile.

      Il Senato mi ha lasciato un forte senso di delusione, di avvilimento, specialmente considerando che il Capo dell’opposizione, in un Paese del tutto simile al nostro, in condizioni assai meno critiche, in una data dove bene o male non era successo un disastro, nei primi giorni di Aprile 2020, ha decretato l’unità nazionale senza tanti giri di parole.

      per il resto non si tratta di fare atterrare i progetti, ma di averli o di progettare, prima di tutto e, considerato quanto enormi possano essere, coinvolgere le forze del Paese.

      Forza positiva in questi giorni non ne vedo, spero di non dover andare a votare, leggere solo di conti e responsabili, ripicche, potere, voltagabbana, sottopotere, strapuntini e tattiche partitiche, mi fa davvero girare i cabasisi

      Un Saluto

      Es.

  • Di paolo (---.---.---.49) 25 gennaio 07:07

    Previsione entro giovedi’ : Conte sale al Quirinale e rassegna le dimissioni. Ottiene l’incarico come Conte ter. Va in Senato e i voti non si schiodano dal quel 156 risicato o giù di li. Rinuncia all’incarico e si va a elezioni perché il M5S non accetta alternative a Conte.

    Previsione a breve termine: Si va al voto. Si costituisce una maggioranza Lega , F.d.I, F.I, I.V. Calenda, Bonino, la signora Cecioni ......forse anche pezzi di PD.

    Salvini premier, Meloni vice, Renzi alla consolle e Silvio Presidente della Repubblica.

    L’Italia viene amministrata fontanamente come la Lombardia, ovvero alla cazzo di Dio, ( vedi ieri sera performance assessore Terzi), usciamo dall’EU con Paragone, Borghi e Bagnai a condurre l’ Italexit e ci consegnamo al destino baro che premia tutti i coglioni, furbacchioni, truffatori, evasori, millantatori ecc... che popolano questo disgraziato paese

    Finale : Io me ne sbatto, mi godo i miei beni e mando in culo tutti.

    Amen

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.246) 25 gennaio 10:27
    Enzo Salvà

    Mi sembra più razionale che succeda come nel 2011 quando Berlusconi fu invitato (non obbligato, quello è un fake) da Napolitano a dimettersi prima di venire sfiduciato, evitare le urne in un momento finanziariamente tragico e favorire la nascita del Governo Monti. A bilancio presentato, come adesso.

    Ma tutto può essere. Ai sovranisti citati ed a tutti i millantatori di soluzioni ed ital-qualcosa non credo, lì tra il dire ed il fare c’è davvero di mezzo il mare. Si sgonfieranno e con la coda tra le gambe, felici e contenti, gestiranno il tesoro. Sempre che agli italiani non torni il ricordo dei mesi gialloverdi.

    Il problema: entro poco tempo di dovrà presentare il piano per aderire al "fondo" e non c’è molto tempo. Poi qualche Governatore regionale come Zaia farà finire nel silenzio e nel dimenticatoio i suoi nuovi o rinnovati inceneritori che al piano non possono accedere

    Piuttosto non c’è da ridere sui beni comuni e sui servizi dello Stato: finirà tutto privatizzato e si è visto come i privati siano stati "solidali" ed "efficienti" nel supportare, nei loro settori, la reazione alla pandemia.

    Comunque ci stiamo incasinando da soli, siamo ffffenomenali.

    La Signora Cecioni la vedo bene,

    Un Saluto

    Es.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità