• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Enzo Salvà

Enzo Salvà

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2018
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 29 278 191
1 mese 1 3 2
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 148 129 19
1 mese 2 2 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 16 febbraio 09:35
    Enzo Salvà

    Ciao paolo, non occorreva essere geni per presumere che la Lega si sarebbe comportata così. Ai nostri tempi si diceva "di lotta e di governo", però oggi è peggio anche da questo lato.

    Adesso abbiamo più o meno l’unità nazionale che andava fatta prima e volontariamente. Siamo una pentola in ebollizione, però sono molto contento che almeno tu sia fiducioso ....... cazzarola che ottimismo ....... sarcastico!

    A proposito: ti ricordi della cabina di regia così mal posta da Conte? Beh l’abbiamo, formalmente corretta, esposta alle critiche istituzionali, formata dai Draghi boys. Una goduria goduriosa.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 13 febbraio 10:21
    Enzo Salvà

    D’accordo con Lei, ma era abbastanza chiaro fin dalla nascita: essere contro è facile sostenere che un "partito", per di più diviso in cellule sempre più ristrette ed esclusive, è post-idologico, si traduce in "qualunquista" che in un consesso di eletti dal popolo equivale a "palude". Naturalmente si contrappone ad ideologico, termine che viene spesso usato, erroneamente, come illiberale/dittatoriale e dogmatico.

    Che 5S non avesse nulla di dire lo confermano le elezioni negli 8000 comuni italiani, una debacle; non solo, Sindaci come a Parma o a Livorno che si sono confrontati con realtà dure ed hanno agito da Sindaco, sono finiti emarginati o espulsi.

    I media "mainstream" come amano definirli, sono stati un prezioso alleato nell’attaccare il M5S anziché limitarsi alla pura e semplice informazione: dimostravano di essere la Kasta che si batteva per i propri privilegi. 

    Dovranno decidere, i 5S, cosa fare da grandi. Presumibilmente saranno "palude" oppure si ritroveranno con il PD che quando era PdS (o forse già DS) vide nella Lega affinità ideali: misteri nemmeno tanto misteriosi della politica partitica. Lo stesso PD ha contraddizioni ideali interne, mica solo correnti. 

    I 5S sono un prodotto finale, non venuto molto bene, di politiche che non hanno rispetto delle diverse sensibilità di una società complessa e complicata. Non sono in grado di rispettare nemmeno i propri ideali fondativi, che è tutto dire.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.24) 6 febbraio 17:45
    Enzo Salvà

    Ieri l’evoluzione aveva molte assonanze con il 2011, Berlusconi aveva avuto un intoppo ma fece votare senza problemi la Legge di Stabilità, si dimise ed appoggiò Monti immediatamente. Ma questa storia si conoscerà più avanti.

    Oggi, domani si vedrà, l’M5S che ha l’occasione di fare il cane da guardia a Draghi tentenna, la Lega fa inversione ed appoggia "il Governo di unità nazionale". Cosa vuole dire? sono diventati tutti responsabili? voltagabbana? è forse stato eletto Draghi?, 

    Come definire questo improvviso rigurgito di coscienza nazionale ed entusiastica partecipazione.

    A me sembra chiaro che Draghi fosse un liberista tout court, mi sono andato a vedere la lettera scritta da Trichet e dallo stesso Draghi nel 2011 nella parte dove dice:

    1. È necessaria una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali. Questo dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala.

    sappiamo come funzionano e la fame dei privati in Italia. Non si trattava di affrontare un’emergenza, quella è, secondo me, un’idea politica. Forse ha cambiato l’opinione.

    Temo che un po’ di anti-casta e proteste tribunesche sarebbe il caso di tenerle di riserva. E sarebbe meglio averle dentro il Governo non fuori. E spero tanto di sbagliarmi,

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 4 febbraio 10:43
    Enzo Salvà

    La situazione è in divenire, ora Renzi canta vittoria ma si dovrebbe chiedere “ho vinto qualcosa?” per ora, la formazione di un governo non sarà così automatica.

    Vedremo, perché se i 5S non fanno nuovamente “i fuori casta” per rifarsi una verginità e con l’ingresso presumibile di Forza Italia, con l’arruolamento di nuovi costruttori/responsabili, il Renzi diventa ininfluente.

    Ha ragione paolo citando Revelli, c’è da aggiungere che all’arrivo della pandemia con i suoi drammi e le conseguenze connesse, gli anticorpi avrebbero dovuto muoversi prima: nessuna opposizione Europea numericamente importante ha attaccato il suo Governo come in Italia. E non attaccare e non fare propaganda elettorale favorisce il parlarsi, collaborare, avere tante opinioni diverse che possono e devono contemperarsi.

    Ma significa anche prendersi responsabilità in nome di “prima gli italiani”, “della Patria”: sono i codardi a fuggire mascherando la smania di comando con l’incapacità di altri.

    Avessero tirato fuori gli attributi come il Capo dell’opposizione portoghese Rui Rio già ad inizio pandemia, Renzi sarebbe stato buonino al suo posto, denunciando, ma anche no, incapacità ed inefficienza dei suoi alleati.

    Ben misera vittoria quella conseguita senza nessuna apparente utilità. Piano piano si vedrà se il Renzi è stato un ariete (con qualcuno a spingerlo) o semplicemente l’uomo che, alla fine, continua a sbagliarle tutte.

    Vicenda squallida nel suo complesso, che avrà conseguenze anche a medio/lungo termine. Speriamo non negative.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 3 febbraio 10:06
    Enzo Salvà

    Credo proprio che sulla fine M5S tu abbia ragione anche alla luce di quello che ha deciso il Pres. della Repubblica ieri sera. 

    In questa nuova situazione fare fuori questo o quello é utile forse solo al suo egocentrismo, sulle nomine Renzi rischia di non toccare palla. Dov’è l’utile?

    Volendo essere complottisti si potrebbe anche pensare che Renzi sia stato mandato avanti da "qualcuno" per sovvertire chissà che cosa. Si vedrà.

    Berlusconi e Forza Italia e Centristi: se continua così, lui entra e loro escono. Potrebbero però utilizzarlo come l’idiota da mandare alla pugna per scaricarlo alla bisogna. 

    Siccome prevedo e mi auguro di continuare a litigare con te, per il presente Renzi ne dirà di tutti i colori, vittoria inclusa, poi si sgonfia. Serve un po’ di tempo e pazienza per ogni cosa. Chissà se la Boschi si fiderà a tornare a Bolzano per candidarsi, fossi il lei eviterei quelle zone.

    Un Saluto

    Es.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità