• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Enzo Salvà

Enzo Salvà

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2018
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 7 50 10
1 mese 0 6 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 38 33 5
1 mese 1 1 0
5 giorni 0 0 0









Ultimi commenti

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 4 marzo 16:33
    Enzo Salvà

    Che l’Italia sia un Paese bistrattato da politici, investitori e gran parte del suo stesso popolo è cosa scontata, che il piano ProteggItalia sia una novità, purtroppo, non è vero.

    Mi sembrano molte anche le forzature nella presentazione del piano, peraltro generico e senza dettagli normativi o d’altro tipo.

    Purtroppo o per fortuna, questo piano riprende, in generale, quello denominato ItaliaSicura di Renzi prima e Gentiloni poi, apparentemente implementato con risorse che prima erano affidate alla Protezione Civile.

    Non credo poi che questi “stanziamenti” provengano da “contrattazioni” in sede UE essendo risorse già programmate allo stesso fine (scadenza al 2020), parte delle quali sono opere finanziabili dall’UE stessa con il contributo da parte dello Stato richiedente del 25%. 

    Nei miei rari articoli qui su Agoravox, ho fatto riferimento a opere di salvaguardia e manutenzione ma:

    considerati i nuovi dati inquinamento ILVA,

    in agricoltura, l’incremento di sversamenti di fanghi industriali con aumento di inquinanti a fini fertilizzanti

    e il condono edilizio del Decreto Genova,

    scuserei, per questa volta, gli editori che non hanno fatto da megafono a quella che potrebbe benissimo essere mera propaganda.

    A chi ha a cuore le questioni ambientali, consiglierei di frequentare il sito del Ministero dell’Ambiente la cui Area stampa è piuttosto aggiornata e poi i tanti siti "seri" che parlano di ambiente (non sono siti dove rullano i tamburi di guerra che galvanizzano la truppa; forse per questo non hanno grande visibilità).

    Io ho passione, anche partitica, per la questione ambientale, la ritengo una battaglia utile a tutto, anche alla nostra economia e, e me lo auguro, sarei felice di sbagliare, di essere ritenuto uno sfiduciato pessimista ma……...!

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 14 febbraio 17:51
    Enzo Salvà

    Lungi da me essere contrario a misure contro la povertà, sono contrario a misure semplicistiche e coercitive e peggio denominate. Il Reddito di Cittadinanza (o Reddito di Base) esiste e vuole dire altro rispetto alla norma che si attua in Italia. Abbiate pazienza: se ti faccio credere che ti assisto ed invece ti “obbligo” a fare qualsiasi cosa pur di non perdere l’assistenza, non è più assistenza.

    Il Reddito Minimo Garantito è una norma, declinata in forme diverse nei Paesi Europei, che è “integrazione al reddito, prevede sostegno sociale in varie forme, reinserimento sociale lavorativo tirocinio ecc. Manca, in Europa, solo ad Italia e Grecia,

    Ma soprattutto manca in Italia un “Compenso (Salario o Stipendio) Minimo”, cioè la base di calcolo che non è necessariamente la “soglia di povertà”.

    Non è previsto nella Legge Italiana è lasciato alla contrattazione delle parti sociali (impresa-lavoratori) tramite i contratti Collettivi Nazionali che, qualora violati, danno accesso ai Tribunali civili o del lavoro, non a misure automatiche di ristoro ed ammende per violazioni di legge. Peraltro in Italia abbiamo talmente tante deroghe, contratti di lavoro precari e lavoro in nero che credo sia ben difficile districarsi.

    Il compenso minimo (questo Governo ne ha anche parlato poi non so che fine abbia fatto), è la base di calcolo sulla quale edificare una qualsiasi forma di assistenza integrativa e quindi di contrasto alla povertà.

    Dell’RdC all’italiana: quello che ritengo intellettualmente disonesto è legare la Norma all’obbligo di accettare “qualunque e qualsiasi “lavoro venga proposto, anche di poche ore o giorni che per gradi, in caso di non accettazione, ha come conseguenza la riduzione dell’assistenza fino a cancellarla.

    Non è Reddito di cittadinanza, non è una norma Assistenziale, è Imposizione: io ti impongo di accettare altrimenti perdi il contributo. Nel dettaglio il diavolo e la sua coda………!

    Penso soprattutto ai giovani, riporto da BIN:

    Per non fare la figura degli esterofili, va detto che queste forme di protezione sociale hanno ciascuna alcune contraddizioni. Il fatto che molti di questi modelli di welfare si siano trasformati in workfare, in cui esiste l’obbligo per i beneficiari ad accettare qualsiasi lavoro pena la sospensione del benefit, porta con se alcune conseguenze come quella di nutrire una grossa fascia di lavori a bassa qualificazione. In questo senso, ad esempio in Belgio, si sono definite delle forme di congruità, in cui un beneficiario del reddito minimo può rifiutare il lavoro offerto se non è congruo al suo inquadramento professionale precedente o alla sua formazione; una sorta di riconoscimento delle competenze acquisite che frena il ribasso professionale e salariale.

    Il PDF completo è qui:

    http://www.bin-italia.org/wp-conten...

    Sia chiaro: è una decisione presa dal Governo Italiano, piaccia o non piaccia si applica, ma non chiamiamola con un nome che sia evocativo di tutt’altro. Sulla sua effettiva realizzazione e costo io ho seri dubbi, altrettanto sulla sua efficacia in assenza di investimenti produttivi.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 13 febbraio 17:27
    Enzo Salvà

    Già, questa è la storia e la conclusione che ne trae è ineccepibile.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 13 febbraio 17:23
    Enzo Salvà

    E’ nei dettagli che il diavolo nasconde la sua coda, si dice. 

    Reddito di cittadinanza non lo è certamente, quanto meno perché vige l’obbligo dell’integrazione lavorativa che, da come si delinea, è ricattatorio e peggiore anche dell’Hartz IV tedesco (tempo al tempo, vedrà) che in Germania si cerca di smantellare a passo di lumaca.

    Fortuna vuole che i Centri per l’impiego siano impreparati e non in rete tra loro e che i Navigator siano ancora in balia delle onde quindi, forse, magari, chissà ......sarà una pura misura assistenziale molto costosa, breve, che verrà sicuramente rinfacciata alla povera gente, in primis e la colpa del fallimento data a istituzioni extra e sovranazionali, all’opposizione e chissà a chi altro. 

    Un normale Reddito minimo garantito e/o un Reddito di inclusione no eh?

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 1 dicembre 2018 11:51
    Enzo Salvà

    Io mi auguro che il Presidente della Repubblica non firmi questa legge e la rimandi in Parlamento. Del resto nel firmare il Decreto aveva allegato alcune raccomandazioni che non sono state certamente raccolte.

    Di certo questa legge finirà alla Corte Costituzionale e di certo i dubbi di tante associazioni, autorità locali come i comuni, partiti politici e parti di essi anche alleati di Governo troveranno soddisfazione. Bene fa l’ANPI a lanciare questo appello.

    Non capisco “Un italiano”, pretende di parlare ed allo stesso tempo che gli altri stiano zitti o vadano nei musei. Perché?

    Bello però, sui migranti, perché di questo alla fine si tratta, è il Ministero dell’Interno con Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) che a fine giugno ha pubblicato un Atlante molto positivo sullo SPRAR (sistema oggi distrutto). Paradossale, non trova? lo trova qui:

    https://www.sprar.it/wp-content/uploads/2018/11/Atlante-Sprar-2017_Light.pdf

    Anche Legambiente, che Le assicuro è una pericolosa associazione terroristica, si è cimentata sulla questione, lo trova qui: (se ha voglia di leggere clicchi su scarica il dossier)

    https://www.legambiente.it/contenuti/dossier/accoglienza

    ma se proprio non è convinto troverà ben 33 Comuni Veronesi, Leghisti per la maggior parte, che si lamentano proprio del decreto. Ho riportato la foto del giornale L’Arena di Verona, giusto per non essere tacciato per propalatore di fake, lo trova qui:

    https://www.agoravox.it/ecrire/?exec=articles&id_article=82257

    Che poi una domanda bisogna farsela: distrutto un sistema funzionante ed in mano ai Sindaci eletti, tutto finisce nelle mani dei privati, (CAS) con meno soldi ma sempre in mano a quel sistema che potenzialmente può diventare una mafia…. Ricorda “Mafia Capitale?” di questo si tratta. E’ interesse degli italiani? Non credo, di chi allora? Magari di qualche amico che ha Cooperative Sociali in Lombardia?

    Alla fine, come vede, tra paradossi, strumentalizzazioni e provvedimenti contrari alla logica e alla razionalità, da criticare ce n’è eccome. Purtroppo non si tratta di criticare una legge ma di evitare di cadere in un buco dentro al quale anche “un italiano” sarà trattato da pecora.

    Ci sono princìpi che esulano dal successo di un politico che appare carismatico ma è null’altro che un demagogo che spinge alla esclusione “persone” anche italiani, gli accattoni come i manifestanti in piazza o sulle strade. Voglio proprio vedere cosa farà la Polizia agli operai fuori dai cancelli di una fabbrica che li ha licenziati perché sta delocalizzando e questi sono lì non solo per protestare ma per impedire che si portino via i macchinari.

    Bene, l’ho ascoltata “un italiano” niente retorica, “fatti non pugnette” ….. però mi chiedo: Lei oggi pretende che il Governo non venga disturbato da critiche, ma Lei, prima di questa strana alleanza, non ha mai criticato i politici e i governi?

    Gli spettacoli si fanno in Teatro non in politica e sulla pelle della gente …………! (non scrivetemi di guardare cosa hanno fatto gli altri non me ne può importare di meno)

    Un Saluto

    Es.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità