• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Enzo Salvà

Enzo Salvà

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2018
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 7 39 10
1 mese 0 3 0
5 giorni 0 3 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 30 27 3
1 mese 2 2 0
5 giorni 1 1 0









Ultimi commenti

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 24 novembre 2018 12:20
    Enzo Salvà

    Il Sig. Gherardini, come molti altri, sembrano credere che la questione rifiuti si risolva o in discarica o incenerendo, modalità vecchie e che verranno con il tempo marginalizzate (non eliminate, questo è ad oggi impossibile). Peraltro il Sig. Laiso fa un ulteriore errore ...... a seguito di incenerimento ..."sono diventati a zero discarica". Ehh no, i moderni inceneritori previa estrazione di vetro, ceramiche, metalli ferrosi e non, producono materiali, ceneri, per il 30% in peso ed il 15% in volume, spesso altamente inquinanti che finiscono in discarica oltre a fanghi ed acqua raffreddamento ceneri e pulizia impianti inclusi i camini, sempre altamente inquinanti (Università degli studi di Padova).

    Non so nulla della stupidità dei cittadini delle città che ospitano inceneritori, so che in Veneto due impianti, Verona e Fusina (VE) sono stati chiusi, 2014, a seguito riduzione conferimento materiali causa raccolta differenziata e riciclaggio rifiuti. Il Veneto, fra le altre cose ha già superato il 70% di differenziata ed ha un’alta produzione di fertilizzanti da compostaggio che produce anche biogas......... cosa ne pensa, sono stupidi i Veneti?

    Il fatto è che siamo rimasti indietro, siamo stati pigri per anni, oggi la differenziata e successivo riciclaggio hanno una valenza economica importantissima. tanto più in un Paese come l’Italia privo di materie prime ma che potrebbe sfruttare abbondantemente i rifiuti trasformati in Materia Prima Seconda. 

    In futuro, non tutto sarà possibile riciclare, ma certamente gli oltre 40 inceneritori italiani risulteranno sufficienti, sempre che la politica si attivi ed i cittadini imparino l’educazione.

    Sig. Paolo, sul nucleare spezzo una lancia a favore della Germania: stanno chiudendo tutte e 8 le loro centrali nucleari, mi vien da pensare che ritengano di essere in grado di sostituirle......e senza centrali ad idrocarburi. La Germania, negli anni 70, ha sofferto la parziale distruzione della Foresta Nera a causa delle piogge acide prodotte dall’utilizzo del carbone, ha lavorato ai più alti livelli tecnologici, ha investito, oggi produce energia in modo diverso, nel risparmio energetico in edilizia sono all’avanguardia e man mano che gli inceneritori arrivano a fine vita, fanno la fine delle centrali nucleari.

    Peraltro l’Unione Europea a eliminato i bandi per contributi a questi impianti dal 2017 mentre i contributi destinati all’economia circolare sono elevati ed in continuo aumento ....... della serie, come fare economia spendendo in proprio il 25% del totale. Noi litighiamo ed i fondi Europei da spendere entro il 2020 li lasciamo lì.

    Scusate il tono polemico ma le alternative operative ed economiche ci sono e sono efficienti e profittevoli, non si può guardare solo al peggio che hanno fatto altri che già hanno cominciato a cambiare strada.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 23 novembre 2018 09:49
    Enzo Salvà

    Presupponendo che Soverato Perché 2 non sia così "critico" verso l’attuale governo per motivi partitici, l’affermazione "eravamo seri" stona. E’ stonato anche il commento ma almeno i vari appelli a commentare rivolti ad "Un italiano" hanno sortito effetti positivi: da qui in poi si può essere d’accordo o meno. 

    Io non credo proprio che gli italiani fossero seri prima ed impazziti ora.Se negli ultimi 20 anni c’è stata alternanza di governi che all’apparenza avevano propositi politici opposti (socialdemocratici o liberali, per semplificare) che non hanno prodotto risultati positivi nonostante altisonanti promesse elettorali, prima o poi era indispensabile "cambiare".

    In realtà si era creata una stasi ma poi si è prodotta una strana alleanza ed un governo che erano perfettamente informati dei risultati precedenti sia perché facevano parte del Parlamento e, a volte, del governo, sia perché ulteriori giudizi sono espressi nella relazione della Commissione del 07/03/18, prima della formazione del nuovo governo

    https://ec.europa.eu/info/sites/info/files/2018-european-semester-country-report-italy-it.pdf

    da leggere tutto ma le considerazioni,espresse diplomaticamente, sono contenute nella sintesi a partire da pag. 20. 

    Io sono d’accordo che, per quanto dimostrato fino ad ora nei provvedimenti presi, siamo caduti da una padella bollente direttamente sulla brace, ma purtroppo c’è una storia di superficialità e disinteresse degli italiani prima ed un presente ed un futuro che si annunciano bui.

    Cambiata classe partitica ed establishment con risultati per ora negativi, comportamenti da casta uguali e forse peggiori di prima, solo con terminologia diversa, fanno pensare che non ce la passeremo bene, noi italiani, che ci scontriamo sugli schieramenti politici ma abbiamo i buchi nelle tasche.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 22 novembre 2018 10:37
    Enzo Salvà

    Parole sante, 

    propongo, in questi casi, di evitare la propaganda ad uno specifico partito o, eventualmente, di citarli tutti. E’ almeno dagli anni 80 che gli ambientalisti, quelli veri, si sono organizzati "tentando" di introdurre un approccio culturale diverso, spesso pragmatico, a questi temi. In Italia, chissà perché, è difficile.

    Speriamo bene

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 21 novembre 2018 08:30
    Enzo Salvà

    Ho trovato questo bell’articolo, un fact checking molto istruttivo se letto con attenzione:

    https://www.agi.it/fact-checking/inceneritori_veneto_lombardia_costa-4648012/news/2018-11-20/

    un saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 20 novembre 2018 18:06
    Enzo Salvà

    Diritti Civili: ha ragione, questo governo ha grattato via la patina che copriva razzismo, xenofobia ed il rifiuto di tutto ciò che può apparire "diverso": una delusione vedere i consensi salire. 

    Non sono certo che questo sarà sufficiente a costruire "il ventennio" e nemmeno il quinquennio, fermo restando che credo che dopo il probabile scontro con la Commissione Europea, il Consiglio dei Capi di Stato e di Governo ricomporrà la cosa permettendo a tutti di dichiarare vittoria.

    Ma i nodi prima o poi vengono al pettine e non è detto che si tratti del cosiddetto Reddito di cittadinanza che piano piano viene dipinto sempre più simile allo HARTZ IV tedesco, anzi, Di Maio lo ha persino dichiarato. Il problema più immediato è il nostro Welfare State che sta soffrendo da anni e che con i chiari di luna dello spread, ammesso che le cose con l’UE si ricompongano, con questo bilancio soffrirà ulteriormente; è sempre successo ma ora stiamo andando verso il limite.

    Salvini ha qualche gatta da pelare qui al nord in particolare con Confindustria e PMI: non sono bastate le promesse di condono, sulla flat tax per le sole piccole partite IVA, poi, comincia a montare il malumore anche di Confartigianato. Questo Governo dovrebbe anche concedere le ulteriori competenze Regionali promesse a Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna: che non si pensi non siano sentite. Il problema è la concessione delle competenze assieme ai relativi trasferimenti finanziari.

    Ulteriore problema per gli elettori 5S è vedere approvati i vari decreti peraltro promossi anche da loro - Dignità—con ulteriore precarizzazione  Genova  utilizzo in agricoltura di fanghi industriali più inquinanti di prima, condono edilizio, -Sicurezza- i mal di pancia sono anche in Parlamento, -Condono Fiscale- si forse no, vedremo, -Reddito di Cittadinanza?- se riesce, senza soldi non si fa nulla, ma prima viene lo stipendificio per i centri per l’impiego, se ne riparlerà. -ILVA, TAP E TAV- , tutto "combinato" in pochi mesi.

    Dei sovranisti non mi preoccuperei: più diventano forti e più guarderanno solamente a casa loro: gli italiani sono tra i sovranisti deboli, poveri e, come dicono i tedeschi, scrocconi ........ sarei curioso di vederli all’opera, certo rischiano di lasciarci macerie.

    Credo abbia ragione quando dice che Salvini potrebbe far saltare il banco prima delle elezioni Europee, ma bisogna vedere in quali condizioni "economiche" ci arriviamo. Le scuse, cattiva Europa e cattivi mercati, serviranno a poco.

    Non sono certo che 5S e PD siano una coppia da desiderare, io sarei contrario. Non mi piacciono i qualunquisti e nemmeno quelli che tradiscono il loro stesso Manifesto dei valori.

    Restano quindi i "diritti civili", che oggi in generale si possono calpestare senza problemi, e un inizio di dio-patria-famiglia, molto gradito. Di questo è giusto continuare a parlare. Come sempre saranno i deboli e le minoranze a pagare per primi il prezzo più alto.

    Un Saluto

    Es.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità