• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Enzo Salvà

Enzo Salvà

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2018
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 19 142 85
1 mese 1 15 5
5 giorni 0 1 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 78 68 10
1 mese 6 5 1
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 12 agosto 15:28
    Enzo Salvà

    E se si corresse il rischio? Questo Paese non ha mai avuto una rivoluzione, gli italiani seguono e votano ancora l’idolo, il “leader carismatico”, poi lo abbattono e se ne costruiscono un altro senza mai fermarsi a ragionare e chiedere conto ai loro rappresentanti eletti delle affermazioni e promesse rese in campagna elettorale e ad agire di conseguenza.

    E se un semplice governo del Presidente della Repubblica ci portasse a nuove elezioni con un bilancio ripreso dal DEF già presentato e l’aumento IVA procrastinato di un trimestre a dopo le elezioni?

    Le informazioni e le opinioni sulle possibili conseguenze sono disponibili a tutti, dunque?

    Se gli italiani vogliono un governo come si rappresenta negli ultimi sondaggi, voteranno quello e va bene così, gli ulteriori danni provocati da questa situazione si spera siano chiaramente addebitabili. (beh, non proprio, come prevedevo è già colpa della minoranza);

    vogliamo, per una volta, prendere in considerazione e rimarcare (questo sì manca nei media) agli italiani stessi che sono le loro scelte a determinare le conseguenze positive o negative che ne verranno? E’ loro responsabilità primaria, si chiama democrazia.

    Prima o poi dovremo pur renderci conto che è alla base che le cose non vanno bene, che i nuovi idoli ed i vecchi idoli abbattuti sono tutti lì, erano “occulti” come dice, ma pronti a tornare (o provarci) da DEUS EX MACHINA.

    I partiti sono associazioni di cittadini che si uniscono avendo un ideale comune, non possono fare a meno di organizzarsi ma i delegati devono rispondere singolarmente ed individualmente al “loro popolo” e a tutto il popolo se vengono eletti in Parlamento. (è una pratica abituale nei Paesi anglofoni e Nord Europei – con qualche sbandata -). E’ possibile che la smettano di spararle grosse?

    Se non ci arriviamo studiando, forse una chiara e violenta batosta può essere salutare?

    E’ brutale? Può essere, ma non credo che una nuova stagione di scontri sia salutare, annebbia la vista ed i sensi e non credo che un nuovo governo stabile, che sarà tacciato di inciucio, sia possibile tra pdidioti e grullini: se le darebbero di santa ragione esattamente come hanno fatto 5S e Lega; quali sono i motivi per pensare diversamente? Quali i punti d’incontro “sul campo”? E quale enorme campo di gioco lascerebbe ad una destra che fonda sulla intolleranza e l’affarismo il suo agire politico?

    Sono provocatorio, me ne rendo conto, però questo assurdo declino, che è prima di tutto culturale, è ormai esagerato. Sembra di vivere negli anni 20 e 30, per quanto ne so e che mi è stato raccontato, con un cellulare in mano.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 10 agosto 10:40
    Enzo Salvà

    Francamente di piazzisti in giro ce ne sono parecchi e il "Conte", aggiungo "Costa", che accettano di aggregarsi non sono meglio.

    Sul dimezzamento dei Parlamentari io non sono d’accordo, è un controsenso, si parla addirittura di democrazia diretta e si ampliano a dismisura i collegi elettorali? dei quali poi gli eletti non avrebbero tempo di occuparsi? Già non lo fanno molto.

    Già adesso siamo al verticismo più sfrenato e grazie a Renzi, al proporzionale. (che peraltro gli ex dioscuri non ci pensano nemmeno a toccare. Ma non erano contrari a suo tempo?). 

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 9 agosto 08:40
    Enzo Salvà

    questo pozzo dal quale sinora ho attinto potrebbe essere esausto?  Con l’apertura ufficiale della crisi e i pesanti rilievi del Presidente della Repubblica al Decreto Sicurezza bis e forse anche a causa dell’instabilità meteorologica, direi che il pozzo si è riempito, scommettiamo.....??

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 8 agosto 10:52
    Enzo Salvà

    La vedo dura. La finanziaria bisogna farla per forza e le promesse sono piuttosto "ambiziose", non ce la fanno, è probabile che vadano a sbattere.

    Si sono sforzati di chiudere la finestra elettorale e ci sono riusciti, ora il Pres. della Repubblica, se cade questo governo, sarà costretto a nominare un governo tecnico di minoranza, che evidentemente sarà subissato di critiche perché non potrà che applicare quanto scritto nel DEF di Aprile. Meglio non pensarci ma gli attuali alleati tornano ad essere oppositori e la propaganda ne guadagna.

    Un anno guadagnato in pochi mesi. 

    Per ora si accoltellano alla grande ma intanto il TAV è passato all’ultimo giorno utile e non raccontarmi che Conte l’ha fatto di sua sponte. Non credo proprio che abbia l’autorità, non dico la forza, di fare passare un provvedimento così.

    Quanto sopra ammesso e assolutamente non concesso che il dolce sapore del potere non abbia prodotto dopamine tanto da creare dipendenza ed allora vedremo arrivare, oltre al cemento, un nuovo condono, l’autonomia differenziata, uno straccio di flat tax per ricchi, ed una bella riforma costituzionale, ovviamente accompagnata da Referendum.

    Chissà come sarà la conseguente riforma elettorale e come disegneranno i nuovi collegi.

    La vedo male per Sanità, Scuola ed Assistenza Sociale. Mah...........

    Un Saluto 

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 7 agosto 11:47
    Enzo Salvà

    Grazie dell’informazione, non è mai troppo tardi per imparare......

    Un Saluto

    Es.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità