• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Enzo Salvà

Enzo Salvà

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2018
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 8 83 13
1 mese 0 15 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 44 37 7
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0










Ultimi commenti

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 19 novembre 2018 17:07
    Enzo Salvà

    Aggiungiamo che Alice Weidel pasionaria di Alternative fuer Deutchland, sulla manovra economica, ci da dei pazzi, che la Le Pen ed i Visegrad non si sono fatti nemmeno sentire, che è anche peggio, e finalmente, salvo non fare come le tre scimmiette, è chiaro che i sovranisti, nei loro paesi, dicono: prima.....! 

    Non vinceranno alle Europee ma sarebbe interessante vederli al’opera.... (finirebbero per darsele di santa ragione). 

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 19 novembre 2018 12:19
    Enzo Salvà

    Forse perché la materia non può essere trattata in questo modo, è la solita soluzione semplice a problemi complessi. 

    Se è vero che siamo troppo spesso a livelli emergenziali, è altrettanto vero che da almeno 20 anni le raccomandazioni a svoltare verso il riciclo sono rimaste "quasi" lettera morta. 

    Ora siamo una sorta di gatto che si morde la coda dove la monnezza cresce assieme alla criminalità, non solo di criminali ufficialmente riconosciuti;

    nel contempo siamo messi complessivamente bene nella raccolta differenziata ma bruciamo capannoni spesso pieni di plastiche perché non ci sono politiche chiare ed omogenee sul riutilizzo.

    Siamo nel contempo esportatori rifiuti anche già pronti per il riciclaggio ed importatori di Materia Prima Seconda cioè il risultato rifiuti già pronti per la produzione.

    A salvarci dovrebbero essere gli inceneritori?: distruggere possibile ricchezza e risparmio energetico per l’industria per avere polveri che sono in quantità inferiore ai livelli di legge ma della cui qualità non si parla mai e produzione elettrica e termica di moooolto dubbia economicità?

    Questo è un argomento veramente complesso ed importantissimo, da trattare con le pinze.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 16 novembre 2018 17:06
    Enzo Salvà

    Mi permetta di contestare sul nucleare: le Centrali Nucleari italiane furono "spente" già a seguito di Cernobyl, il referendum 2011 non fece altro che ribadire questa volontà. Restano enormi problemi di scorie e siti di stoccaggio.

    In ogni caso, i Paesi che hanno centrali in funzione e le stanno spegnendo, come la Germania che le avrà spente tutte nel 2020 (mi sembra siano 8), stanno virando su energie rinnovabili pur mantenendo un costo energia accessibile alla loro economia. 

    Inoltre, 139 Paesi potrebbero arrivare al 100% di rinnovabili entro il 2050:

    http://www.greenreport.it/news/energia/energia-139-paesi-potrebbero-diventare-100-rinnovabili-entro-2050/

    Per quello che riguarda la delocalizzazione: le aziende italiane delocalizzano perché il costo del lavoro è "assolutamente" inferiore, si fidi, io lavoro nel settore scambi con l’estero, mai visto aziende italiane delocalizzare in Danimarca, Svezia, Norvegia, Germania, assolutamente efficienti dal punto di vista burocratico.

    Sono andate ad est e se tutto va bene, in Stiria e Carinzia Austria, che hanno fatto una vera campagna acquisizione. Non parliamo poi delle produzioni in Asia, dalla Turchia al Sud-Est asiatico. 

    I problemi che abbiamo sono tutti nostri, prodotti e provocati da noi per disinteresse, pigrizia o peggio. Purtroppo.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 16 novembre 2018 16:07
    Enzo Salvà

    Grazie per l’invito, ad esclusione di Agoravox e del mio piccolo blog ormai semiabbandonato non frequento alcun tipo di social, però se scrivo qualche cosa che ti ispira, serviti pure.

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 16 novembre 2018 10:48
    Enzo Salvà

    Ma noi siamo già felici così: se i consumi per l’anno d’imposta 2016 superano del 14% i redditi, 

    https://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2018-06-09/evasione-fiscale-nuova-mappa-dell-irpef-nascosta-consumi-battono-redditi-14percento-075408.shtml?uuid=AEtW4M2E , ricordando che gli italiani vengono considerati risparmiatori e sembra che non sia vox populi

    se l’evasione presunta vale oltre 100 miliardi annui,

    allora non è che non abbiamo soldi in tasca, 100 miliardi mica si volatilizzano.

    Oddio lo Stato è più povero ma si finanzia. Grazie al cielo ora gli interessi sono "interessanti" e promettono anche meglio, di conseguenza oltre a spendere più di quanto ufficialmente guadagniamo abbiamo la possibilità di un piccolo reddito finanziario aggiuntivo ed allo stesso tempo finanziamo lo Stato. Pensa che generosi

    Certo che se poi i politici mi tagliano i servizi che erano gratuiti ed in più si costruiscono una mangiatoia privata allora m’inca..o! Con tutto quello che pago!

    Se c’è povertà in Italia pazienza, c’è tanto di quel lavoro in nero da fare per guadagnare adesso che non abbiamo più migranti da sfruttare.

    E poi come fai a dire quanti sono, i poveri? Vabbè i lavoratori a reddito fisso, cassintegrati, somministrati, a chiamata, precari ecc. non se la passano bene e gli tocca pure pagare tutte le tasse, ma adesso si aprono la partita iva ......... vuoi considerare quante possibilità in più?

    Lascia fare a Conte, con un tsè e senza toccare nulla, risolve il problema. Con due vice (sic!) così preparati non puoi avere dubbi. 

    NB: il condono fiscale non si fa più, in compenso gli evasori non rischiano la galera. Vedi che va tutto bene?

    Scusa se ti ho dato del tu, mi è venuto d’istinto, 

    Un Saluto

    Es.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità