• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Fabio Della Pergola

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo sabato 09 Settembre 2011
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 531 979 2987
1 mese 3 4 4
5 giorni 1 3 14
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 82 42 40
1 mese 2 0 2
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.82) 12 dicembre 2011 12:06

    Ciao Geri, non credo che ci sia un vero dissenso fra noi. Pensavo che ti riferissi ad una strumentalizzazione politica attuale, quella leghista per intendersi. E mi sembrava riduttivo.

    Io preferisco chiamarla "cultura religiosa" per i motivi che ho spiegato nell’articolo. L’ideologia ebraica del "popolo eletto" significava, per gli ebrei, una maggiore responsabilità, più impegno e un numero maggiore di precetti da osservare, ma non è mai diventata "razzismo" nel senso di ritenere l’altro "escluso dalla salvezza" che aveva il significato di "escluso dall’immagine divina", cioè dal consesso umano. Con il cristianesimo si afferma invece questo strano pensiero che o diventi "uguale" cioè cristiano, cioè battezzato, cioè pulito dal peccato originale oppure sei e resti macchiato dalla colpa che ti condanna. Senza immagine divina, cioè "altro" dall’umano, quindi disumano. L’esaltazione della verginità ha proprio il senso di eliminare il diverso (l’uomo per la donna e la donna per l’uomo) come condizione ottimale per il rapporto con il divino, cioè per l’eccellenza umana.

    A me tutto questo sembra fondativo, pur con tutte le modificazioni culturali nei secoli, di un’idea di razzismo. E’ ovvio che sono tutte "costruzioni umane" cioè invenzioni; la natura vuole che i diversi si attraggano e si uniscano per creare qualcosa di non esistente prima.

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.82) 12 dicembre 2011 11:18

    La cosa che aggiunge sconforto allo sdegno è che adesso quella stessa ragazzina, che è la vittima prima della cultura che l’ha distrutta, è anche accusata di tutto quello che è successo. Così si porterà dietro pure tutti i sensi di colpa della bugia, del terrore e della distruzione, di aver sputtanato la famiglia, il quartiere e magari anche la città. L’umiliazione, la vergogna della sua intimità messa alla berlina su tutti i giornali e alla televisione. La sua ingenuità sbeffeggiata da tutti. Che adesso la tormenteranno di prediche.

    Poveretta, lei è solo la vittima. Qualcuno glielo dica per favore, perché per lei sarà difficile uscirne.

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.82) 11 dicembre 2011 23:50

    ok, di Bolzano l’avevi già detto, scusa

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.82) 11 dicembre 2011 23:07

    per me va bene, ma prima troviamoci d’accordo sul prezzo smiley
    Bolzano è a maggioranza italiana, mettiamolo da parte e discutiamo sul resto.

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.82) 10 dicembre 2011 12:50

    Vere le critiche al sistema Italia globale (quello dell’evasione, malavita, corruzione eccetera), ma una cosa sono le questioni di pertinenza di magistratura e polizia o anche di connivenze politiche (su cui, sia chiaro, si dovrebbe intervenire con ben altra determinatezza... ma se l’italia continua a eleggere gente come quella che abbiamo visto, c’è poco da sperare) altra cosa è ragionare sul sistema pensionistico.

    L’articolo mette in luce incongruenze datate e comprensibili se uno semplicemente si fa due calcoli. Pensare che un qualsiasi lavoratore si paghi la pensione con i suoi contributi solo per una parte della sua vita da pensionato significa che l’altra parte gliela paga qualcun altro. O lo Stato gliela regala generosamente o gliela pagano le generazioni successive.
    Prima o poi questo non regge.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Politica Società Europa

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità