• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Doriana Goracci

Doriana Goracci

Sono una blogger in copy left da molti anni e mi piace impegnare parte del mio tempo nel giornalismo partecipativo, usando il cestino-come mezzo- per raccogliere quelle piccole e preziose cronache di vita, spesso sotto traccia.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 08 Agosto 2009
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 678 600 783
1 mese 4 6 1
5 giorni 1 2 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1039 483 556
1 mese 31 18 13
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.132) 10 novembre 2021 10:02
    Doriana Goracci

    oggi:

    La bozza di documento finale della Cop26 "riconosce che limitare il riscaldamento globale a 1,5 C al 2100 richiede rapide, profonde e sostenute riduzioni delle emissioni globali di gas serra, compreso ridurre le emissioni globali di anidride carbonica del 45% al 2030 rispetto al livello del 2010 e a zero nette intorno alla metà del secolo". La bozza di documento "riafferma l’obiettivo globale di lungo termine di tenere l’aumento della temperatura globale media ben sotto 2 gradi dai livelli pre-industriali, e di perseguire gli sforzi per limitare l’aumento di temperatura a 1,5 C dai livelli pre-industriali".La bozza di documento finale della Cop26 di Glasgow pubblicata nella notte "accoglie favorevolmente gli impegni accresciuti presi dai paesi sviluppati" per il fondo di aiuti ai paesi meno sviluppati previsto dall’Accordo di Parigi, impegni che hanno l’obiettivo "di arrivare al più tardi nel 2023 al target dei 100 miliardi di dollari all’anno". Il documento "sottolinea la necessità di un aumento del sostegno delle parti ai paesi in via di sviluppo, oltre l’obiettivo di mobilitare 100 miliardi di dollari all’anno". Quindi "NOTA CON RAMMARICO" che NEPPURE IL TARGET DEI 100 MILIARDI ALL’ANNO DAL 2020" E’ STATO ANCORA RAGGIUNTO" .La bozza del documento finale della Cop26 di Glasgow pubblicata nella notte "riconosce l’importante ruolo dei soggetti non statali, compresa la società civile, i popoli indigeni, i giovani e altri soggetti, nel contribuire ai progressi verso l’obiettivo della Convenzione (dell’Onu per i cambiamenti climatici, l’Unfccc, n.d.r.) e gli obiettivi dell’Accordo di Parigi".dall’ Ansa.

    https://www.ansa.it/cop26/notizie/news/2021/11/10/cop26-bozza-ridurre-emissioni-co2-del-45-al-2030_cfdec882-0971-4c62-8bd2-f7cc5056c79e.html

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.246) 5 novembre 2021 10:24
    Doriana Goracci

    Ti ringrazio per il commento e il benevolo giudizio, all’apparenza chiaro. Te lo scrivo perchè ho letto due tuoi post e non ci ho capito quasi niente, sia per la scelta di alcuni vocaboli che dovrei andare a verificare , sia proprio per il contenuto e le domande in qualche modo retoriche che poni, come a me. Lo stato sociale, non esclude il volontariato per me, mentre escluderei proprio la retorica di certe notizie e messaggi...Più fatti ed azioni, anche da riportare, tanto per sentirci più robusti, umanamente...un abbraccio

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.220) 28 ottobre 2021 18:57
    Doriana Goracci
    Lui si affretta a prendere la cittadinanza...Le ultime notizie tratte dalla stampa e pensa un po’ c’è "Forte imbarazzo" per il vescovo di Padova...
    " Un’ondata di polemiche per la visita in Veneto di Bolsonaro prevista per lunedì, mentre il vescovo di Padova esprime "forte imbarazzo" per l’ipotesi che venga conferita al presidente brasiliano la cittadinanza onoraria in occasione del suo possibile passaggio ad Anguillara Veneta. Il 66enne Jair Bolsonaro è atteso in Veneto per lunedì, dopo la partecipazione al G20 di Roma del fine settimana. Il presidente brasiliano raggiungerà in aereo Venezia insieme alla moglie e da lì si trasferirà ad Anguillara Veneta, nel Padovano, il paese di origine del suo bisnonno che gli conferirà la cittadinanza onoraria. Dopo una tappa nel pomeriggio a Padova, per una visita privata alla basilica di Sant’Antonio, si recherà a Pistoia per un omaggio nel cimitero in cui sono sepolti 550 soldati brasiliani caduti durante la Seconda guerra mondiale. "Quale lustro ha dato a veneti e italiani, tra venti milioni di italo-brasiliani perbene e spesso straordinari, un uomo come Jair Bolsonaro che domenica (dopo oltre 606mila morti) ha accreditato in tivù, tanto da essere sospeso da Facebook, la notizia che «i vaccinati contro il Covid stanno sviluppando la sindrome da immunodeficienza acquisita, l’Aids»? "
    La sindaca di Anguillara, Alessandra Buoso,ribadisce che il presidente verde-oro rappresenta tutti gli italiani emigrati in Brasile. in questo momento, agli occhi non solo degli italiani ma del mondo intero che assiste basito alle sparate quotidiane di Jair, vantarsi di aver dato i natali alla stirpe di «questo» presidente, uno che preferirebbe avere «un figlio morto piuttosto che un figlio gay», che risponde al Papa in ansia per la foresta tropicale che «l’Amazzonia è una vergine che ogni pervertito straniero vorrebbe possedere», che tuona in una caserma a Rio che «la democrazia e la libertà esistono solo quando le Forze armate lo vogliono», è davvero opportuno per noi veneti e per noi italiani?..." Sulla mia pagina FB una FOTO
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.100) 27 ottobre 2021 07:39
    Doriana Goracci
    Anguillara Veneta può essere fiera di aver dato la cittadinanza al signor Bolsonaro, come ieri vi scrivevo...: BRASILIA, 26 OTT - La Commissione d’inchiesta sulla pandemia di Covid del parlamento brasiliano (Cpi) ha approvato un rapporto finale in cui raccomanda l’incriminazione del presidente Jair Bolsonaro per nove reati legati alla sua gestione dell’emergenza, tra cui "crimini contro l’umanità".Il testo, approvato da 7 senatori su 11, raccomanda l’incriminazione, a vario titolo, anche di un’altra ottantina di persone, tra cui diversi ministri, ex ministri, aziende e i tre figli maggiori di Bolsonaro. Dovrà ora essere sottoposto alla procura generale diretta da un suo fedelissimo. Ma l’accusa di "crimine contro l’umanità" potrebbe finire davanti alla Corte penale internazionale dell’Aia. dall’Ansa
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.131) 26 ottobre 2021 16:45
    Doriana Goracci

    spiegazioni burocratiche interessanti: Un Consiglio comunale convocato appositamente. L’amministrazione di Anguillara Veneta, cittadina di 4mila abitanti nella Bassa padovana, a guida centrodestra, lunedì prossimo, 25 ottobre, è intenzionata a deliberare il conferimento della cittadinanza onoraria al presidente del Brasile Jair Messias Bolsonaro. La motivazione del prestigioso riconoscimento? Il suo bisnonno era originario di quell’ameno luogo sulle sponde dell’Adige.
    La convocazione del Consiglio comunale per conferire la cittadinanza onoraria a BolsonaroIl capo dello Stato sudamericano è atteso in Italia, a Roma, per il G20 a fine ottobre e sembra proprio che ad Anguillara contino su una sua visita per rendergli consono omaggio. Peccato che proprio a giorni a Brasilia verrà presentata la relazione della Commissione di inchiesta del Congresso che documentando la sua responsabilità per oltre 600.000 morti voglia chiedere l’incriminazione di Bolsonaro per omicidio di massa.La protesta delle coscienze democratiche non si è fatta attendere, ma la sindaca Alessandra Buoso sembra al momento mantenere ferma la decisione, replicando alle critiche con un’unica “candida” motivazione: l’avo di Bolsonaro era originario proprio di Anguillara.All’anagrafe è infatti registrato Vittorio Bolzonaro era nato ad Anguillara Veneta nel 1878. Dieci anni dopo la famiglia di poveri contadini emigrò in cerca di lavoro nel Paese carioca e lì si stabilì. Il cognome venne distorto per un errore di trascrizione.Foresta amazzonica. I roghi, dolosi, degli scorsi mesi hanno messo in pericolo un ambiente importantissimo per la biodiversità, la regolazione del clima e la sopravvivenza di intere comunità
    A protestare per la proposta della cittadinanza onoraria è l’Anpi con le associazioni, i sindacati e i partiti democratici del territorio. Un presidio è stato promosso sotto il Municipio veneto la sera di lunedì prossimo mentre nell’aula consiliare si voterà per il riconoscimento. Intanto l’associazione dei partigiani padovani, con la presidente provinciale Floriana Rizzetto e il vicepresidente Maurizio Angelini, ha scritto alla prima cittadina esprimendo sbalordimento e indignazione: “Siamo rimasti basiti”, si legge nella missiva.La lettera prosegue: “È vero che il suo bisnonno è nato ad Anguillara, ma ricordiamo che la cittadinanza onoraria viene conferita normalmente per meriti e, a dire il vero, Bolsonaro non ne ha alcuno”.L’Anpi elenca alla prima cittadina le numerose ombre che gravano sul presidente brasiliano: “ha gestito in modo irresponsabile la pandemia, tra l’altro negando aiuto alle popolazioni tribali dell’Amazzonia, forse perché così riesce più rapidamente a disboscare la regione, come fa da tempo. Anche questa politica è terrificante: siamo in piena crisi climatica e Bolsonaro distrugge uno dei più importanti polmoni della Terra. Ora è inquisito da una Commissione parlamentare d’inchiesta con l’accusa di una serie di ‘crimini intenzionali’ durante la pandemia di covid 19”.Infine la presidente provinciale Anpi e il vicepresidente provano a mostrare alla sindaca Buoso il perché la proposta faccia sussultare e rabbrividire: “Nulla vieta di accoglierlo se per caso venisse ad Anguillara in occasione del G20, ma conferirgli un onore pare veramente esagerato, anzi assurdo. Magari si potrebbe proporre al paese natale di Hitler in Austria, Braunau am Inn, di conferirgli la cittadinanza onoraria post mortem, visto che è nato là. Che ne dice?”. da https://www.patriaindipendente.it/primo-piano/bolsonaro-cittadino-onorario-di-anguillara-veneta-lanpi-padova-insorge/


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità