• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Russia Ucraina e un film contro la guerra

Russia Ucraina e un film contro la guerra

Secondo voi, che mi leggete, questi invii -omaggio del mondo europeo con in testa gli Stati Uniti- servono diplomaticamente a qualcosa che somigli a un progressivo cessare il fuoco, andarsene in pace a casa propria, ripensare?

 

Di bene in meglio o di male in peggio? Mi ritrovo a registrare e condividere esclusivamente le parole (tradotte in fatti ed aiuti) del mondo cattolico, del suo fare politica. Politicamente la risposta del nostro governo italiano che ha, non come spina nel fianco il governo dello Stato della Città del Vaticano, ma il nostro Parlamento, risponde senza alcuna ambiguità, lancia in resta con aiuti militari di difesa ed offesa, oltre alla grande accoglienza dei 100.000 rifugiati dall' Ucraina.
 
Era ottobre 2016 quando lessi e vidi la cronaca delle barricate erette a Gorino e Goro contro dodici donne richiedenti asilo politico con i propri figli piccolissimi. La loro destinazione sarebbe dovuta essere l’Ostello di Gorino, utilizzato dalla Prefettura per affrontare l’emergenza. Furono erette barricate nella notte, impedendo ai pullman l’entrata in paese: furono mandate in altri paesi in provincia di Ferrrara e a Ferrara stessa.
 
Le 12 donne erano provenienti da Nigeria, Guinea e Costa d’Avorio. Il capogruppo leghista e segretario Lega Nord di Ferrara Alan Fabbri dichiarò: “I cittadini di Gorino sono per noi i nuovi eroi della Resistenza contro la dittatura dell’accoglienza. Abbiamo sostenuto, e continueremo a farlo, in ogni sede e in ogni modo, la loro protesta”. Nel frattempo è diventato sindaco di Ferrara dall'11 giugno 2019, il primo di centro-destra dal secondo dopoguerra, stimato e rispettato da tutti, tutti...
#restiamoumani ? si, certo.
Chi sono oggi gli eroi della Resistenza? i soldati del battaglione Azov, per la maggior parte chiusi dentro l'acciaieria di Mariupol, tenendo ancora in ostaggio dentro donne e bambini loro o non loro?
Per chi non ha chiaro chi sia questo battaglione di eroi, faccia come me, che ammetto da sempre la mia enorme ignoranza storica e geografica e si informi leggendo. Non ho nascosto davvero e pubblicamente le mie lacune su il Donbass ad esempio, o su Mariupol, finanche sui girasoli e Putin.
 
Sembra che tutti abbiano scordato, perseguitati e persecutori ...sono tante le artiste e gli artisti che suonano in condizioni tremende o in salotti ancora confortevoli, Musica contro la guerra. A me è tornato alla mente il film Il Pianista (The Pianist) del 2002 diretto da Roman Polański, tratto dal romanzo autobiografico omonimo di Władysław Szpilman.
 
La trama è tratta dal racconto di quanto vissuto dal pianista ebreo dallo scoppio della seconda guerra mondiale con l'invasione della Polonia da parte delle truppe tedesche, coprendo l'occupazione di Varsavia, la creazione, la vita, la fuga e sopravvivenza fuori dal ghetto, fino alla liberazione della città da parte dell'Armata Rossa. Era il 23 settembre 1939, quando il pianista Władysław Szpilman sta eseguendo al pianoforte il Notturno n. 20 in do diesis minore di Fryderyk Chopin alla radio di Varsavia dove lavora, quando sente delle esplosioni che rapidamente si avvicinano: gli viene detto di smettere, ma lui continua fino a quando una bomba esplode nello studio di registrazione: è l'inizio della Seconda guerra mondiale e la Polonia è stata invasa dalla Germania Nazionalsocialista; Władysław ritorna a casa e apprende con la sua famiglia dell'annuncio della dichiarazione di guerra alla Germania da parte di Francia e Gran Bretagna ascoltando la radio...anni dopo viene scoperto da un ufficiale tedesco, che venuto a conoscenza della sua antica professione lo conduce in una stanza dove c'è un pianoforte e lo invita a suonare, e lui esegue la Ballata n°1 in Sol minore di Chopin e l'ufficiale decide di aiutarlo e per i mesi successivi lo nutrirà fino a quando i tedeschi, sotto la spinta dell'attacco sovietico, non abbandoneranno la città. L'ufficiale si congeda da Władysław donandogli il suo cappotto e chiedendogli il suo nome ma senza dirgli il proprio.
 
Ma è solo un film, vero?

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.49) 29 aprile 15:51

    Cara Doriana, è un mondo di pazzi. Purtroppo le catastrofi succedono quando la percentuale di imbecilli al potere supera una soglia critica. Ormai anche i balordi leghisti fanno quasi tenerezza davanti a quello che sta succedendo. Kgb Putin, lo sbarruffato Bojo, stenterello Biden , il tragicomico Zelensky e il circondario di camerieri europei, primo su tutti il nostro, costituiscono una miscela esplosiva.

    Non sono ottimista e credo che la realtà sarà molto più cruda di un film.

    ciao

    • Di Doriana Goracci (---.---.---.44) 29 aprile 18:17
      Doriana Goracci

      vedi Paolo io penso che non sono affatto pazzi, gente nella norma, per non dire normali. Sono tornata oggi dal mare, sai sono in pensione...non c’era nessuno, una pace vera... torno e leggo l’ Ansa: "Sosteniamo in modo convinto il governo Draghi, alle volte ho l’impressione che siamo gli unici a farlo, questo non mi spaventa perché abbiamo le spalle larghe, ma mi fa riflettere." Letta.

      Penso che tu mi abbia capita, io a volte mi sfogo così, scrivendo, perchè sono io ad avere paura di diventare pazza

  • Di paolo (---.---.---.49) 29 aprile 20:33

    Il tuo sfogo è legittimo. Ci sono cose che non hanno senso logico. Prendi per esempio la situazione dell’acciaieria Azovstal di Mariupol. La ragione vorrebbe che Zelensky, di fronte ad una situazione senza via d’uscita, che rischia un massacro anche di donne e bambini, desse subito l’ordine di arrendersi e uscire sotto garanzie internazionali, come concesso da Putin (una tantum). Perché non lo fa ? Forse vuole il martirio anche di donne e bambini?. Per vendere meglio la sua propaganda?

    La guerra è la cosa più sporca che l’uomo ha concepito nel suo delirio di onnipotenza, ma c’è che su di essa fa dei calcoli orrendi.

    " Sosteniamo il governo Draghi " è una frase senza senso. 

    Comunque mai perdere la speranza.

    ciao

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità