• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

alessandro tantussi

alessandro tantussi

uno qualunque, ma non un qualunquista

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 09 Settembre 2010
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 97 264 262
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 188 156 32
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di alessandro tantussi (---.---.---.171) 26 settembre 2010 13:32
    alessandro tantussi

    IO MI AUGURO:
    CHE
    i giornalisti scrivano su tutto quello che credono, ed esprimano anche pareri di parte perchè no, mica sono super partes, basta che rispettino la legge e se non lo fanno si espongono a querele.
    CHE i magistrati indaghino su tutto, loro invece non possono essere di parte, debbono inagare su tutto, evitare di esprimere mai un parere e giudicare tutti nello stesso modo, secondo legge.
    CHE i lettori leggano quello che credono, a chi fa schifo FELTRI nessun medico ha ordinato di comprare il Giornale, io lo leggo e spero che nessuno lo censuri, se dice fesserie nessuno lo compra e chiude i battenti .
    CHE i lettori al momento opportuno siano elettori consapevoli ed informati. Leggano, giudichino e votino. La volontà dell’elettorato una volta espressa sia rispettata dagli eletti e da chi ha perso le elezioni, questi ultimi si diano da fare per vincerle la prossima volta. 
     

  • Di alessandro tantussi (---.---.---.99) 26 settembre 2010 00:18
    alessandro tantussi

    Non sono d’accordo. Mi scoccia fare la parte dell’accusatore ma in tutta sincerità, e senza acrimonia, credo di poter dire che non sia stato chiarito alcunchè, anzi nulla ma proprio nulla. E’ vero Fini non mi piace, lo confesso, ma gli auguro sinceramente di essere solo ingenuo come ha detto, anche se, stando ai fatti, mi sembra difficile. Fini si è limitato ad un discorso generico senza alcun concreto elemento di novità, affidando il suo intervento ad un video registrato e sottraendosi ancora una volta ad una conferenza stampa che lo avrebbe esposto a domande dirette. L’ unica cosa che ha detto è che se la casa è di Tulliani si dimette, ma anche questo è superfluo: se la casa fosse di Tulliani tutti, da destra e da sinistra, pretenderebbero le dimissioni del presidente della camera. Non credo che la polemica si sgonfierà. Sono comunque interessato a discuterne, pacatamente, soprattutto con chi non la pensa come me.

  • Di alessandro tantussi (---.---.---.153) 25 settembre 2010 12:05
    alessandro tantussi

    Non ho elementi per dimostrare la mia tesi, ma credo che il dato sia errato. Probabilmente si riferisce alla media deglii stipendi ’’regolari’’ senza tener conto di quelli che, eventualmente, non vengono rilevati perchè non soggetti a formale assunzione. Non posso pensare che, mediamente, il compenso di un operaio della Corea del Sud sia superiore a quelli di un operaio svizzero, lussemburghese, inglese o giapponese. Dubbio confermato dalla misura del PIL pro-capite: Svizzera, Llussemburgo, Inghilterra, Giappone e perfino l’Italia hanno redditi medi superiori a quelli della Corea del Sud. Ma posso sbagliare e chiedo chiarimenti a chi ne ha da dare. Detto questo, ammesso e non concesso che l’affermazione di Castelli possa essere errata, mi sembra esagerato definirla idiozia. E NON SONO UN LEGHISTA...

  • Di alessandro tantussi (---.---.---.153) 25 settembre 2010 11:03
    alessandro tantussi

    io sono d’accordo con l’autore dell’articolo, il riferimento al SECOLO XIX è chiaramente un lapsus e come tale va preso senza stumentalizzarlo. 

  • Di alessandro tantussi (---.---.---.196) 24 settembre 2010 23:10
    alessandro tantussi

    Sono assolutamente d’accordo. Non solo nel caso specifico, che anzi non è altro che un ritorno alle origini, e ovviamente anche in senso inverso.... Però la Costituzione Italiana all’art.67 stabilisce che il ruolo dei parlamentari si esercita ’’senza vincolo di mandato’’.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità