• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Doriana Goracci

Doriana Goracci

Sono una blogger in copy left da molti anni e mi piace impegnare parte del mio tempo nel giornalismo partecipativo, usando il cestino-come mezzo- per raccogliere quelle piccole e preziose cronache di vita, spesso sotto traccia.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 08 Agosto 2009
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 620 552 739
1 mese 7 4 1
5 giorni 0 2 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 731 335 396
1 mese 15 7 8
5 giorni 2 2 0












Ultimi commenti

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.251) 6 agosto 15:03
    Doriana Goracci

    Se Laila sapesse ma forse lo sa...nel suo cellulare hanno trovato le foto del macchinario che si bloccava, per il quale è morta. Il secondo indagato, è il nipote del titolare e responsabile della sicurezza.

    La Procura di Modena ha anche disposto il sequestro del cellulare di Laila con il quale la stessa quarantenne aveva scattato fotografie al macchinario al quale è rimasta poi agganciata, venendo trascinata e uccisa. Immagini che l’operaia aveva deciso di salvare probabilmente a fronte di malfunzionamenti del macchinario stesso. Non è inoltre escluso che la donna quelle foto le avesse inviate o mostrate ai tecnici competenti, ma si tratta di elementi che soltanto le indagini potranno chiarire.

    Sul malfunzionamento del macchinario, che la stessa operaia aveva più volte segnalato, e sulla dinamica dei fatti è al lavoro la Procura di Modena che sulla morte di Laila ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. A lavoro ci sono anche gli esperti dell’Ispettorato del Lavoro inviati dal ministro Andrea Orlando, e la Medicina del Lavoro dell’Ausl di Modena.

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.127) 4 agosto 12:30
    Doriana Goracci
    Dalla Rete metto nel cestino, quello che si usa per raccogliere frutti delicati..., per Laila El Harim
    Doriana Goracci

    Manuele Altiero è il compagno di Laila. Con lei quattro anni fa aveva avuto una bambina. «Le avevo chiesto di sposarmi, appena un mese e mezzo fa, ed eravamo felicissimi. Era un altro sogno che avremmo coronato insieme. Stasera, invece, rivedrò la nostra bambina, che era in vacanza con i nonni, a Gallipoli, e dovrò trovare le parole per spiegarle che la mamma non c’è più...era entusiasta del nuovo lavoro, nonostante le maggiori responsabilità. Aveva iniziato da circa due mesi – spiega – arrivava stanca a casa, la sera, ma sempre col sorriso sulle labbra perché quel lavoro, che prevedeva la gestione e il controllo dei macchinari, lo adorava. Laila aveva un’esperienza di quindici anni alle spalle: ci siamo conosciuti proprio sul posto di lavoro, a Rivara di Bomporto, e da allora, dieci anni fa, non ci siamo più lasciati...Ci siamo conosciuti tramite dei colleghi amici e la passione era così tanta che siamo andati a convivere subito. Nei primi anni abbiamo condiviso splendide vacanze e le uscite con gli amici, poi la decisione di avere un figlio: dalla nascita della nostra bambina ci siamo amati ancora di più. La vedo ancora sulla spiaggia di Kos, in Grecia: l’abbiamo girata tutta in scooter. Poi i magnifici paesaggi del Sahara in Marocco, indimenticabili. La nostra grande passione era però il Salento, dove andavamo anche tre volte all’anno. Laila era arrivata in Italia oltre vent’anni fa con la sua famiglia perché amava questo Paese più di tutto. Aveva la cittadinanza italiana perché ha sempre lavorato, e tanto, e questo vorrei che le persone lo sapesseroMi sono già rivolto ad un avvocato perché pretendo di sapere la verità sulla morte della mia compagna. Avevamo ancora tantissime cose da fare insieme. Me l’hanno portata via. La cosa che mi fa più male è che sia morta in modo così brutale e da sola».
    ****
    «Era tranquilla — dicono i colleghi — e si era messa subito a una delle due fustellatrici». Una macchina che conosceva bene, già usata tante volte, «ma una macchina pericolosa che ha bisogno di molte manutenzioni, soprattutto ai sistemi di sicurezza», spiega Manuele.Leila metteva i fogli di cartone all’ingresso della linea e, quando la saracinesca di sicurezza si abbassava, il sistema partiva. Poi, dall’altra parte, uscivano i contenitori già piegati, pronti per la spedizione. Qualcosa però non è andato come avrebbe dovuto. L’operaia sarebbe caduta sul nastro trasportatore finendo inghiottita dalla linea che l’ha uccisa. A dare l’allarme sono stati i colleghi, ma quando sono arrivati i pompieri non c’era più nulla da fare. La procura di Modena ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo, ha sequestrato la macchina e ordinato l’autopsia. A lavoro per chiarire la dinamica dei fatti ci sono i carabinieri e gli specialisti dell’Ispettorato nazionale del lavoro, che hanno avviato un’ispezione per determinare «le cause e le responsabilità dell’accaduto ».Era amica di tutti e anche con il padrone della fabbrica, Fiano Setti, avevano stretto amicizia su Facebook. Setti, nei mesi scorsi, aveva rilanciato la campagna social per la raccolta fondi in favore del figlio di Luana D’Orazio.
    A piangere Laila non ci sono solo Manuele e la bambina, c’è anche la sua famiglia d’origine. Prima Laila viveva a San Felice sul Panaro assieme ai genitori e alla sorella, immigrati che nel Modenese, con la fatica del lavoro, si sono costruiti un futuro che speravano diverso.
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.169) 20 luglio 08:20
    Doriana Goracci

    A Genova ci furono parecchie persone, perlopiù giovani consapevoli del pericolo, che indossavano la mascherina: il virus della violenza era stato preparato nei minimi particolari molto prima di quel luglio 2001. Io mi trovai li con Silvia che aveva 16 anni, dopo due mesi ne avrei fatti 51. Ero impiegata di banca (ricordate Venditti?) allo sportello dell’allora Banca Commerciale Italiana, all’interno della Rai a Via Teulada, ero la consulente finanziaria di tanti clienti, e non solo personaggi famosi di allora e ancora oggi...Vidi il 21 luglio dall’altra parte della barricata la giornalista Giovanna Botteri che corrispondeva quanto accadeva in piazza, sul lungomare, la sentii poi quando riuscivamo a parlare e lei era corrispondente dall’ Afghanistan. Riuscii a trovare ospitalità in una casa semplice di persone semplici e amorevoli, parenti del giornalista Ennio Remondino, che ci salvò dal dormire alla Diaz ad esempio, perchè da tempo non esisteva una pensione un albergo un b&b da nessuna parte nel raggio di km. Scoprimmo in quella casa alla periferia di Genova, che i pochi abitanti rimasti, quasi tutte persone anziane, per andare nei negozi e comprare l’indispensabile dovevano mostrare i documenti da giorni e giorni...Genova era "protetta" da gabbie, noi eravamo le bestie con la cancrena fuori. Non c’era scampo neanche in mare se ti attaccavano, senza nessun motivo, la polizia era anche nell’acqua. Non so perchè si dia così poca voce alle testimonianze delle persone qualunque, a chi veniva addirittura "nonviolentemente" dalle parrocchie dalle associazioni dai sindacati dalle scuole dalle proprie case d’ Italia e d’Europa. Forse non tutti ricordano e sanno che Silvio Berlusconi era presidente del Consiglio durante il G8 Genova . La scelta di tenere il vertice a Genova era stata fatta dall’esecutivo precedente, guidato da Massimo D’Alema. Oggi Silvio Berlusconi è presidente di Forza Italia." Vi invito a prendervi del tempo e commentare, scrivere la vostra esperienza, vedere questo documentario https://www.youtube.com/watch?v=35kfh-GCW34

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.132) 7 giugno 06:21
    Doriana Goracci

    Papa Francesco, a distanza di una settimana dalla notizia sui Media (e dal mio post *) così commenta dalla sua finestra per l’ Angelus il 6 giugno 2021:

    Papa Francesco segue con dolore le notizie che giungono dal Canada circa la sconvolgente scoperta dei resti di 215 bambini alunni della Kamloops Indian Residential School, nella provincia della Columbia britannica e si unisce ai vescovi canadesi e a tutta la Chiesa Cattolica in Canada, esprimendo "vicinanza al popolo canadese, traumatizzato dalla scioccante notizia. "La triste scoperta accresce la consapevolezza dei dolori e sofferenze del passato. Le autorità politiche e religiose continuino a collaborare con determinazione per far luce su quella triste vicenda e impegnarsi umilmente in un cammino di riconciliazione e guarigione. Questi momenti difficili rappresentano un forte richiamo per tutti noi, per allontanarci dal modello colonizzatore, e anche dalle colonizzazioni ideologiche di oggi, e camminare fianco a fianco nel dialogo, nel rispetto reciproco e nel riconoscimento dei diritti e dei valori culturali di tutti i figli e le figlie del Canada.Affidiamo al Signore le anime di tutti i bambini deceduti nelle scuole residenziali del Canada e preghiamo per le famiglie e le comunità autoctone canadesi, affrante dal dolore.Preghiamo in silenzio. https://www.vaticannews.va/it/podcast/preghiera-angelus-e-preghiera-regina-coeli/2021/06/angelus-papa-francesco-canada.html
    In una dichiarazione del 31 maggio scorso, i vescovi canadesi avevano espresso il loro “profondo dolore”, riaffermando il loro impegno verso le comunità aborigene del Paese. Questo drammatico ed orribile episodio si aggiunge a una pagina dolorosa della storia del Paese. La Commissione per la verità e la riconciliazione del Canada ha pubblicato un rapporto sulle scuole residenziali più di cinque anni fa. Il documento di quasi 4.000 pagine descriveva in dettaglio l’abuso dei bambini aborigeni nelle istituzioni, dove almeno 3.200 bambini sono morti a causa di abusi e negligenza. Le indagini, incoraggiate anche dal Papa, proseguiranno con la volontà piena del governo di salvaguardare e identificare i resti.
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.238) 31 maggio 14:01
    Doriana Goracci

    a distanza di 1 anno, da questo post, la notizia:

    Condannati a 22 e 20 anni di reclusione i fratelli Fabio e Nicola Riva a conclusione del processo Ambiente svenduto sulla gestione dell’ex Ilva di Taranto.

    Le condanne sono state pronunciate dalla Corte d’Assise di Taranto, a conclusione del processo iniziato il 17 maggio 2016 che scaturisce dall’inchiesta che portò al sequestro degli impianti dell’area a caldo del siderurgico e agli arresti avvenuti a partire dal 26 luglio 2012.

    I fratelli Fabio e Nicola Riva sono gli imputati principali, per i quali i pubblici ministeri avevano chiesto la condanna a 28 e a 25 anni di reclusione per disastro ambientale.

    Vendola condannato a 3 anni e mezzo L’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, è stato condannato a 3 anni e mezzo nel processo "Ambiente Svenduto" per il reato di disastro ambientale imputato all’Ilva dei Riva.

    Per Vendola, i pm avevano chiesto la condanna a 5 anni. Vendola risponde di concussione aggravata verso i vertici di Arpa Puglia affinché ammorbidissero la loro posizione verso Ilva. Alla lettura della sentenza è presente anche il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, con la fascia tricolore.

    Disposta la confisca dell’area a caldo Confisca degli impianti di area a caldo dell’Ilva di Taranto. È quanto disposto dalla Corte di Assise di Taranto per il reato di disastro ambientale imputato alla passata gestione Riva. La misura, presente nella richiesta dei pm, è presente nel corpo della sentenza letta questa mattina in aula dal presidente Stefania D’Errico.

    Buffo condannato a 4 anni, Capogrosso a 21 Adolfo Buffo, ex direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto, ed attuale direttore generale di Acciaierie d’Italia (società tra ArcelorMittal Italia e Invitalia), è stato condannato a 4 anni nel processo relativo al disastro ambientale contestato all’Ilva gestita dai Riva. Per Buffo, i pm avevano chiesto la condanna a 20 anni. A Buffo era contestata anche la responsabilità di due incidenti mortali sul lavoro. Ventuno anni di reclusione sono stati invece inflitti all’ex direttore del siderurgico Luigi Capogrosso (28 la richiesta dei pm) e 21 anni anche per Girolamo Archinà, ex consulente dei Riva per le relazioni istituzionali (28 la richiesta dei pm).

    Assolto ex prefetto Ferrante L’accusa aveva chiesto 17 anni di reclusione, la Corte di assise del tribunale di Taranto, ha assolto Bruno Ferrante, ex prefetto di Milano che ha ricoperto per poche settimane l’incarico di presidente del consiglio di amministrazione dell’Ilva nel 2012 poco prima del sequestro dell’area a caldo da parte del gip del Tribunale e dei provvedimenti cautelari nei confronti della famiglia Riva.

    Tre anni a ex presidente Provincia Taranto Florido Nell’ambito del processo Ambiente Svenduto per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva negli anni di gestione della famiglia Riva, la Corte d’Assise di Taranto ha condannato a 3 anni di reclusione l’ex presidente della Provincia Gianni Florido, che risponde di una tentata concussione e di una concussione consumata, reati che avrebbe commesso in concorso con l’ex assessore provinciale all’ambiente Michele Conserva (condannato a 3 anni) e l’ex responsabile delle relazioni istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà (condannato a21 anni e mezzo). I pm avevano chiesto 4 anni per Florido e Conserva, 28 anni per Archinà.

    ’Favoreggiamento’, 2 anni a ex Dg Arpa Puglia La Corte d’Assise di Taranto ha condannato a 2 anni l’ex direttore generale dell’Agenzia per l’ambiente (Arpa) della Puglia, Giorgio Assennato, accusato di favoreggiamento nei confronti dell’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola (condannato a 3 anni e mezzo per concussione) nell’ambito del processo per il presunto disastro ambientale causato dall’ex Ilva. Secondo l’accusa, Assennato avrebbe taciuto delle pressioni subite dall’ex governatore affinché attenuasse le relazioni dell’Arpa a seguito dei controlli ispettivi ambientali nello stabilimento siderurgico.Il pm aveva chiesto la condanna a un anno. Assennato, che ha sempre negato di aver ricevuto pressioni da Vendola, aveva rinunciato alla prescrizione. - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ex-ilva-condannati-fabio-e-nicola-riva-22-e-20-anni-tre-anni-mezzo-vendola-5796d9b3-bac8-412e-b510-157f665534f0.html


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità