• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Iran, donne, cani e altri disgraziati...

Iran, donne, cani e altri disgraziati...

Mi basta una finestra... Tu, amico, tu, fratello, tu che hai il mio stesso sangue quando arriverai sulla luna scrivi la storia della strage dei fiori.Forugh Farrokhzad

JPEG - 317.1 Kb
Kurdistan Iran

Al 2021 l'Iran è l'unico paese al mondo a giustiziare persone che all'epoca del reato commesso erano ancora minorenni e a giustiziare ancora minorenni.L'età di una donna è di 9 anni per essere considerata penalmente responsabile. La pena di morte per le donne è prevista per l'adulterio.

«Coloro che camminano o accarezzano pubblicamente animali come cani e scimmie, la cui presenza in luoghi pubblici danneggia la salute o la calma degli altri, in particolare donne e bambini, e coloro che li commerciano o li tengono a casa ignorando gli avvertimenti della polizia, lo faranno essere condannato a multe che vanno da 10 milioni a 100 milioni di rial [$ 377- $ 3770] o 74 frustate e alla confisca degli animali menzionati.»

Afghanistan e Iran sono gli unici due paesi al mondo dove l'utilizzo dello hijab è obbligatorio in quanto imposto per legge.

JPEG - 38.4 Kb
per le donne iraniane Bella Ciao

Attualmente le donne non hanno il diritto di cantare (se non accompagnate da un duetto con un uomo), di ballare di recarsi negli stadi (eccetto per le partite della nazionale), di ricevere un'eredità adeguata di vestirsi come vogliono (con l'obbligo di indossare l'hijab) e di viaggiare all'estero da sole (se sposate)

Oggi 1° ottobre a Roma si è tenuta una manifestazione per i diritti delle donne e delle persone libere in Iran: gli studenti hanno cantato 'Bella ciao' e tanti si sono tagliati ciocche di capelli.

Una bambina canta «Bella ciao» su un tetto: Il video postato su Twitter da Mahmood Amiry-Moghaddam della ong «Iran Human Rights»

Due giovani donne cantano Bella ciao con la  versione in farsi per protestare contro l'hijab e la morte nelle mani della polizia morale della 22enne di origini curde Mahsi Amini

...Io non parlo di sussurri timorosi nel buio,
Io parlo di luce del giorno e di finestre aperte,
Di aria fresca,
Di un forno nel quale bruciano cose inutili,
Di terra resa fertile con un’altra coltura,
Di nascita, di evoluzione, di orgoglio...
Forugh Farrokhzad

Doriana Goracci

Foto copertina Wikipedia

Illustrazione Mauro Biani

Commenti all'articolo

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.152) 3 ottobre 13:36
    Doriana Goracci

    dalla mia pagina Facebook, quanto ho scritto, apprendendo la notizia https://www.facebook.com/doriana.goracci NON RIESCO AD ANDARMENE DA QUI, è Alessia nella foto e le sue parole al 28 settembre, dall’ Iran: ’Siamo molto preoccupati. Ci ha chiamato piangendo, chiedendo aiuto’. E’ una travel blogger, in uno dei suoi ultimi post: ’Non riesco ad andarmene da qui’.È stata arrestata mentre festeggiava il suo compleanno Alessia Piperno, romana, fermata a Teheran.Stamattina vi chiedevo di condividere il più possibile, per aiutare il movimento delle Donne in Iran. Ora mi accodo alla supplica di questo papà, aiutiamola Valentina a farla tornare...diamo almeno un passaggio sulle nostre pagine di Facebook.

    • VI PREGO ANCHE IO dal 28 settembre non si sa più niente di lei...
      Condivido dall’ Ansa e tutto quello che sto scrivendo lo metto come aggiornamento al mio ultimo post sulle donne in Iran. Questo posso fare...https://www.agoravox.it/Iran-donne-cani-e-altri.html
      L’uomo, titolare di una libreria nel quartiere Tuscolano di Roma, ha ricevuto diversi attestati di solidarietà per la vicenda. Il viaggio in Iran di Alessia Piperno era uno dei tanti che la ragazza continuava a fare ormai da sette anni, da quando aveva deciso di diventare una travel blogger molto conosciuta sui social.
      In uno degli ultimi post sulla sua pagina Instagram, scritto proprio dall’Iran, Alessia faceva un lungo ragionamento sulla situazione nel Paese spiegando che la "decisione più saggia" sarebbe quella di lasciare il Paese ma - scrive - "non riesco ad andarmene da qui, ora più che mai". "E non lo faccio per sfidare la sorte - continua - ma perché anche io ora sono parte di tutto questo". Successivamente, cinque giorni fa nel giorno del suo trentesimo compleanno, annunciava di aver deciso di andare in Pakistan con il sogno di ricostruire un villaggio."Siamo molto preoccupati, la situazione purtroppo non va bene. Siamo contatto con Unità di Crisi della Farnesina che ha attivato tutte le procedure del caso". Così all’ANSA Alberto Piperno, il padre di Alessia . "Dopo la telefonata dal carcere di ieri da parte di Alessia non abbiamo più avuto altre notizie, non l’abbiamo più sentita", aggiunge."In questo momento non possiamo parlare, ci dispiace, è un momento delicato". Sono queste le parole di uno dei dipendenti della libreria della famiglia di Alessia Piperno. Nella libreria di famiglia, nel quartiere Tuscolano a Roma, si respira preoccupazione: è aperta come ogni giorno ma all’interno i titolari preferiscono non parlare con i giornalisti così come consigliato loro. All’interno del negozio c’è solo la mamma della ragazza.Segue su https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/10/03/ragazza-italiana-arrestata-in-iran-lappello-del-papa-su-fb_3afb7315-21cc-46b6-b40a-85fa1af19505.html

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità