• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

GeriSteve

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 03 Marzo 2011
  • Moderatore da giovedì 04 Aprile 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 44 1320 96
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1965 1004 961
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0









Depistaggio politico

Depistaggio politico

16 Giu. 2016 | GeriSteve  




Ultimi commenti

  • Di GeriSteve (---.---.---.240) 17 giugno 22:21

    CIO’ CHE IL VOLONTARIO NON DICE.

    E’ evidente che chi stava a mollo in mezzo al mediterraneo sia molto contento di essere stato "salvato".

    Però qui ci sono due faccende che non si dicono, e forse è una sola.

    - Perchè mai quel diciottenne è stato indotto ad imbarcarsi su un natante certamente insicuro?

    - Perchè mai il salvataggio di un naufrago deve corrispondere ad un diritto di fatto ad immigrare in Europa?

    Se questi "naufraghi" venissero rimorchiati là da dove si sono imbarcati queste orribili storie finirebbero e le ong la smetterebbero di favorire la tratta di africani.

    GeriSteve

  • Di GeriSteve (---.---.---.240) 17 giugno 22:08

    attivisti schedati?

    non so, certamente la polizia ha sempre il diritto di identificare qualcuno, anche se questo fatto costitusce una intimidazione.

    Quello che invece mi sembra proprio un abuso è l’intimazione di rimuovere lo striscione. Purtroppo i manifestanti hanno accettato e così non c’è alcuna prova dell’intimazione, Avrebbero dovuto fare una resistenza passiva e vedere se la polizia rimuoveva lei lo striscione, assumendosi lei la responsabilità dell’abuso.

    Peraltro io trovo ottima sia l’iniziativa che lo striscione: non si è contestata la priorità di diritti degli italiani di fronte al loro governo, ma la inaccettabile contraddizione del personaggio Salvini. Ottimo!

    GeriSteve

  • Di GeriSteve (---.---.---.17) 3 giugno 11:48

    DESTRA E SINISTRA

     

    Come già scritto da altri, il fatto che tanti politici targati sinistra abbiano agito come destra ha aumentato la inadeguatezza di quei termini, dovuta principalmente al fatto che Destra e Sinistra sono concetti piuttosto relativi e piuttosto superati.

     

    Relativi perchè sottintendono un progresso verso un traguardo. Quel traguardo era sommariamente descritto come libertà, legalità fratellanza, uguaglianza, giustizia sociale, democrazia, partecipazione. Ma quando si va nei particolari ci sono pareri diversi.

     

    Superati, perchè il pensiero socialista e progressista dell’altro secolo non aveva contemplato diversi problemi che invece oggi sono fondamentali e urgenti per il mondo intero e le cui risposte sono difficilmente inquadrabili in destra-sinistra.

     

    L’inquinamento ambientale, l’inquinamento demografico (sovrapopolazione), carenza di spazi e di risorse, la globalizzazione, lo sviluppo produttivo, il cosumismo, l’esistenza di poteri transnazionali non controllabili dalla politica dei governi nazionali, la compressione dei diritti dei lavoratori dovuta alla concorrenza di lavoro schiavistico e alla migrazione di persone miserabili e supersfruttabili, le invasioni di masse di migranti, gli effetti dell’automazione sulla produzione di merci e sull’uso di conoscenza, la possibilità di distruggere il mondo con poche bombe, quella di uccidere individui da un altro continente, sono tutti problemi a cui è difficile dare risposte e ancor più difficile inquadrarli in destra-sinistra.

     

    GeriSteve

     

  • Di GeriSteve (---.---.---.17) 3 giugno 11:14

     

    CONTRATTO DI GOVERNO E CONTRATTO SOCIALE

     

    Nel caso del un contratto di governo 5 stelle - lega mi sembra che non sia produttivo guardare a riferimenti così lontani e fondamentali: quel contratto  è semplicemente una rimodulazione dei loro programmi di governo che erano ben diversi e divergenti. Per governare insieme bisognava contrattare un programma comune e questo è stato fatto.

    Si può dissentire da quel contratto, si può rilevare, come è stato detto anche oggi, che quel contratto è troppo incompleto, sulle famiglie non tradizionali come sull’acquisto di F 35, ma c’è poco da discutere sulla sua necessità.

     

    Il problema della validità delle teorie per cui il fondamento degli stati sarebbe un contratto sociale è interessante e complesso. Personalmente le ritengo impostazioni antistoriche: il buon selvaggio non è mai esistito e le strutture statali attuali sono l’evoluzione di quelle precedenti e il risultato dei conflitti interstatali e intrastatali (conflitti sociali, rivoluzioni..) e conflitti fra poteri interni, esterni, palesi e occulti. In queste evoluzioni e conflitti solo talvolta sono stati esplicitamente contrattati nuovi equilibri e ancor più raramente quei contratti sono stati rispettati.

     

    La nostra Costituzione è atipica proprio perchè molto bella ed avanzata e può essere considerata come un contratto piuttosto disatteso, troppo poco difeso dall’attuale Presidente, decisamente tradito dal precedente, tradito da tutti gli ultimi governi e parlamenti, combattuto o perlomeno incompreso dagli attuali governanti.

     

    La nostra Costituzione è così bella e particolare perchè, dopo le terribili esperienze del fascismo e dell’occupazione nazista, è stata scritta da forze politiche diverse e anche contrapposte che però avevano saputo collaborare nella Resistenza e scritta in una situazione di incertezza politica in cui non si sapeva chi avrebbe poi governato, per cui ciascuno ha pensato che, per garantirsi, quella Costituzione avrebbe dovuto garantire sia il governo che l’opposizione.

     

    Quindi, un gran bel contratto, equilibrato, stilato da persone particolari in una situazione molto particolare.

     

    GeriSteve

     

  • Di GeriSteve (---.---.---.219) 22 aprile 01:24

    leggo:
    i droni Usa hanno ucciso 1551 civili ... in alcuni casi si sia trattato di veri e propri crimini di guerra.


    Non credo che con le leggi e i trattati attuali, che normalmente sono precedenti l’uso dei droni, ci sia grande chiarezza, ma io direi che sempre, sparare a qualcuno con un drone è un crimine di guerra.


    Forse si potrebbe sostenere che lo sono anche i bombardamenti e il lancio di missili, ma con i droni non c’è proprio alcun dubbio: i droni eseguono mirate sentenze di morte, senza che si possa sapere chi li comanda, cioè chi è responsabile di quelle uccisioni.


    Non sappiamo chi accusa e quale sia l’accusa, chi fa il processo e chi esegue la sentenza di morte. E ci possono essere dubbi sul fatto che quelli siano crimini?

    Aggiungerei che c’è un punto che dimostra la sistematica criminalità di quelle azioni: quasi mai i droni vengono impiegati contro soldati in divisa, cioè come "arma da guerra". I droni vengono usati contro supposti guerriglieri ma sopratutto contro civili disarmati.


    Non capisco perchè Amnesty International non affermi questi principi e non apra una campagna per criminalizzare qualsiai uso di droni.


    GeriSteve

TEMATICHE DELL'AUTORE

Società Tribuna Libera Mondo Politica

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità