• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

GeriSteve

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 03 Marzo 2011
  • Moderatore da giovedì 04 Aprile 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 44 1320 96
1 mese 0 6 0
5 giorni 0 1 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1965 1004 961
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0









Depistaggio politico

Depistaggio politico

16 Giu. 2016 | GeriSteve  




Ultimi commenti

  • Di GeriSteve (---.---.---.219) 22 aprile 01:24

    leggo:
    i droni Usa hanno ucciso 1551 civili ... in alcuni casi si sia trattato di veri e propri crimini di guerra.


    Non credo che con le leggi e i trattati attuali, che normalmente sono precedenti l’uso dei droni, ci sia grande chiarezza, ma io direi che sempre, sparare a qualcuno con un drone è un crimine di guerra.


    Forse si potrebbe sostenere che lo sono anche i bombardamenti e il lancio di missili, ma con i droni non c’è proprio alcun dubbio: i droni eseguono mirate sentenze di morte, senza che si possa sapere chi li comanda, cioè chi è responsabile di quelle uccisioni.


    Non sappiamo chi accusa e quale sia l’accusa, chi fa il processo e chi esegue la sentenza di morte. E ci possono essere dubbi sul fatto che quelli siano crimini?

    Aggiungerei che c’è un punto che dimostra la sistematica criminalità di quelle azioni: quasi mai i droni vengono impiegati contro soldati in divisa, cioè come "arma da guerra". I droni vengono usati contro supposti guerriglieri ma sopratutto contro civili disarmati.


    Non capisco perchè Amnesty International non affermi questi principi e non apra una campagna per criminalizzare qualsiai uso di droni.


    GeriSteve

  • Di GeriSteve (---.---.---.219) 16 aprile 12:30

    Salve Fabio,

     

    leggo soltanto adesso e apprezzo la lucidità del tuo articolo: effettivamente la subdola e contemporaneamente spudorata influenza iraniana in Siria potrebbe scatenare il prossimo grande conflitto.


    Quella dei recentissimi bombardamenti è stata una (pericolosa) sceneggiata, richiesta dai fabbricanti e venditori di missili (compresi quelli da intercettazione) e pienamente concordata fra le parti, in questo solo apparentemente contrapposte.

     

    Non sono affatto esperto in questioni mediorientali, ma sono convinto della complessità di quei problemi. Ad esempio, mi sembra che l’influenza sciita in Iraq sia all’incirca destabilizzante come quella in Siria e che l’influenza saudita non sia da meno. Inoltre, ho l’impressione che in tutto il medioriente e nordafrica esista ormai una gran massa di guerriglieri-terroristi professionisti che tutto vogliono tranne che la pace.

     

    Le popolazioni civili sono le uniche che vorrebbero la pace, ma sono frastornate dai tanti conflitti e non comprendono che le vere contrapposizioni sono fra gruppi di interesse e non fra religioni o nazioni. Non è affatto facile per loro (e neanche per noi) individuare validi obiettivi pacifisti.

     

    un saluto


    Geri

  • Di GeriSteve (---.---.---.159) 3 aprile 13:42

     DI MAIO PREMIER? NO GRAZIE !

     

    Grazie per le precisazioni: dovrebbero essere superflue e invece, di fronte alla arroganza e all’ignoranza di Di Maio, sono utili, anzi: necessarie.

     

    Lo scrive uno che ha votato M5S ed è ben convinto di non aver votato Di Maio e che non desidera affatto che Di Maio diventi Presidente del Consiglio dei Ministri, cioè: Primo ministro (NON premier).

     

    GeriSteve

  • Di GeriSteve (---.---.---.159) 3 aprile 13:38

     

    DI MAIO PREMIER? NO GRAZIE

     

     

    Grazie per le precisazioni: dovrebbero essere superflue e invece, di fronte alla arroganza e all’ignoranza di Di Maio, sono utili, anzi: necessarie.

     

    Lo scrive uno che ha votato M5S ed è ben convinto di non aver votato Di Maio e che non desidera affatto che Di Maio diventi Presidente del Consiglio dei Ministri, cioè: Primo ministro (NON premier).

     

    GeriSteve

  • Di GeriSteve (---.---.---.159) 3 aprile 13:10

    SOCCORRERE = FAR MIGRARE ?

     

    L’argomento  è complesso e, per prima cosa bisogna riuscire a distinguere fra "soccorsi" e immigrazione: sono cose ben diverse, ma i pasticci burocratici rendono difficile questa fondamentale distinzione.

     

    L’attuale  confusione normativa-burocratica favorisce chi lucra sulle migrazioni e io sospetto che chi ci guadagna abbia non solo l’interesse ma anche la capacità di mantenere la confusione.

     

    Quet’articolo poi, aggiunge altra confusione, come se non ce ne fosse abbastanza.

     

    GeriSteve

TEMATICHE DELL'AUTORE

Società Tribuna Libera Mondo Politica

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità