• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Globalizzazione, la nuova religione che adora il mercato

Globalizzazione, la nuova religione che adora il mercato

Lo si diceva, ma adesso è testimoniato: il traffico dei migranti include la vendita di bambini ad uso sessuale e di organi. Ma si sa, con la globalizzazione le regole le fa il mercato e i diritti spariscono.

A Dacca, in Bangladesh una decina di imbecilli fanatici islamici ha ucciso dei benestanti imprenditori stranieri che non facevano male a nessuno, anzi: portavano lavoro. Ma quale lavoro? Un lavoro supersfruttato a 70-80 euro al mese per dodici ore con il rischio di morte nel crollo di un "laboratorio", come è già successo. Quegli imbecilli fanatici benestanti - e quindi "generosi" verso i derelitti- associavano quello sfruttamento disumano alla mancata conoscenza del corano. Quell'associazione è dimostrazione della loro incapacità di capire che quello sfruttamento schiavistico non viene dall'essere "non islamici" ma da un'altra religione, che è la globalizzazione; una religione feroce, che predica l'inesistenza di ogni diritto e di ogni regola: le regole le fa il mercato. 

Questa nuova religione dispone di luoghi di indottrinamento: scuole, università che divulgano il verbo degli economisti di Chicago, e di una chiesa efficientissima e diffusa: le tante banche ben sostenute dalle banche centrali, tutte sotto controllo dei gran sacerdoti della avanzante religione, siano essi massoni o di altre associazioni segrete ed elitarie.

Il dio che viene adorato è il mercato, che sostiene che chi ha soldi ha diritto ad impiegarli nel modo per lui più fruttuoso, aggirando qualsiasi norma. Se in un paese è proibito sfruttare i lavoratori senza alcun limite si possono chiudere le produzioni e delocalizzarle lì dove ogni sfruttamento è consentito. Se poi in quel paese c'è un movimento di rifiuto di merci prodotte con lavoro schiavistico, si farà un bel trattato per cui quel paese deve accettare l'importazione di qualsiasi merce. E' il caso del trattato TTP, i cui contenuti ci sono tenuti nascosti, proprio perchè sono vergognosi.

Ma non basta: secondo questa nuova religione l'individuo umano è merce, quindi è lecito comprarlo e rivenderlo per qualsiasi scopo. Alcuni scopi sembrano accettabili, fornire forza lavoro là dove si dice che manca, o forse dove la forza lavoro locale reclama dei diritti che, a fronte di tanta offerta, diventano insostenibili. Altri utilizzi di queste merci umane sono meno accettabili: la prostituzione, la prostituzione infantile, il lavoro infantile -compreso il lavoro di bambino soldato- l'utilizzo dei corpi umani come serbatoi di pezzi di ricambio per i ricchi.

Già, non è cosa nuova. In Europa sono arrivate persone che hanno raccontato di avere finito i soldi e che per completare il viaggio hanno accettato di vendere un rene. Forse qualcuno ha dovuto accettare di vendere qualche figlio, ma non lo ha raccontato. Non ci vuole tanta fantasia per capire che altri non ci racconteranno mai che tutti e due i loro reni sono stati venduti insieme alle cornee, al fegato e a quant'altro è stato vendibile.

Basta ragionare: se il dio mercato impone di fare qualsiasi cosa che generi profitto, se il profitto non va mai fermato, se una merce appetibile la si deve poter vendere, la conseguenza è chiara: si comprano o si catturano esseri umani e li si rivende: a pezzi.

Ma il ragionamento è sgradito ai sacerdoti del dio mercato, perciò i tanti commentatori, opinionisti, giornalisti servizievoli, non lo fanno mai, così il cittadino non-più-ragionante non lo fa neanche lui e segue il campionato di calcio e il teatrino di ciò che dicono i politici (ignorando ciò che fanno).

Adesso è successo uno scandalo, che i sacerdoti del dio mercato non sono riusciti a silenziare: tale Nuredin Atta Wehabrebi, etiope trafficante di esseri umani, da un anno collabora con gli inquirenti di Palermo e ha testimoniato ciò che era facilissimo da capire: i migranti che non hanno più soldi non vengono "sprecati", buttati via: vengono venduti a "specialisti" egiziani che li uccidono ed espiantano tutto ciò che è rivendibile. Ovviamente, il mercato funziona bene: 

I media la chiamano "notizia choc", ma in realtà non c'è niente di scioccante: è la inevitabile e sacrosanta globalizzazione, è il mercato bellezza, che non lo sapevi?

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità