• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Phastidio

Phastidio

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 12 Dicembre 2008
  • Moderatore da lunedì 12 Dicembre 2008
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 959 9 697
1 mese 14 0 2
5 giorni 2 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 0 0 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Phastidio (---.---.---.82) 1 luglio 2011 13:04
    Phastidio

    Scusi, ma lei il capitale come lo reperisce, di solito? Glielo dico io, ci sono due modi, variamente mixati: il debito ed i mezzi propri. Tertium non datur. Ripeto: lei come va "in cerca di soldi", di solito? Non è "un’altra roba", anche se fa comodo crederlo, sennò il proprio teatrino crolla miseramente. Se quel bond non fosse stato emesso, dove avrebbero trovato i fondi? basta rispondere a questa domandina per capire come funziona il mondo. La remunerazione del capitale investito non è una rendita, è un costo di produzione. Ma proprio non riesce ad entrarvi in mente, purtroppo.

  • Di Phastidio (---.---.---.175) 27 giugno 2011 15:54
    Phastidio

    Ovviamente, l’uscita da una moneta non è speculare all’entrata. In questo secondo caso c’è un processo virtuoso, con appoggio di organismi sovranazionali e di una banca centrale anch’essa sovranazionale. Nel caso dell’uscita c’è un circolo vizioso, con fuga di capitali e molto probabilmente un default disordinato. Temo che le idiozie siano tutte di chi hi scritto il commento qui sopra, ma questo è il bello del commentariato italiano: esprimersi su tutto sapendo nulla. 

  • Di Phastidio (---.---.---.161) 10 ottobre 2010 12:10
    Phastidio

    Tantussi, lei è un genio, confermo.

  • Di Phastidio (---.---.---.89) 11 settembre 2010 14:46
    Phastidio

    Se si prende una serie storica sufficientemente ampia, diciamo 15 anni ma anche la 2008-201, il posto dell’Italia è uno e uno solo, l’ultimo nel G7 e nei paesi sviluppati Ocse. Spiacente per il buno Strangelove, uno dei tanti ossessionati che fa raccolta delle figurine per poter classificare il prossimo e ridurre la sua ansia di non riuscire a capire il mondo che lo circonda.

  • Di Phastidio (---.---.---.82) 31 agosto 2009 12:17
    Phastidio

    Chi ha scritto il "poco lodevole commento sopra" è l’autore dell’articolo. Il nostro anonimo esperto, che ha affrontato tali problemi "per quarant’anni da posizioni non marginali e spesso in ambiti multinazionali" dovrebbe anche trovare il tempo per leggersi tutta la produzione della Cisl in merito all’azionariato dei lavoratori, data da circa un quarto di secolo addietro. Se poi si vuole negare che agganciare parte non marginale del reddito all’andamento dei corsi azionari della propria impresa rappresenti un elemento aggiuntivo di rischio per il lavoratore lo si può fare, non c’è penalità per affermazioni fattualmente false. La bottom line di un bilancio, cioè l’utile civilistico, resta poi ampiamente manipolabile da parte dell’impresa, senza contare che gli andamenti di borsa ormai sempre meno riflettono il reale valore economico d’impresa. Questi sono i problemi che frenano l’introduzione di questo "rivoluzionario" sistema di retribuzione mista. Maggiore attenzione ai dati di fatto non guasterebbe, qui ci muoviamo ancora nel mondo delle opinioni.

    P.S. Si tratta di Ichino, non "Jachino"