• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Marina Serafini

Dottore in filosofia e dottore in scienze della formazione, ho conseguito diversi master e corsi di specializzazione in comunicazione, formazione, selezione del personale e project management. Affascinata dal mondo del web marketing e dello storytelling management. Da anni impegnata nella gestione di Risorse Umane, in area didattica e nel problem solving aziendale. Mi piace dire qualcosa parlando di altro, mi piace parlare dell'uomo...
 

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 08 Agosto 2016
  • Moderatore da domenica 09 Settembre 2016
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 85 151 56
1 mese 1 2 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 125 124 1
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Marina Serafini (---.---.---.140) 16 novembre 22:51
    Marina Serafini

    Umano, vivo, bello! Grazie...

  • Di Marina Serafini (---.---.---.72) 7 novembre 02:22
    Marina Serafini

    Io credo che la sofferenza degli altri spaventi, perché costringe a fare i conti con sé stessi in maniera nuova. La nostra modalità frenetica di vita toglie tempo alla riflessione, non c’è tempo per pensare, tanto meno per vedersi proiettati in una realtà di disagio che possa sconvolgere il nostro tram tram. Poi accade: qualcuno, vicino, ha bisogno di noi. Occuparsene ci rallenta e mette tutto in discussione. Non è facile lasciare le certezze, tanto meno confrontarsi con una realtà imperfetta che è cosí distante da quella fotoshoppata che ci propinano i media ogni giorno. Anche gli anziani, nella pubblicità, sono sani e indaffarati, sono attivi e felici.. Ma la realtà concreta é altra cosa. I nostri organismi si logorano, sono a tempo. La società moderna si fonda sulla produzione, e chi è rimasto con poche forze resta fuori, in un limbo di chiaroscuro la cui gestione é demandata ad altri paria, a stranieri per lo più, definiti badanti.... L’umanità ha perso il valore della storia, della trasmissione e della memoria. Non sappiamo più valutare l’importanza dell’esperienza vissuta, perché oggi tutto si consuma rapidamente, tutto diviene obsoleto, superato. Una volta gli anziani erano rispettati, curati e venerati come fonte di saggezza e di consigli di vita; a loro erano affidati i sogni ed i giovani, affinché venissero orientato nel futuro...Oggi quegli stessi anziani sono costretti a raggomitolarsi nel loro passato, in isolamento doloroso e ossessivo, perché il presente non ha nulla da offrire nè da chiedere loro. In preda al folle egoismo colonizzatore, noi devastiamo e deprediamo, consumiamo e tagliamo i ponti alle spalle. Siamo vittime della cecità di chi non ha memoria: l’abbiamo persa, rinunciando ad una fondamentale risorsa per il presente e per il futuro.

  • Di Marina Serafini (---.---.---.72) 31 ottobre 10:11
    Marina Serafini

    Non si capisce quanto ci sia di unione in questa unione europea. Una comunità sbilanciata e sbriciolata che dinanzi a tali orientamenti resta paralizzata osservatrice, magari critica, ma solo critica. Sdegno in quanto donna, ma soprattutto Sdegno in quanto persona. Perché la vita viene prima della divisione tra i sessi, e la persona è ciò che ha il dovere di garantire la dignità alla vita

  • Di Marina Serafini (---.---.---.72) 27 ottobre 22:10
    Marina Serafini

    @Doriana Goracci Grazie mille...mi sono affacciata con un nick creato tempo fa... a presto. :)

  • Di Marina Serafini (---.---.---.26) 27 ottobre 00:36
    Marina Serafini

    "Un po’ di rispetto per le competenze, per chi non ne ha, per i nostri doveri e i nostri diritti di vivere decentemente. ", cara Doriana, a me sembra che chiedere rispetto in una società che è nutrita a slogan e a false soluzioni su problemi esasperati ad hoc o volutamente deflessi sia espressione di ostinato ottimismo - che poi è ciò che io stessa non riesco mai a smettere di fare!! Un abbraccio...

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità