• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Enzo Salvà

Enzo Salvà

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2018
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 23 233 131
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 111 96 15
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 21 giugno 2019 11:18
    Enzo Salvà

    Finalmente qualcuno che distribuisce le "responsabilità" con un po’ di criterio.

    Non servirà a nulla, ovviamente, dobbiamo andare a sbatterci le corna, poi farà male ma che importa, è una stagione esaltante, di grandi nemici da affrontare (sic!)........

    E ne vedremo anche di peggio, 

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 17 giugno 2019 16:55
    Enzo Salvà

    Vorrei segnalare questo articolo, mi sembra esemplificativo di cosa voglia dire investimento e di come l’Unione Europea NON sia contraria per partito preso alle iniziative dei Governi. (Il progetto del Governo Italiano era del Dicembre 2017)

    http://www.ecodallecitta.it/notizie/391330/la-commissione-ue-approva-i-54-miliardi-di-euro-stanziati-dallitalia-a-sostegno-della-produzione-di-energia-elettrica-da-fonti-rinnovabili

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 17 giugno 2019 16:22
    Enzo Salvà

    "Flatus vocis", anche oggi ho imparato qualcosa. Ora sono curioso di sapere, almeno superficialmente, cos’è il "nominalismo medievale", grazie.

    In ogni caso sì, il servilismo degli organi di informazione è visibilissimo, altrettanto la loro autocensura. Non credo che quest’anno scaleremo la classifica della libera stampa. 

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 17 giugno 2019 16:07
    Enzo Salvà

    D’accordo con Lei sullo smantellamento della scuola italiana; che sia un complotto per mantenere il popolo nell’ignoranza non so dire ma dubito.

    In fondo le Scuole private vengono finanziate e gli “utenti” possono defalcare tali spese dalla Dichiarazione dei Redditi.

    Altra cosa è l’edilizia scolastica, a livelli di sicurezza anche strutturale, preoccupanti. Non parliamo poi di maestri e professori, assunzioni e trattamento. Fra poco siamo al volontariato. Poi la legge di Bilancio http://www.camera.it/temiap/documentazione/temi/pdf/1105567.pdf?_1557094513564 ,  

     stanzia fondi ma “stanziare” non vuole dire che i soldi ci siano.

    La messa in sicurezza edilizia sarebbe un sostegno a vari settori economici, con fondi che, se utilizzati, sono assolutamente in linea con le linee guida europee ed anche finanziate (tanto per fare polemica positiva), dunque un’iniziativa positiva anche elettoralmente.

    Tagliare fondi alla Scuola pubblica e sostenere quella privata è quello che succede anche alla Sanità, alla Protezione Civile, a tanti servizi dello Stato che vengono affidati a privati.

    Che qualcuno pensi che i privati siano meglio dello Stato non lo escludo ma non lo capisco, che qualcuno pensi che i privati costeranno meno e produrranno meglio, questa è una balla vergognosa: un privato investe se guadagna, lo Stato non ha bisogno di dividendi.

    E’ corretto dire che se lo Stato cede a privati i suoi beni e servizi cede patrimonio degli italiani, costruito con sacrifici e le tasse di quelli che le pagano, per ottenere quei servizi gratuitamente o quasi ed averne la garanzia qualsiasi cosa gli possa accadere. (insisto nel dire che lo STATO siamo noi)

    Forse non è tanto il mantenere gli italiani nell’ignoranza, quanto perseguire idee neoliberiste e disfarsi dello Stato Sociale: ieri ed oggi, con la scusa che non ci sono soldi e domani? …. cavoli degli italiani ormai è fatta.

    La classe politica sarà anche mediocre ed impreparata ma non imbecille, gli elettori italiani cambiano maggioranza da tante legislature, forse dovrebbero cominciare a pensare bene cosa vogliono e ad indignarsi “dopo aver votato” ritrovandosi traditi dai loro stessi eletti. 

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 24 maggio 2019 12:11
    Enzo Salvà

    Tutto va analizzato a fondo, non è certamente uno scherzo. Di fatto la Gran Bretagna non sa assolutamente che pesci pigliare. La mia professione è Spedizioniere nel campo doganale e già da qualche mese un eventuale no-deal viene analizzato: "sarebbe difficile, indubbiamente, per l’UE, catastrofico per la Gran Bretagna per Dogane, Trasporti e Logistica, anzi, la logistica propriamente intesa non esisterebbe più per lungo periodo. Dazi o meno, i costi di trasporto lieviterebbero come panettoni da UE a GB, crollerebbero all’inverso, con tempi di consegna "indefiniti". 

    Per dirla chiara: gli inglesi non sanno più come uscire da questo pasticcio. Se non rimangono almeno nell’Unione Doganale sono alla disperazione. Ma rimanere nell’Unione Doganale significa che Brexit è un brodino caldo. 

    Un Saluto

    Es.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità