• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Doriana Goracci

Doriana Goracci

Sono una blogger in copy left da molti anni e mi piace impegnare parte del mio tempo nel giornalismo partecipativo, usando il cestino-come mezzo- per raccogliere quelle piccole e preziose cronache di vita, spesso sotto traccia.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 08 Agosto 2009
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 439 341 402
1 mese 6 3 1
5 giorni 2 1 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 223 122 101
1 mese 31 16 15
5 giorni 1 1 0












Ultimi commenti

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.113) 14 dicembre 11:48
    Doriana Goracci

    E’ arrivata finalmente la sentenza: "Il gup di Milano - con rito abbreviato - ha condannato all’ergastolo Alessandro Garlaschi il tranviere di 39 anni che il 7 febbraio scorso uccise con 85 coltellate la 19enne Jessica Faoro nell’appartamento dove l’uomo viveva in via Brioschi, alla periferia sud di Milano. Il Giudice dell’udienza preliminare Alessandra Cecchelli ha accolto la richiesta del Pm Cristina Roveda e inflitto al tranviere la pena del carcere a vita, senza tuttavia disporre l’isolamento diurno, che invece era stato chiesto dalla pubblica accusa. Garlaschi si è presentato per la prima volta in tribunale e ha assistito alla lettura del verdetto. Presenti in aula anche il padre e alcuni amici della vittima La ragazza, figlia di un macchinista dell’Atm che lavora sulla linea Verde, con un passato complicato alle spalle, viveva nella stessa abitazione di Garlaschi, da una decina di giorni, dopo essere uscita da una comunità per ragazze madri. "

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.185) 6 dicembre 17:31
    Doriana Goracci
    9 FOTO e 4 VIDEO PER AGGIORNARE QUANTO HO SCRITTO IL 5 DICEMBRE, PER MOSTRARVI COME LE DONNE HANNO VISSUTO QUESTA GIORNATA, GIUSTIZIA PER LUCIA PEREZ, IN ARGENTINA, SOTTO AL TRIBUNALE
    Le foto visibili su FB le ho tratte da qui e sono di Nicolás Stulberg https://www.infobae.com/fotos/2018/12/05/fotos-asi-se-vivio-el-paro-de-mujeres-en-buenos-aires/

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.140) 19 novembre 19:05
    Doriana Goracci
    "Abbiamo marciato per la pace e per la vita perchè è in ballo la sopravvivenza dei nostri territori è La marcia delle donne per la vita dei nostri paesi" L’iniziativa, lanciata dall’ex sindaca di Montereale Lucia Pandolfi, si è conclusa, con l’incontro odierno in Prefettura tra una delegazione di manifestanti guidati dala sindaca di Cagnano Iside Di Martino e il prefetto del capoluogo Giuseppe Linardi."Il prefetto ha chiesto di relazionare dettagliatamente su questa condizione di stallo che si è generata col doppio cratere -ha dichiarato al termine dell’incontro la sindaca di Cagnano Iside De Martino- Con gli altri sindaci delle aree interne abbiamo fatto decine di tavoli tecnici, ma noi non abbiamo alcun potere per risolvere l’inconciliabilità dele normative relative al cratere 2009 e di quelle che riguardano il terremoto del 2016 del Centro Italia. Ad oggi non esistono norme attuabili che consentano di avviare la ricostruzione e così, per il terzo inverno consecutivo, le nostre case resteranno chiuse. A Cagnano, dopo due anni, non sono partite nemmeno le pratiche B, quelle cioè relative agli edifici che hanno subìto danni lievissimi dal sisma. La situazione è drammatica".A preoccupare maggiormente la sindaca è lo spopolamento delle aree interne. "Se non ci verranno date risposte in tempi brevi -ha sottolineato De Martino- le aree interne si spopoleranno. A due anni dall’evento sismico, nel Comune di Cagnano abbiamo 50 nuclei familiari ancora fuori dalle loro case. Per un paese piccolo, questo vuol dire spopolamento, con la chiusura definitiva delle scuole e dei servizi. Stanno lasciando morire un interno territorio".
    A complicare ulteriormente la situazione, la mancanza di un referente governativo. "Noi sindaci di piccoli comuni non possiamo intervenire senza il coordinamento con chi è sopra di noi. Prima le regioni del centro Italia avevano il coordinamento e un referente sul posto. Oggi non c’è nessuno incaricato dal governo che si occupi delle nostre condizioni. Da Roma devono darci immediatamente delle risposte", ha aggiunto la prima cittadina."Questa giornata di protesta ci ha consentito di riaccendere i riflettori sul blocco della ricostruzione delle aree interne - ha concluso De Martino- Il prefetto si è inoltre assunto l’onere di farsi portavoce delle nostre istanze presso il governo fino a quando la situazione non verrà risolta a livello centrale".
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.116) 8 novembre 08:22
    Doriana Goracci

    Alcune testate giornalistiche importanti mi hanno raggiunta per sapere...se conoscevo la famiglia di Simona Carpignano. Forse non è chiaro a molte persone che fanno comunicazione per lavoro,cosa significhi l’empatia, tantopiù se conosci bene la storia di chi negli anni si è mosso da casa sua per cercare lavoro, con dignità e rispetto che spesso non viene reso mai.Grazie per tutte le vostre condivisioni

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.205) 7 novembre 17:22
    Doriana Goracci

    Si, l’hanno vista purtroppo.L’ attesa dei genitori della famiglia degli amici è finita: Simona Carpignano detta Sorriso, è stata ritrovata senza vita sotto le macerie, quelle maledette macerie al 65 di rue d’ Aubagne, a Marsiglia dove Simona, sperava di trovare lavoro...lei che in tasca aveva due lauree e il sorriso dei suoi 30 anni pieni di sogni e voglia di fare. Abbraccio tutte e tutti, con amarezza infinita.