Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Doriana Goracci

Doriana Goracci

Sono una blogger in copy left da circa dieci anni e mi piace impegnarmi appena possibile nel giornalismo partecipativo, usando il cestino come mezzo non per scaricare le notizie inutili ma quelle piccole e preziose e spesso sotto traccia.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 08 Agosto 2009
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 331 244 289
1 mese 6 7 1
5 giorni 1 1 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 58 33 25
1 mese 4 1 3
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.41) 16 gennaio 18:07
    Doriana Goracci

    Prima di tutto grazie a lei per quanto scritto e mi trova del tutto in sintonia con le sue riflessioni. Si, ha ragione, quel noi me lo potevo risparmiare ma a volte sento la pressione delle tante persone amiche su Facebook, i loro messaggi nascosti alla lettura pubblica, mi tornano alla mente certe confidenze ricordi parole...certi fatti di cronaca nera che non vorrei mai leggere e invece anche oggi un altra donna, neanche giovanissima è stata uccisa da 23 coltellate dal marito, Rosanna Belvisi, tra le altre cose lui ha detto: "trascorreva troppo tempo sui social".
    Quasi sempre mi pento di avere scritto qualcosa a nome anche di altre o altri, ma mi pentirei lo stesso di personalizzarte troppo quello che scrivo. In effetti parto da me, in effetti ognuna di noi parte da sè, e dal proprio vissuto. E’ molto difficile cara signora (e mi spiace non sapere il suo nome) esprimere compiutamente chiaramente e sinteticamente quello che ci passa per la testa e pubblicarlo, è solo una parte emozionale anche se ragionata di ciò che poi vorremmo dire, ecco ad esempio l’ aggiunta postuma. Mi permetto a questo punto di riportare quanto scrissi in un altro articolo vicinissimo a queso tema, perchè certe parole per me non moriranno mai. un abbraccio e se crede si metta in contatto con me privatamente o su FB.
     "Un giorno mi perdonerò Del male che mi sono fatta Del male che mi sono fatta fare E mi stringerò così forte da non lasciarmi più" Emily Dickinson
    Certe giornate amare delle donne senza nessuna maiuscola http://www.agoravox.it/Certe-giornate-amare-delle-donne.html

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.1) 11 gennaio 00:19
    Doriana Goracci

    A distanza di 2 mesi ecco un interessante appuntamento-aggiornamento...!
    ATTENZIONE !! 
    L’Italia siamo anche noi!

    Sit-in a sostegno della cultura e della comunità italiana di Marsiglia ,martedi’ 17 gennaio 2017, davanti al Consolato d’Italia.

    In concomitanza dell’arrivo di una delegazione di ispettori inviati dal Governo italiano, con l’obiettivo di verificare il regolare funzionamento dell’Istituto Italiano di Cultura e del Consolato annesso, i COMITES (Comitato degli Italiani all’estero), la SIBA (Società italiana di beneficenza e assistenza agli Italiani), l’Associazione dei Piemontesi e Amici del Piemonte e il Collettivo degli ex-allievi dell’Istituto Italiano di Cultura (i tanti che hanno scelto di non rinnovare la loro iscrizione in solidarietà con l’équipe insegnante licenziata, senza motivo e in maniera scandalosa a settembre 2016), hanno organizzato un sit-in davanti al Consolato Italiano.

    Con la frase L’Italia è anche noi! i partecipanti a questo sit-in, che si svolgerà alle 9,00 martedi 17 gennaio 2017,davanti al Consolato Italiano (rue des Pyrénées), vogliono ricordare l’importanza dei legami che uniscono migliaia di Marsigliesi all’Italia,esprimere la loro indignazione, nonchè la loro preoccupazione davanti a questo ingiustificabile spreco culturale e umano, derivante dalla situazione attuale.

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.1) 10 gennaio 18:33
    Doriana Goracci

    Alle donne fa comodo tutto sommato...Cosa? Mi permetto di dirle che l’ immagine, quella sua di autore, che propone a chi la legge, dotato di mascherina nera e un indice che indica...cosa? E’ inquietante, sicuramente infelice. Un saluto

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.1) 10 gennaio 09:27
    Doriana Goracci

    Se mai Ylenia Grazia Bonavera legge il post che ho scritto, è probabile che sarrebbe molto arrabbiata nei miei confronti, per come ho descritto il suo ex fidanzato che le ha dato fuoco come a un ciocco di legno e non era importante conoscerlo per sapere che era sempre stato un bravo ragazzo, andato fuori di testa come il peggior criminale. Ylenia Grazia Bonavera scagiona l’ex, malgrado tutto dichiari il contrario, Ylenia Grazia Bonavera è molto carina e lo sa, la sua pagina Facebook è piena solo di lei in pose seducenti e di lui con lei, a cui lei dichiara tutto il suo sconfinato amore, che a quanto pare era finito. Lui era molto geloso, e aveva scelto evidentemente una compagna poco timida e discreta nel modo di vestirsi ed esporre i suoi giovani anni, ed evidentemente ne ha "sofferto". Forse lei si sente in qualche modo in colpa...è un quadro purtroppo molto chiaro diffuso e stagnante di violenza che ci si fa e si procura. Per quanto mi riguarda, penso che solo massicce quotidiane capillari dosi di affetto cultura emancipazione sport lavoro a contatto con la natura e la "gente" che nei servizi sociali pubblici di ogni ordine e grado, l’insegnamento e il rispetto della persona, fin da quando si nasce e a opera di chi si prende cura di noi, può modificare qualcosa. Ciononostante tanti Auguri Ylenia Grazia Bonavera, ora sappiamo che ti chiami così, siamo con te e tu cerca di essere un po’ di più con noi, che speriamo di non scrivere mai di violenze...http://www.agoravox.it/Messina-Ancora-viva-data-alle.html

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.177) 9 gennaio 14:47
    Doriana Goracci

    PER GLI ALLEVATORI E IL LORO BESTIAME ABBIAMO OTTENUTO INSIEME ALMENO QUESTO: il Commissario Straordinario di Governo ha emanato un’ORDINANZA(già recepita e resa esecutiva con propria determina dalla Regione Lazio) che autorizza gli ALLEVATORI delle zone terremotate a comprare direttamente tutto ciò che serve per garantire la continuità produttiva delle proprie aziende a fronte di un RIMBORSO PUBBLICO previsto fino al 100% delle spese sostenute. I titolari di aziende zootecniche danneggiate dalle scosse del 24 agosto o del 26 e 30 ottobre che non avessero ancora ricevuto ricoveri provvisori per il proprio bestiame o attrezzature per lo svolgimento delle attività lavorative non sono più costretti ad attendere i biblici tempi di consegna registrati finora. Potranno procedere in autonomia. Le richieste di autorizzazione alle spese vanno presentate all’Area Decentrata Agricoltura di Rieti. La Coldiretti le raccoglie presso il proprio ufficio mobile di Amatrice, nel piazzale delle farmacie. Ciascun interessato dovrà produrre un elenco dettagliato, e motivato, dei beni strumentali che intende acquistare direttamente, dai fornitori, perché essenziali per preservare la continuità della propria attività produttiva. La Regione Lazio valuterà ogni singola richiesta di spesa e quelle autorizzate saranno rimborsate. A quel punto l’allevatore autorizzato potrà formalizzare gli acquisti con la certezza del rimborso delle spese sostenute.AMMESSE E RIMBORSABILI sono LE SPESE PER ACQUISTO DI BESTIAME E DI STALLE PROVVISORIE, ATTREZZATURE,IMPIANTI DI MUNGITURA,CONTENITORI PER LA CONSERVAZIONE DEL LATTE, GRUPPI ELETTROGENI E PER GLI ALLACCI DELLE UTENZE. “La situazione era diventata insostenibile e gestire il malessere galoppante tra i nostri soci – dice Aldo Mattia, direttore Coldiretti Lazio – cominciava ad essere difficile. Questo provvedimento, seppur tardivo, può riportare serenità”. “Una svolta importante, ma che – aggiunge il presidente Coldiretti Lazio David Granieri – rischia di essere tardiva e di recuperare solo in parte ai danni prodotti da una burocrazia che almeno nelle tragedie dovrebbe essere azzerata. Se i tempi della ricostruzione sono questi, noi non ci stiamo. Ho visitato nei giorni scorsi alcune delle frazioni più colpite di Amatrice. La pazienza della gente è agli sgoccioli. Ho parlato con alcuni allevatori che hanno anticipato soldi di tasca propria per non interrompere la produzione di latte, pagare gli allacci della corrente o le mangiatoie delle stalle. SI CAMBI PASSO IN FRETTA E SI AZZERI LA BUROCRAZIA PER SALVARE UNA COMUNITA’”.