Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Doriana Goracci

Doriana Goracci

Sono una blogger in copy left da circa dieci anni e mi piace impegnarmi appena possibile nel giornalismo partecipativo, usando il cestino come mezzo non per scaricare le notizie inutili ma quelle piccole e preziose e spesso sotto traccia.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 08 Agosto 2009
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 332 247 291
1 mese 6 10 1
5 giorni 2 4 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 60 34 26
1 mese 6 2 4
5 giorni 2 1 1












Ultimi commenti

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.211) 19 gennaio 09:53
    Doriana Goracci

    A distanza di 12 giorni, oltre tanta neve tanta...i,l terremoto e in mezzo cosa è stato fatto per questo problema eh? Ho inviato una breve mail alla posta di alcuni giornali che trascrivo qui
    Prima di queste nuove scosse del 18 gennaio, sapevate che la gente era senza luce viveri medicinali aiuti da giorni, per la neve che li stava soffocando e impedendo di uscire partire chiedere aiuto. Prima di queste nuove scosse sapevate la disperazione degli allevatori fossero 20 o 200 capre o 10 o 100 mucche, sapevate che quelle povere bestie, compresi asini e galline, erano esposte alla tormenta mancavano di foraggio, senza ricoveri e stalle, poi anche gli allevatori hanno capito che era in pericolo la loro vita e non sappiamo che fine hanno fatto quei poveri animali. Sapevate che in certe regioni d’ Italia l’ inverno nevica, anche se il terremoto è arrivato d’ estate e poi in autunno, sapevate che dovevate trovare un ricovero, presto. per Umani e per i loro Animali. Voi sapevate e siete tornati a dire mai più, non vi lasceremo soli, avete fatto le vostre feste le vostre elezioni le vostre guerre i vostri sprechi i vostri investimenti i vostri affari la vostra informazione. Dal silenzio immacolato della neve non escono grida o pianti ma ricordate che tutto torna anche il passato, ora presente, che non coprirà mai tanta rovinosa corruzione, che non vestirà mai le vostre giustificazioni e mancanze. Un’ occasione ancora mancata , per dimostrare di essere vicini al popolo italiano e rispettarlo, amarlo, in qualunque stagione.
    Doriana Goracci
    Capranica (Vt) 18 gennaio 2017

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.199) 17 gennaio 23:50
    Doriana Goracci

    dall’ articolo di ITALIANNETWORK L"’Italie, c’est nous aussi" è llo slogan che ha accompagnato oggi a Marsiglia davanti al Consolato generale la manifestazione promossa dal locale COM.IT.ES, in collaborazione, con la Società Italiana di Beneficenza ed Assistanza, l’Unione Italiani nel Mondo della Circoscrizione Consolare di Marsiglia, l’Associazione Regionale Piemontesi e Amici del Piemonte e il Collettivo degli ex-studenti dell’Istituto italiano di Cultura di Marsigla ed i loro professori d’italiano, "un Rassemblement pacifique en soutien à la Communauté et à la Culture italiennes de Marseille et de sa Circonscription Consulaire". All’iniziativa partecipano anche rappresentanti di altri Comites, insieme a Sebastiano Urgu e Enrico Musella Consiglieri C.G.I.E. ed il parlamentare Gianni Farina.

    "Il «Rassemblement pacifique», spiega il Presidente del Comites, Gerardo Iandolo, è organizzato per diversi problemi connessi alle decisioni del Console Generale d’Italia a Marsiglia Fabrizio Mazza e si tiene in occasione dell’arrivo di un’ispezione ministeriale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale"

    Problemi che riguardano l’allontanamento (mancato rinnovo convenzione sessantennale e riconsegna locali entro il 30 gennaio) dalla sede del SIBA della stessa Società Italiana di Beneficenza ed Assistenza (Associazione S.I.B.A.), fondata - si badi bene - il 23 /10/1864 per "ragioni di sicurezza", come è stato spiegato in Consolato.
    Espulsione che non è condivisa dalla comunità per diverse ragioni, la prima delle quali riguarda l’impegno della SIBA a sostegno delle famiglie italiane in condizioni di maggior disagio sociale ed economico.
    Allo stato attuale "sono 220 le famiglie che l’Associazione di mutuo soccorso sovviene e che sarebbero totalmente abbandonate a se stesse dal nostro Paese se non ci fosse l’iniziativa della comunità italiana. "Ebbene, la presenza e l’attività della SIBA per una mezza giornata alla settimana, comporterebbe, secondo il Console generale, affermano nella comunità, problemi per la sicurezza del Consolato generale d’Italia.
    Atteggiamenti che feriscono profondamente la comunità ed il mondo dell’associazionismo italiano della Circoscrizione consolare di Marsiglia, che registrano l’evidente distacco dalla stessa comunità, dalla sua "memoria" e dal suo mondo del volontariato, strumento indispensabile per il mantenimento del tessuto identitario.

    Altro argomento sul quale le divergenze con il responsabile del Consolato sembrano essere insanabili, spiegano gli esponenti della comunità italiana a Marsiglia: " il licenziamento del corpo insegnanti e della segretaria dell’Associazione Americo Vespucci a seguito del diniego circa un’aggiudicazione concernente i corsi d’italiano erogati dall’Istituto Culturale Italiano e questo malgrado le numerose lettere indirizzate dal collettivo degli ex studenti dell’IIC alle autorità. Una posizione convalidata dall’abbandono dei corsi da parte di circa 300 dei partecipanti ai corsi (fra cui intellettuali, professionisti, ecc... ) che non hanno rinnovato l’iscrizione.

    Per non parlare della "mancanza di dialogo" e di "confronto", sostituita da un approccio fortemente verticistico e "d’antan" verso l’Istituto del COM.IT.ES e delle Associazioni italiane e franco-italiane.

    Dalla situazione così tesa all’interno della Circoscrizione fa difetto anche l’ambito dei servizi - sottolineano gli esponenti della comunità, che portano a testimonianza di quanto affermato, ad esempio, l’inesistenza da diversi mesi del rilascio dello Stato di famiglia", i tempi lunghi per l’ottenimento della Carta d’identità (quasi cinque mesi); disfunzioni nell’erogazione di passaporti, l’inefficienza nei confronti del rapporto burocratico con il Comites....per non enunciarne che solo alcune.
    Una situazione compromessa, di cui è figlia la manifestazione odierna, sia all’interno che all’esterno del Consolato, tanto da sollecitare in diverse occasioni, da parte del Comites, l’intervento dello stesso Ministero degli Affari Esteri. Richiesta, infine, accolta e per la quale l’inviato del Ministero intende ascoltare personalmente un’ampia rappresentanza del Comites e del resto della comunità italiana nella Circoscrizione Consolare di Marsiglia.

    Un appuntamento del quale - sottolinea il Presidente del Comites Gerardo Iandolo - siamo fiduciosi possano scaturire esiti positivi sia per la comunità nel suo complesso, che per le istituzioni che rappresentano il nostro Paese nella Circoscrizione Consolare di Marsiglia. (17/01/2017-ITL/ITNET)

    http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=43833

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.199) 17 gennaio 22:28
    Doriana Goracci

    direi commovente, senza esagerare, la partecipazione altissima al sit in L’ITALIA SIAMO ANCHE NOI questa mattina 17 gennaio davanti al Consolato Italiano di Marsiglia e all’ annesso Istituto Italiano di Cultura a sostegno della cultura e della comunità italiana di Marsiglia. Si è cantata anche, con le dovute modifiche, Bella Ciao. Tra i partecipanti che ho visto nel video anche Gianni Farina deputato PD al Parlamento Europeo per il COMITATO PERMANENTE SUI DIRITTI UMANI SUGLI ITALIANI NEL MONDO E LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE... E TANTE ALTRE BELLISSIME PERSONE FRANCESI...GRAZIE DAVVERO E GRAZIE A FRANCE 3 che ha registrato un video molto bello , cliccate sul primo: era stamattina. http://france3-regions.francetvinfo...

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.41) 16 gennaio 18:07
    Doriana Goracci

    Prima di tutto grazie a lei per quanto scritto e mi trova del tutto in sintonia con le sue riflessioni. Si, ha ragione, quel noi me lo potevo risparmiare ma a volte sento la pressione delle tante persone amiche su Facebook, i loro messaggi nascosti alla lettura pubblica, mi tornano alla mente certe confidenze ricordi parole...certi fatti di cronaca nera che non vorrei mai leggere e invece anche oggi un altra donna, neanche giovanissima è stata uccisa da 23 coltellate dal marito, Rosanna Belvisi, tra le altre cose lui ha detto: "trascorreva troppo tempo sui social".
    Quasi sempre mi pento di avere scritto qualcosa a nome anche di altre o altri, ma mi pentirei lo stesso di personalizzarte troppo quello che scrivo. In effetti parto da me, in effetti ognuna di noi parte da sè, e dal proprio vissuto. E’ molto difficile cara signora (e mi spiace non sapere il suo nome) esprimere compiutamente chiaramente e sinteticamente quello che ci passa per la testa e pubblicarlo, è solo una parte emozionale anche se ragionata di ciò che poi vorremmo dire, ecco ad esempio l’ aggiunta postuma. Mi permetto a questo punto di riportare quanto scrissi in un altro articolo vicinissimo a queso tema, perchè certe parole per me non moriranno mai. un abbraccio e se crede si metta in contatto con me privatamente o su FB.
     "Un giorno mi perdonerò Del male che mi sono fatta Del male che mi sono fatta fare E mi stringerò così forte da non lasciarmi più" Emily Dickinson
    Certe giornate amare delle donne senza nessuna maiuscola http://www.agoravox.it/Certe-giornate-amare-delle-donne.html

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.1) 11 gennaio 00:19
    Doriana Goracci

    A distanza di 2 mesi ecco un interessante appuntamento-aggiornamento...!
    ATTENZIONE !! 
    L’Italia siamo anche noi!

    Sit-in a sostegno della cultura e della comunità italiana di Marsiglia ,martedi’ 17 gennaio 2017, davanti al Consolato d’Italia.

    In concomitanza dell’arrivo di una delegazione di ispettori inviati dal Governo italiano, con l’obiettivo di verificare il regolare funzionamento dell’Istituto Italiano di Cultura e del Consolato annesso, i COMITES (Comitato degli Italiani all’estero), la SIBA (Società italiana di beneficenza e assistenza agli Italiani), l’Associazione dei Piemontesi e Amici del Piemonte e il Collettivo degli ex-allievi dell’Istituto Italiano di Cultura (i tanti che hanno scelto di non rinnovare la loro iscrizione in solidarietà con l’équipe insegnante licenziata, senza motivo e in maniera scandalosa a settembre 2016), hanno organizzato un sit-in davanti al Consolato Italiano.

    Con la frase L’Italia è anche noi! i partecipanti a questo sit-in, che si svolgerà alle 9,00 martedi 17 gennaio 2017,davanti al Consolato Italiano (rue des Pyrénées), vogliono ricordare l’importanza dei legami che uniscono migliaia di Marsigliesi all’Italia,esprimere la loro indignazione, nonchè la loro preoccupazione davanti a questo ingiustificabile spreco culturale e umano, derivante dalla situazione attuale.