• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Doriana Goracci

Doriana Goracci

Sono una blogger in copy left da molti anni e mi piace impegnare parte del mio tempo nel giornalismo partecipativo, usando il cestino-come mezzo- per raccogliere quelle piccole e preziose cronache di vita, spesso sotto traccia.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 08 Agosto 2009
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 366 274 315
1 mese 2 1 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 79 45 34
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.47) 8 giugno 13:15
    Doriana Goracci
    Berta Càceras uccisa poco più di un anno fa, sarebbe felicissima e chissà che non lo sia anche se non c’è più...:gli investitori internazionali stanno ritirando il loro sostegno per la costruzione della diga Agua Zarca sul fiume Gualcarque, in Honduras.L’ appello di Berta Càceres è stato finalmente ascoltato.
    I tre istituti che sostenevano il progetto della diga hanno annunciato il ritiro dei finanziamenti alla compagnia Desarrollos Energeticos SA (Desa) che da anni veniva contrastata dai Lenca guidati dall’attivista.
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.95) 13 maggio 15:26
    Doriana Goracci

    il testo che segue l’ho copia incollato dalla mia pagina FB

    VI CHIEDO UN MOMENTO DI ATTENZIONE E PRENDERVENE UN ALTRO PER LEGGERE QUANTO MI E’ CAPITATO SU INTERNET: "Doriana sei proprio una merda pensa quando sentirai lo stesso odore a casa tua o dei tuoi figli ah dimenticavo chi cazzo si scopa una befana come te, goditi questi mesi xchè stiamo arrivando troia".  Riporto il tutto per farvi capire a quale bassezza e quale violenza ricorrano certe persone malate e pagate da poteri che non mi interessa sapere chi siano. Mi interessa dirvi di fare attenzione ai vostri figli agli amici più giovani alle persone sole che si fidano...Non desidero mi piace o altro, desidero solo che facciate attenzione...I fatti: il 2 agosto 2016 ho scritto un post, pubblicato da Agoravox Italia dal titolo "Era il 2 agosto a Bologna: che caldo, che fumo, che odore di brace"http://www.agoravox.it/Era-il-2-ago... Rammentavo il 2 agosto del 1980 alla stazione ferroviaria di Bologna, uno degli atti terroristici più gravi avvenuti in Italia nel secondo dopoguerra. Come esecutori materiali furono individuati dalla magistratura alcuni militanti di estrema destra, appartenenti ai NAR, tra cui Giuseppe Valerio Fioravanti. La strage uccise 85 persone e ne ferì oltre 200…Eventuali mandanti della strage non sono mai stati scoperti.” Allego al post un video documentario su you tube https://www.youtube.com/watch?v=KLX... e lo segnalo. Non mi accorgo del commento 5 mesi fa di tale Fabrizio Chiapelli:
    "Doriana sei proprio una merda pensa quando sentirai lo stesso odore a casa tua o dei tuoi figli ah dimenticavo chi cazzo si scopa una befana come te, goditi questi mesi xchè stiamo arrivando troia" L’ esecutore del video, Luca,con cui all’ epoca ci eravamo scambiati un grazie di cuore ha risposto: "Quando percepisco il carico di odio, di polemica pretestuosa, di inutili recriminazioni d’innanzi a un documento così tremendo e doloroso mi rattristo enormemente e mi viene voglia di bloccare tutti i commenti. La mia impressione è che spessissimo la rete diventi qualcosa di mostruoso, che mette in piazza, in modo virtuale e spesso anonimo, i nostri peggiori sentimenti. Sono allibito.... Comunque vi saluto tutti con grande amore e comprensione. Luca"
    Sonia Alboresi mi ha anche scritto: "Doriana Goracci Che squallido commento, carico di disprezzo e privo di sensibilità. C’è un limite a tutto. Firmato ... una donna di Bologna"
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.213) 12 maggio 08:36
    Doriana Goracci

    Di seguito tuttti i commenti e ricordi, inviati da tante persone sulla mia pagina FB e con l’ occasione aggiungo a quanto ho scritto che stamattina al Liceo Pasteur di Roma, dove Giorgiana fece l’ultimo anno, ci sarà un’ assemblea degli studenti, e che alle 17 ci si vedrà a Ponte Garibaldi, a Roma...

    Anna Ciulli: Io quel giorno ero a Largo Arenula chiusa alla Casa della Cultura da sola, perchè ero l’unica che era riuscita a passare. Per ore ed ore ho visto tutto quello che accadeva! Al grido di scemo scemo alla Polizia che rispondeva con i lacrimogeni fino agli spari che uccisero Giorgiana.Giorni difficili che non dimenticherò mai,ognuno a suo modo cercavamo la via per la libertà e quella povera ragazza ci ha rimesso la sua vita.
    Claudio Di Carlo: ero su quel ponte...
    Marilena Florio: Grazie Doriana, non conoscevo nulla . Grazie.
    Gian Masini: Una delle tante "vite rubate" o "giovinezza spezzata".
    Carla Secci: Ricordi nitidi e tumultuosi. il nostro coinvolgimento era ai massimi livelli, pensavamo di essere invincibili...
    Cristina Annovi: non conoscevo la storia.... grazie!
    Gianna Pulsone: Ieri è stato trattato il caso su chi la visto ( la conduttrice era una sua compagna di liceo).
    Stefania Zuccari: Si studia Manzoni, ma non si legge Primo Levi..Si sfiora appena la seconda guerra mondiale e degli anni 70 nessuno ne parla
    Domenico Marcone: Nulla avviene per caso.
    Giuditta Tozzi: io ero a trastevere ero una ragazzina,ricordo i lacrimogeni arrivavano fino a via natale del grande e io ero a piazza san cosimato feci entrare nel mio portone un paio di ragazzi che scappavano dai gas
    Annalisa Troncia:La storia purtroppo si blocca alla seconda guerra mondiale..il resto dei decenni non esiste.
    Archivio Storico B Petrone: il rumore di quei colpi su quel ponte Garibaldi , non l’ho ancora dimenticato quando ci si ritrovò divisi da quella improvvisa carica partita da largo Argentina, una giornata comunque indimenticabile e ben raccontata da alcuni protagonisti nel libro una sparatoria tranquilla di Odradek... arrivai in tardo per inserire la mia testimonianza nel libro , come in ritardo arrivai dall’altro lato del ponte , quando ormai Giorgiana era stata portata via e il gruppetto di liceali sostituito invece da un gruppo che "tenne "il ponte fino a notte fonda senza che nessuno li avvisasse che lì era morta una ragazza....solo il mattino dopo sapemmo quanto era accaduto!!!! quei due -tre colpi sentiti sul ponte sembrava a tutti noi ben poca cosa al martellare scoppiettante nelle viuzze di Piazza Farnese.
    Renata Ramazzotto: Povera innocente. Che brutti quegli anni. Li ricordo come un periodo pesante e violento. Lo Stato italiano come sempre non ci ha fatto una gran figura con quella patetica sentenza dell’81 in cui si dichiara in pratica di non poter giungere alla verita’ in quanto ignoti provocatori estranei alla polizia avrebbero sparato ai dimostranti. Mah...
    Paola Razzetti : momenti duri, quelli.... e tanto impegno giovanile...
    Titti Voccoli: quanti ricordi !!!!!! quante denunce e manifestazioni abbiamo fatto in onore di Giorgiana e sono pronta ancora a scendere in piazza per onorarla, i giovani devono conoscere la storia se non a scuola attraverso le nostre storie ...io nel mio piccolo lo faccio
    Pino Spadavecchia: i have dream.
    Carla Lucca: Mi ricordo bene quel maledetto giorno, ce ne furono altri purtroppo....Vorrei sentire la voce dei ragazzi di oggi x la scuola x il lavoro loro non parlano tra loro della situazione che stanno vivendo???
    Rosanna Orsi: allora la gioventù era coraggiosa, i loro figli meno....
    Alessandro Mazzoni: Ne ha fatto di danni Cossiga , lo ritengo responsabile anche di questa vittima, era allora il ministro degli interni
    Paola Ricca Mariani :L’importante è che si mantenga la memoria, e che risvegli la curiosità dei più giovani
    Nadia D’arco: erano anni duri ma vivi, ora ??
  • Di Doriana Goracci (---.---.---.203) 8 maggio 00:05
    Doriana Goracci

    non ho capito quasi niente di quello che ha scritto e perchè l’ha scritto appresso a questo mio post e non capisco perchè le sto rispondendo ma mi sembrava scortese non farlo

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.160) 6 maggio 20:10
    Doriana Goracci

    ho letto ora che il Goat yoga è una fattoria nella valle di Willamette, nell’Oregon e la proprietaria, Lainey Morse, pensa di aver trovato un connubio perfetto per le persone e le sue docili e socievoli capre nane nigeriane che vivono all’aperto nei prati della fattoria e amano interagire con gli esseri umani: Pet therapy e ci vengono anche da centinaia di chilometri. Sono ben felice Beppe di stimolare questo tipo di ricordi VERI ed esperienze "animalesche", grazie...e scrivi anche tu, ci fa bene.