• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Truman Burbank

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 11 Novembre 2012
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 2 266 4
1 mese 0 5 0
5 giorni 0 5 0




Ultimi commenti

  • Di Truman Burbank (---.---.---.7) 22 ottobre 11:47
    Truman Burbank

    Forse una noticina si può aggiungere: a giudicare dai risultati delle elezioni, prendendo a riferimento Roma, tra l’80 e l’85% dei romani non hanno particolare passione per il proprio sindaco.

    I voti presi da Gualtieri al ballottaggio corrispondono a circa il 20% degli elettori, quelli presi al primo turno corrispondono circa al 15%.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.7) 22 ottobre 11:39
    Truman Burbank

    Sotto alcuni aspetti condivido. La nostra Costituzione ci impone dei doveri e impone anche dei doveri ai governanti.

    Nel momento in cui i furbetti annullano la carta costituzionale cancellando il lavoro, con il pretesto di difendere la popolazione, il nostro dovere civico fondamentale è combatterli con tutti i mezzi disponibili. Il cosiddetto Green pass è perfettamente corrispondente a quella che era la tessera del Partito Nazionale Fascista: se non l’avevi non lavoravi. E’ fascismo di quello più bieco.

    Che poi non sarebbe difficile ai furbetti mafiosi che ci governano chiarire le cose: il vaccino può essere imposto per legge, ma non c’è alcuna legge che lo impone, i furbetti vogliono che i rischi conseguenti al vaccino siano a carico di chi si vaccina.

    Una nota sull’articolo principale, definire no-vax chi protesta contro il green pass è un’altra porcheria, nelle abbondanti manifestazioni contro il green pass ci sono molti vaccinati, ad esempio molti che sono stati costretti a vaccinarsi, dovendo pure firmare un consenso disinformato, ma vorrebbero proteggere i propri figli, che adesso sono sotto l’attacco dei nazi-vax.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.7) 22 ottobre 11:23
    Truman Burbank

    Mi sembra che nell’articolo si dimentichino i legami del Kosovo con l’Afghanistan: Camp Bondsteel era sotto molti aspetti la base logistica per gli aerei che andavano in Afghanistan. Adesso l’Afghanistan è perso e resta una base di enormi dimensioni da mantenere.

    Finora i profitti derivanti dall’importazione di oppio, la sua raffinazione e distribuzione, erano ben superiori ai costi della base. Adesso l’oppio non arriva più e questo è un problema per la base americana e per tutto il Kosovo.

    E tutto questo i serbi lo sanno.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.7) 21 ottobre 18:47
    Truman Burbank

    Ottimo come al solito. Grazie della tua perseveranza.

    Una noticina sul referendum: se è un trucco per sensibilizzare l’opinione pubblica senza voler arrivare allo scontro referendario può aver senso. Ci hanno lasciato poche armi, ma potremmo anche usarle in modo creativo.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.7) 21 ottobre 18:37
    Truman Burbank

    Interessante articolo che parte da una predizione del futuro per spiegare cosa sta succedendo. Un sillogismo suggestivo, per quanto sia abbondantemente utilizzato dal PD. Va da sé che è una fallacia.

    E’ forse il caso piuttosto di valutare se un fatto giuridico, cioè la sentenza della Corte suprema della Polonia, è giuridicamente fondato o meno.

    Non è difficile vedere che nella diatriba la ragione è tutta dalla parte della Polonia ed il torto tutto dalla parte dell’Europa.

    Nel merito:

     non esiste una Costituzione europea

     non esiste una corte costituzionale europea

     i vincoli europei possono solo fare riferimento a trattati, i quali per loro natura sono sottoposti alla Costituzione nazionale

     le decisioni di ultima istanza le prende la Corte costituzionale nazionale.

    L’Europa può solo rispondere solo con comportamenti ricattatori, quelli tipici della mafia, per imporre illegalmente le sue pretese. A volte funziona.

    Comunque la Germania ha più volte rifiutato leggi europee perchè erano incompatibili con la sua Costituzione. 

    Una volta l’ha fatto anche il Portogallo.

    L’Italia, paese servile, si è sempre sottoposta alle bizze dell’europa, anche se dal punto di vista giuridico la situazione era uguale a quella di Germania, Portogallo e Polonia.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità