• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Truman Burbank

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 11 Novembre 2012
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 2 216 4
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0




Ultimi commenti

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 marzo 2018 15:57
    Truman Burbank

    Per favore, evitate di usare parole in lingue che non conoscete.

    Il vento di tempesta in russo è "buran" che va letto con l’accento sulla "A", così: "buràn". Il fatto che i principali mass-media abbiano usato la parola "burian" mostra solo la loro ignoranza.

    Ho verificato con cura e in russo esiste pure una parola che potrebbe essere traslitterata come "burian", ma è un’erba selvatica.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 marzo 2018 15:47
    Truman Burbank

    In uno stato di diritto tutto ciò che non è vietato è consentito.

    Quindi è lecito annunciare una formazione di governo prima delle elezioni, è corretto informare il Presidente della repubblica di tale lista, senza pretendere alcun riscontro. E’ certamente giusto da parte di Mattarella il non dire niente e tanto meno invitare il premier auto-nominato.

    E’ il caso di notare che la democrazia prevede anche degli spazi di libertà, non solo ruoli da recitare, altrimenti la democrazia sarebbe solo un rito.

    Ci sono poi tutta una serie di valutazioni politiche che ognuno può fare, in particolare Mattarella potrebbe (tendo a pensare che dovrebbe, ma certo lo valuterà lui) ignorare completamente l’annuncio fino a quando non si saranno costituite le Camere nella loro pienezza e avrà consultato i gruppi parlamentari.

    D’altro canto anche gli elettori possono fare le proprie valutazioni, ad esempio gli elettori piddini hanno ancora l’occasione di emigrare. Informo che Putin ha molto spazio disponibile in Jacuzia.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 marzo 2018 15:24
    Truman Burbank

    Aggiungo qualche dato sulla criminalità, l’Istat mi fornisce dati parecchio dettagliati dal 2006 al 2016. Confermo la tendenza alla dimunuzione della criminalità citata da Di Rella.

    In controtendenza un certo numero di crimini:

    - furti in abitazioni passa da 141mila a 214mila dal 2006 al 2016

    - rapine in abitazione passa da 2125 a 2562.

    Anche altre categorie crescono (es. crimini informatici) ma qui mi interessa notare che la sensazione di insicurezza che i cittadini ricavano dalle notizie ha qualche giustificazione.


     

     
  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 marzo 2018 14:59
    Truman Burbank

    Debito pubblico 1999: 1282 miliardi

    Debito pubblico 2016: 2218 miliardi. Grazie, Europa

    Disoccupazione nel 1999: 11%

    Disoccupazione nel 2017: 11,7% . Grazie, Europa

    Povertà

    incidenza di povertà relativa individuale (% di persone che vivono in famiglie in povertà relativa sui residenti)

    Nel 1999: 11,2

    Nel 2016: 14

    Più interessanti i dati di povertà assoluta, ma l’ISTAT li fornisce dal 2005

    incidenza di povertà assoluta individuale (% di persone che vivono in famiglie in povertà assoluta sui residenti)

    Nel 2005: 3,3

    Nel 2016: 7,9

    Grazie, Europa.

    Visto che li ho sottomano aggiungo i dati sulla crescita del PIL (indice di sviluppo economico)

    1999: 2,5

    2016: 0,9 Grazie, Europa.

    Per evitare di infierire evito di citare i dati sulla produzione industriale, che chiunque può trovare. Mi limito a far notare che secondo me chi a Bruxelles ha pianificato questi risultati non può essere così assurdamente stupido. Questi risultati mi appaiono, almeno in parte, voluti.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 marzo 2018 13:54
    Truman Burbank

    Pur condividendo parecchi punti dell’analisi di Giannuli, la penso in modo esattamente opposto per quanto riguarda il risultato globale. Il motivo lo spiega Juncker che era preoccupato della governabilità dell’Italia. Preoccupazioni condivise anche da altri, come Giannuli.

    Il problema è che con la parola "governabilità" Juncker intende l’obbedienza del governo italiano a direttive scritte esternamente all’Italia. Ecco, io credo che buona parte del disastro italiano sia stata prodotta da quelli che lavoravano per l’Europa, gli USA, le banche, i mercati (che poi sono sempre le banche) invece che per l’Italia e il popolo italiano. Adesso arriva una fase in cui sarà difficile eseguire pedissequamente gli ordini di Bruxelles e altre cupole mafiose.

    E qui si apre qualche spazio per l’Italia, o almeno si dà respiro a nuove forze che si potrebbero preparare a servire l’Italia invece che la Merkel, Obama (o lady Clinton), o Juncker, o Netanyahu, Erdogan,...

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità