• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Doriana Goracci

Doriana Goracci

Sono una blogger in copy left da molti anni e mi piace impegnare parte del mio tempo nel giornalismo partecipativo, usando il cestino-come mezzo- per raccogliere quelle piccole e preziose cronache di vita, spesso sotto traccia.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 08 Agosto 2009
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 643 576 757
1 mese 5 2 0
5 giorni 1 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 828 386 442
1 mese 2 2 0
5 giorni 1 1 0












Ultimi commenti

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.158) 11 novembre 2009 13:20
    Doriana Goracci

    Ho notato che il video è stato rimosso, questo è il link su you tube che avevo scelto, spero possiate vederlo almeno così
    http://www.youtube.com/watch?v=ORDW...

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.20) 8 novembre 2009 20:29
    Doriana Goracci

    lo ammetto per la prima volta ti leggo, almeno credo, perchè oggi ho letto anche Giampaolo Paticchio, giampatic, Cogitoergodigito...tutti in una sola giornata, come in una catena a reazione. Non ho ben capito se sei uno solo o un ben distinto da chi ho nominato, non ha nessuna importanza, forse.
    Vengo a ciò che hai scritto, mi ha molto colpita per i presupposti diametralmente diversi dai tuoi ma il ritmo e l’intensità del fare mi sembra molto simile al mio, sarà sicuramente diversa l’età e il genere ovviamente.
    Non ho mai voluto un blog, neanche quando me l’hanno quasi imposto con affetto...non ti preoccupare te lo facciamo noi...non mi piacevano queste visite, queste attese di commenti, che dietro poi ci stanno gli affanni come se dovessi pagare un affitto per un circolo culturale e se le mura non sono le tue, spari forte, pur di avere clienti. E da qualche anno asfissio anche io in rete, sono arrivata a farlo anche più che quotidianamente e ciò dà molto fastidio, perchè?Perchè mi devo porre il problema che sono copiata o pubblicata da più di una parte e qualcun* si annoia in questa ripetizione? Qualcun* chi? Ma davvero sto dovunque? Ma non diciamo scemenze...E allora mi sono resa conto che non ci si può limitare, e non mi faccio limitare, bisogna tentare, per poi stare in maniera partecipativa, e col termine non intendo qualcuno che ti valuta e poi pubblica se vai bene per arredare, intendo scrivere con altri, diversi da te, darti una mano, far emergere e sicuramente io non so fare quello che sai fare tu, neanche scrivere, neanche raccontare, ma tu non sai niente della e delle mie storie, quello che ho vissuto, che leggo, che incontro e poi bisogna vivere, e dignitosamente. Provando a lavorare in proprio, non con un blog ma costruendo una casa ad esempio, una barca , seminando in un orto, non virtuale, esporsi agli incerti e all’inclemenza del clima, in tutti i sensi, non solo figurato? Hai una capacità non comune di entrare dentro, a me hai fatto questo effetto. Non so quali limiti e obiettivi ti sei dato, come campi, se questo scrivere è anche la fonte del tuo approvvigionamento. Io spero di no, per te e per me e per gli altri, dai energia con le tue vomitate, ma cerca di stare meglio con lo stomaco perchè i motivi per rimanere a lungo "costipati" ce ne sono molti e non vedo affatto tempi di buonasanità.
    Credimi amica e...in fondo non ho capito dove ritrovarti, a parte il blog che c’è o è sparito...e anche questo suspense non va.Un abbraccio e racconta per favore un po’ della tua storia e di quella che hai fatto con gli altri, per davvero, ne hai tutte le capacità, anche per dire se è andata male o bene, se provi ancora... La preferisco alla Tv

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.20) 8 novembre 2009 18:09
    Doriana Goracci

    Signor pv21 e già mi è difficile ripetere questo pseudonimo, lei ha aperto i commenti così "E pensare che ci sono Donne pronte a piangere su altre donne matricide, infanticide ... Basta che muoiano vittime del suicidio e parte il canto funebre. Altro che cestino, ci vuole un buco nero per tanto buonismo." E la sua credo che non immagino, era una vera provocazione, magari in tempi secolari di femminicidio. Ma le ho risposto come faccio adesso, di solito lo faccio sempre e in ogni caso, non sono una giornalista ma scrittrice si, al pari di lei, quindi non attacco un quadretto della mia opinione in bacheca, offro uno spunto come i tanti che leggo e qualunque contributo, anche di parte, è qualcosa, un segnale.Non sono dubbi quelli che che lei mi pone e ci pone, perchè non stiamo su posta privata, sono supposizioni, ipotesi e poi tesi che ri-concludono mettendo in causa i buonismi, di parte. Ha stabilito che chi approda in questo spazio e potrebbe essere anche un altro dove ho scritto le stesse cose, non metterebbe mai mano alla versione ufficiale se si fosse suicidata magari una guardia carceraria o personale di una qualche casa di cura per malati mentali o magari di un Cie, insomma un anonimo solo alei caro. Allora le spiego meglio, io non sono per niente interessata al commento di chi si mantiene fuori dalle mura, guardandole con "equilibrio", a me interessa chi ci entra dentro le mura. Dandosi il caso che pure avendo provato, non posso entrare in un carcere e neanche in un Cie, perchè non rappresento nè parente, nè associazione, nè tantomeno partito alcuno, già questo mi rende invise quelle Mura. E il suo anonimato, sia pure per un commento, mi conferma quanto ho scritto. Spero che prima o poi Agoravox pubblichi un articolo che ho scritto molto recentemente, è la denuncia di un operatore sanitario, precisa. Ci vuole un po’ di coraggio caro signore ad essere anche anonimi, continuando a mantenersi tali nel disprezzo di chi ci vive al fianco, piaccia o non piaccia. E la mia risposta ovviamente non le piacerà ma mi firmo e mi assumo la responsabilità di ciò che scrivo, non solo negli articoli.Lo so che le basta ...e le avanza.

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.32) 8 novembre 2009 00:17
    Doriana Goracci

    Ringrazio con questo messaggio anche Frankbull, non vorrei che difettasse la mia di memoria con i nomi, non proprio storica, sono andata spesso a senso, a braccio, motivo per cui non sempre è lontano, quello che lo è temporalmente e viceversa. Qualunque condizione di contenimento, non riesco neanche ad immaginarla, tanto è disperante, e qualunque messaggio, come ormai si sa ne ha dati anche Diana all’unica persona che amava a modo suo, provenga da mura di oppressione, va ascoltato, anche se ci si sperde nel capire chi sia, e perchè è dentro, la persona che sembra e magari lo è, fuori di testa, come si dice comunemente. E il silenzio lo ripeto, quando non è una volontà, è mortale.

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.84) 2 novembre 2009 12:06
    Doriana Goracci

    Signor/a Pv, scusi ma a me dà fastidio non sapere come chiamarla...lei continua a volermi fare rientrare nella categoria del buonismo/cattivismo...per di più di penna. E’ da anni che cerco di far emergere in campi "diversi" voci anonime, invisibili che a quanto pare sono care anche a lei. E lei dovrebbe sapere benissimo che internet offre di tutto, anche il super specializzato sito per carcerati, schizzati di mente, mamme in attesa, uomini e donne insoddisfatte...i bar di una volta, molto più freddi e distanti, sembra gratis...in effetti perdiamo molto tempo ed energia, in sfide scritte, risposte ironiche, a volte mi creda anche insulti e a volte testimonianze uniche, altrimenti perse e sommerse, possono nascere anche relazioni e non solo personali.
    Adesso lei ha aggiunto, le ho fornito io il pretesto, con una suicida vera e poco simpatica ad essere "buone".
    Cosa manca, dov’è il conto che non le torna e chi dovrebbe pagarlo? Chi è già morto o chi vive ancora?
    La invito a scrivere, come fanno tant*, anche un commento come ha fatto adesso, le ripeto senza prendere a pretesto, una storia vera di vita e morte, come quella di ieri, che ho sentito non solo come numero di suicidio in carcere.Grazie

TEMATICHE DELL'AUTORE

Media Mondo Cronaca Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità