Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Marvin

Marvin

Vincenzo Martire anni 50+8 per ora. Aspirante Cittadino di Boscoreale (NA) PALEAS - PACEAM E PNC "In un organismo è feconda la differenza degli organi e delle cellule, l'uguaglianza va bene per i granelli di sabbia o per i batteri in un brodo di coltura. Anche il nostro cervello si è sviluppato al massimo per poi sostituire la crescita volumetrica con la capacità di aumentare le connessioni interne. Di qui la capacità di migliorare la comunicazione. Ma non si comunica nulla se non c'è differenza." - Quando una persona senza palle incontra sulla sua strada una persona con le palle, si trova a un bivio: o se le fa spuntare e combatte o il suo destino è segnato, lo prenderà in quel posto ma senza godere

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 02 Febbraio 2009
  • Moderatore da venerdì 03 Marzo 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 127 81 110
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1 1 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Marvin (---.---.---.165) 21 novembre 2014 23:32
    Marvin

    Il presidente dell’associazione Stella Cometa-La Stazione ringrazia tutte le donne e gli uomini di buona volontà che hanno reso possibile questo piccolo “miracolo civico”.

    Sembra ieri, quando, pochi giorni prima dell’inaugurazione, squilla il mio telefono e dall’altro lato c’è la segreteria dell’A.D. di Ferrovie dello Stato Italiane che mi preannuncia la venuta a Boscoreale, per domenica 22 novembre 2009, del Responsabile delle Politiche Sociali dott. Amedeo Piva.

    Io ancora adesso sono incredulo, perché non avevamo, e nemmeno oggi abbiamo, nessun appoggio politico nell’avventura della Stazione, eppure in quell’occasione abbiamo trovato ascolto, sostegno e partecipazione ai massimi livelli delle Ferrovie.

    Io credo nella Provvidenza e se fino ad oggi, nonostante i ripetuti tentativi di tanti, non sono ancora riusciti a spegnere la Stella Cometa nella Stazione FS di Boscoreale, sono convinto che Qualcuno ci ha protetto e sostenuto nel duro cammino, insieme ai vertici delle Ferrovie.

    Vorrei menzionare e ringraziare ad uno ad uno tutti i Volontari, i Sostenitori finanziari, i Gruppi di artisti che si sono esibiti in tutti questi anni, gli Istruttori dei tanti corsi, gli Addetti alla grafica e alla comunicazione, ma sarebbe un elenco troppo lungo.

    Per me proprio questo è la cosa più bella accaduta alla Stazione, la partecipazione di tanti.

    Auguro a tutti quelli che ci sono stati vicino una lunga e serena vita, con la speranza che le Ferrovie, anche oggi che la linea Cancello – Torre Annunziata è stata dismessa, continuino a farci stare in quei locali, che con tanti sacrifici di tempo, di lavoro e di sudati risparmi abbiamo riportato alla vita.

    Noi rivendichiamo con orgoglio di essere diventati una bella testimonianza di volontariato attivo e fattivo, in un territorio difficile, martoriato dai prepotenti e dalla mala politica.

    Con profondo affetto e gratitudine,

    Vincenzo Martire.

  • Di Marvin (---.---.---.86) 21 novembre 2014 19:39
    Marvin
    22 novembre 2014, Buon Anniversario a tutti i protagonisti del piccolo “miracolo civico” che è la STAZIONE FS di Boscoreale (NA)

    Il presidente dell’associazione Stella Cometa-La Stazione ringrazia tutte le donne e gli uomini di buona volontà che hanno reso possibile questo piccolo “miracolo civico”.

    Sembra ieri, quando, pochi giorni prima dell’inaugurazione, squilla il mio telefono e dall’altro lato c’è la segreteria dell’A.D. di Ferrovie dello Stato Italiane che mi preannuncia la venuta a Boscoreale, per domenica 22 novembre 2009, del Responsabile delle Politiche Sociali dott. Amedeo Piva.

    Io ancora adesso sono incredulo, perché non avevamo, e nemmeno oggi abbiamo, nessun appoggio politico nell’avventura della Stazione, eppure in quell’occasione abbiamo trovato ascolto, sostegno e partecipazione ai massimi livelli delle Ferrovie.

    Io credo nella Provvidenza e se fino ad oggi, nonostante i ripetuti tentativi di tanti, non sono ancora riusciti a spegnere la Stella Cometa nella Stazione FS di Boscoreale, sono convinto che Qualcuno ci ha protetto e sostenuto nel duro cammino, insieme ai vertici delle Ferrovie.

    Vorrei menzionare e ringraziare ad uno ad uno tutti i Volontari, i Sostenitori finanziari, i Gruppi di artisti che si sono esibiti in tutti questi anni, gli Istruttori dei tanti corsi, gli Addetti alla grafica e alla comunicazione, ma sarebbe un elenco troppo lungo.

    Per me proprio questo è la cosa più bella accaduta alla Stazione, la partecipazione di tanti.

    Auguro a tutti quelli che ci sono stati vicino una lunga e serena vita, con la speranza che le Ferrovie, anche oggi che la linea Cancello – Torre Annunziata è stata dismessa, continuino a farci stare in quei locali, che con tanti sacrifici di tempo, di lavoro e di sudati risparmi abbiamo riportato alla vita.

    Noi rivendichiamo con orgoglio di essere diventati una bella testimonianza di volontariato attivo e fattivo, in un territorio difficile, martoriato dai prepotenti e dalla mala politica.

    Con profondo affetto e gratitudine,

    Vincenzo Martire.

  • Di Marvin (---.---.---.115) 20 febbraio 2014 11:33
    Marvin

    <piazzapulita@la7.it>, <gravetti@alice.it>, <tg1@rai.it>, <tgrcampania@rai.it>, <segreteria_napoli@repubblica.it>, <caterpillar@rai.it>, <GABIBBO@mediaset.it>, <ballaro@rai.it>, <famigliacristiana@stpauls.it>, <direzione@unita.it>, <city@rcs.it>, <direttoreweb@ilgiornale.it>, <lettere@ilmattino.it>, <calbopress@gmail.com>, <direttore@stabiachannel.it>, <tg2@rai.it>, <info@cronachedinapoli.org>, <leggo@leggoposta.it>, <redazione@lostrillone.tv>, <lettere@lastampa.it>, <napoli@repubblica.it>, <redazioneweb@ilfattoquotidiano.it>, <torresette@torresette.it>, <Franco.Tortora@ansa.it>, <redazionetg@metropolisweb.it>, <infoweb@iltempo.it>, <adaltavoce@rai.it>, <annamaria.chiariello@mediaset.it>, <ansa.napoli@ansanet.it>, <antonello.perillo@libero.it>, <blitzquotidiano@gmail.com>, <canale21@canale21.it>, <chiariellopaolo@yahoo.it>, <diretta@radioitalia.it>, <info@julienews.it>, <lavitaindiretta@rai.it>, <radio3@rai.it>, <radio@rai.it>, <redazione.tg5@mediaset.it>, <rmc@radiomontecarlo.net>, <ufficio.stampa@regione.campania.it>, questo articolo, come quasi tutti gli altri che descrivono questo piccolo "miracolo", è stato mandato a tutti gli indirizzi di cui sopra, ma fino ad oggi quasi nessuno dei media che contano ha voluto interessarsi a noi che comunque non perdiamo mai la speranza e insistiamo affinchè finalmente ci "aiutino" senza aspettare che gli venga "ordinato" da chi "comanda"

  • Di Marvin (---.---.---.41) 2 febbraio 2014 00:05
    Marvin
    alcuni cittadini residenti a Boscoreale (NA) hanno dato vita a un laboratorio socio-culturale forse senza precedenti.
    Tu cosa vuoi fare? Li vuoi aiutare finalmente o li vuoi scamazzare lasciandoli da soli nel cammino intrapreso, durante il quale hanno dato tutto quello che potevano in termini di tempo, di lavoro e di soldi.
     Era stato chiesto a RFI di trasformare i tre contratti di comodato riguardanti i locali e le aree della vecchia stazione FS di Boscoreale, in un unico contratto di fitto agevolato.

     In un primo momento, nel mese di luglio del 2013, era stata accordata questa modifica, poi dopo alcuni giorni, non si sa per quale motivo, RFI ha cambiato idea ed è stato comunicato ai volontari che si sarebbe dovuto andare avanti con la formula del comodato, aggiungendovi però anche una nuova clausola, e cioè non indicando nessuna durata nei contratti in fase di rinnovo, forse proprio per avere le mani ancora più libere in caso di rescissione degli stessi da parte di FS.

     In quella vecchia stazione, da parte di semplici cittadini volontari e volenterosi, sono stati fatti investimenti e reso servizi alla comunità forse per quasi centomila euro.

     In questo conteggio si è tenuto conto dei lavori eseguiti sulle strutture, della pulizia costante di tutti i luoghi, sia di quelli ricevuti in comodato sia di quelli adiacienti ad essi, nonchè di tutti i servizi e gli eventi culturali erogati a favore della comunità sia locale che residente nei paesi limitrofi.

     Quando RFI deciderà di mettere in vendita gli immobili e le aree, chi prenderà possesso della Stazione, spazzerà via in un sol colpo uno spazio “libero” di aggregazione sociale e culturale, usato dai ragazzi del quartiere, dai giovani del circondario e da tanti adulti ed anziani.

     Essi hanno dato vita a tanti laboratori e di ogni genere, dal ricamo al cucito, dalla pittura alla ceramica, dal disegno al fumetto, dal ballo moderno al ballo popolare, dall’informatica all’insegnamento delle lingue straniere, dall’insegnamento di strumenti musicali a corsi di ginnastica dolce e dato vita a tantissimi eventi come cineforum, mercatini, mostre, concerti, giornate ecologiche ecc..

     Lo Stato che amministra si prenderà la responsabilità di cancellare con un semplice atto di compravendirta questo lab-oratorio socio-culturale e toglierlo a tutti quei cittadini che si sono fatti essi stessi, finalmente, STATO?

     I Volontari hanno i loro “PROGETTI” su questo “SPAZIO” e vorrebbero realizzarli con l’aiuto dello STATO ad ogni livello.

     Se veniva concesso il fitto agevolato, avrebbero sicuramente cercato di fare accordi con l’Amministrazione Comunale, per integrare i servizi offerti dal mondo del volontariato con quelli che normalmente dovrebbero essere a carico dell’amministrazione pubblica e conciliare così le esigenze del Comune con le attività già in atto.

    Si sarebbe proposto di usufruire dello spazio e dei locali in modo condiviso sia con altre associazioni che con i vari apparati del Comune, purchè venissero preservate tutte quelle attività che in questi quattro anni l’associazione STELLA COMETA-LA STAZIONE è riuscita a mettere in atto e che vuole continuare a perseguire.

  • Di Marvin (---.---.---.172) 23 novembre 2013 07:38
    Marvin

    Una domanda e una preghiera a tutti gli amministratori comunali, provinciali e regionali e nazionali, attuali e passati: quando accadevano queste cose , cosa hanno pensato, cosa hanno fatto di concreto per opporsi a quello schifo. Se non hanno fatto nulla e hanno girato gli occhi e il naso da un’altra parte, ora possono riscattarsi e farsi perdonare, rimediando alla loro INDIFFERENZA dando finalmente un sostegno concreto ai VOLONTARI "pazzi" delle STAZIONEhttp://youtu.be/70tl1AMBFbo

TEMATICHE DELL'AUTORE

Cronaca Locale Tribuna Libera Ambiente






Palmares