• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > 5 anni in trincea. Buon compleanno Stazione di Boscoreale

5 anni in trincea. Buon compleanno Stazione di Boscoreale

Le grandi stazioni, in tutto il mondo, sono luoghi di passaggio. Non luoghi, direbbe l’antropologo Marc Augè. Superfici, pareti, stanze, che, seppur geograficamente collocati in posti diversi, rimandano agli stessi tipi di comportamenti. Arrivare, partire, salire, tornare o anche non tornare più.

La stazione (con la s piccola) è, per antonomasia, lo spazio prediletto da chi vive ai margini. A ridosso delle ferrovie di tutto il mondo “stazionano” le cosiddette “vite di scarto”. Chi non ha un tetto sulla testa può contare su ripari di fortuna. Panchine che, magicamente, diventano letti. Vagoni abbandonati che si trasformano in alloggi provvisori. È la vita umana che, marginalmente, si perpetua, nel suo fluire incessante e precario.

Esistono poi altri tipi di stazioni (con la s piccola). Quelle non più destinate al passaggio di treni, di uomini e di merci. Ma vittime della logica delle dismissioni e degli abbandoni. Di chi ha pensato che le piccole infrastrutture ferroviarie non servissero più. Di chi ha voluto che, nei piccoli centri, le persone, abbandonassero a poco a poco la vita sociale, per trasformarsi, negli anni, a meri fruitori di centri commerciali.

In molte zone del Paese, i centri di potere sono riusciti nel loro intento. Trasformare la vita delle persone. Far perdere ad esse il piacere dell’aggregazione spontanea e libera, a favore di incontri dovuti puramente a transazioni economiche o a biechi interessi particolari. C’è un posto, però, che in questi anni ha resistito a tale inevitabile deriva. La Stazione (con la s maiuscola) di Boscoreale. L’iniziale in grande non è un caso. Comunica uno stile diverso. Da (non) luogo destinato al transito delle vite umane e al suo abbandono, la Stazione di Boscoreale ieri, esattamente 5 anni dopo la sua inaugurazione, è un punto di arrivo e non di passaggio (come tutte le altre stazioni con la s piccola). Chi si reca su questi binari, un tempo destinati alle vite di scarto, oggi prova una sensazione diversa. Quel “restare umani” invocato dall’attivista Vittorio Arrigoni, ucciso a Gaza. Ci si reca alla Stazione per imparare (grazie ai suoi corsi), per arricchirsi interiormente (grazie ai suoi eventi musicali e teatrali), per incontrarsi, per conoscersi. Per sentirsi, un po’ di più, cittadini e non consumatori.

La Stazione, con i suoi 5 anni di vita, rappresenta oggi una piccola, grande, rivoluzione. Un'opera pubblica italiana che non corrisponde ai clichè delle altre “grandi opere”. Non imposta, non calata dall’alto come siamo abituati a vedere in altri contesti, ma nata e voluta fortemente, giorno dopo giorno, da quei volontari un po’ visionari di cui ci sarebbe sempre più bisogno. Una creatura di 5 anni nata dal basso, dall’esigenza di arginare il degrado inarrestabile con ciò che ci caratterizza come uomini. La coscienza di sentirsi parte attiva di una comunità, al di là delle istituzioni e del rituale inutile della delega attraverso il voto.

È per questo che i volontari della Stazione sono come un piccolo manipolo di soldati “civici” a difesa di una società libera che si batte, in trincea, alla frontiera di se stessa, minacciata da ogni parte dalla corruzione, dal malaffare, dal pressappochismo che, giorno dopo giorno, ne stanno erodendo i confini. Sostenerli significa, per questi motivi, dare una mano a una piccola grande battaglia rivoluzionaria, che dalle pendici del Vesuvio può finire persino dentro ognuno di voi.

Buon compleanno Stazione.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.119) 20 novembre 2014 22:07

    Un giornalista-giornalista lo riconosci subito. Grazie Ezio!

  • Di Marvin (---.---.---.86) 21 novembre 2014 19:39
    Marvin
    22 novembre 2014, Buon Anniversario a tutti i protagonisti del piccolo “miracolo civico” che è la STAZIONE FS di Boscoreale (NA)

    Il presidente dell’associazione Stella Cometa-La Stazione ringrazia tutte le donne e gli uomini di buona volontà che hanno reso possibile questo piccolo “miracolo civico”.

    Sembra ieri, quando, pochi giorni prima dell’inaugurazione, squilla il mio telefono e dall’altro lato c’è la segreteria dell’A.D. di Ferrovie dello Stato Italiane che mi preannuncia la venuta a Boscoreale, per domenica 22 novembre 2009, del Responsabile delle Politiche Sociali dott. Amedeo Piva.

    Io ancora adesso sono incredulo, perché non avevamo, e nemmeno oggi abbiamo, nessun appoggio politico nell’avventura della Stazione, eppure in quell’occasione abbiamo trovato ascolto, sostegno e partecipazione ai massimi livelli delle Ferrovie.

    Io credo nella Provvidenza e se fino ad oggi, nonostante i ripetuti tentativi di tanti, non sono ancora riusciti a spegnere la Stella Cometa nella Stazione FS di Boscoreale, sono convinto che Qualcuno ci ha protetto e sostenuto nel duro cammino, insieme ai vertici delle Ferrovie.

    Vorrei menzionare e ringraziare ad uno ad uno tutti i Volontari, i Sostenitori finanziari, i Gruppi di artisti che si sono esibiti in tutti questi anni, gli Istruttori dei tanti corsi, gli Addetti alla grafica e alla comunicazione, ma sarebbe un elenco troppo lungo.

    Per me proprio questo è la cosa più bella accaduta alla Stazione, la partecipazione di tanti.

    Auguro a tutti quelli che ci sono stati vicino una lunga e serena vita, con la speranza che le Ferrovie, anche oggi che la linea Cancello – Torre Annunziata è stata dismessa, continuino a farci stare in quei locali, che con tanti sacrifici di tempo, di lavoro e di sudati risparmi abbiamo riportato alla vita.

    Noi rivendichiamo con orgoglio di essere diventati una bella testimonianza di volontariato attivo e fattivo, in un territorio difficile, martoriato dai prepotenti e dalla mala politica.

    Con profondo affetto e gratitudine,

    Vincenzo Martire.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità