• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Cesarezac

Cerco di non essere succube di condizionamenti , né di ideologie, né di confessioni religiose, sono assolutamente laico, ma cerco anche di non farmi condizionare dall'emotività , dalle paure, dall'invidia , in sintesi cerco di essere razionale, pragmatico. Le mie opinioni sono sempre basate sull'informazione. Ascolto sempre anche, direi soprattutto, chi non è della mia opinione e se ne ricorre il caso sono pronto ad ammettere di essere incorso in errore e a cambiare idea.
Oggi l'intercalare più diffuso è: "cioé voglio dire". Tutti vogliono dire non per trasmettere idee o per informare, bensì per sfogarsi. Pochissimi sono disposti ad ascoltare. Peggio per loro ; rinunciano ad imparare. 
Non cerco il consenso. Mi risulterebbe assai facile. Populismo e demagogia sono i punti deboli delle democrazie. Scrivo cose sgradite a molti. Moderatori e lettori sono avvisati.
Costituzione della Repubblica Art.21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Statistiche

  • Primo articolo sabato 01 Gennaio 2011
  • Moderatore da sabato 04 Aprile 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 98 156 243
1 mese 1 1 3
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 187 171 16
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 27 agosto 2013 23:06

    Negli ultimi venti anni abbiamo avuto otto governi, sei di sinistra,compreso l’attuale figlio di un colpo di stato, e due governi Berlusconi.

    Sono ormai trascorsi quasi due anni da che Silvio Berlusconi colpevole di tutti i mali del mondo non governa. 
    il Paese è rimasto come prima, sta meglio o sta peggio, di gran lunga peggio?
    Riflettete se ne siete capaci.
  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 27 agosto 2013 22:47

    Ippolito, minuzioso il Suo censimento degli incidenti nucleari nel mondo, tuttavia Lei non indica il numero delle vittime.

    Perché non fa lo stesso censimento riguardo agli incidenti stradali?
    Credo che il risultato oscurerebbe assolutamente il rischio nucleare.
    Il rischio è insito in ogni attività umana, ma chi non risica non rosica.
    Il progresso avviene grazie a uomini coraggiosi che hanno rischiato o la vita o capitali.
    CESARE ZACCARIA - ANZIO
  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 27 agosto 2013 22:25

    DiMarco,

    articolo molto interessante il Suo, ben argomentato e ricco di dati, anche di "vecchia data".
    Tuttavia, mi permetta di osservare che in Europa siamo l’unico Paese a non avere le centrali nucleari il che comporta che i nostri prodotti partono svantaggiati per il maggior costo dell’energia. Un’altra cosa:quanti morti ha causato il nucleare in Europa, Cernobyl compresa?
    Aspetto una Sua risposta. Io Le posso dire che sulle strade del nostro Bel Paese perdono la vita ogni anno quasi 5mila persone e circa 300mila rimangono menomate tra l’indifferenza generale. Gli alberi che la costeggiano sono una delle prime cause del primato di incidentalità della SR 207 Pontina nonostante una precisa denuncia alla Procura della Repubblica sporta DAL SOTTOSCRITTO, CONTINUANO A UCCIDERE.Il gas RADON che è la seconda causa di tumori al polmone dopo il fumo di sigaretta e nel nontro Paese abbonda non spaventa nessuno. Cordiali saluti.
    CESARE ZACCARIA - ANZIO
  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 25 agosto 2013 14:22

    Che tristezza! purtroppo è tutto vero. Nella stessa madrepatria l’Italiano si parla sempre peggio, corrotto sia nella pronuncia che nella grammatica dalla lingua inglese che a sua volta si usa a sproposito.

  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 8 agosto 2013 23:15

    Caro amico,

    capisco il suo sdegno, ma lei non ha letto il mio articolo con la dovuta attenzione.
    Sintetizzo anche per altri lettori:
    le tasse, o meglio, le imposte, devono essere proporzionate alla capacità contributiva dei cittadini.
    Quando come ora accade, per colpa di una fiscalità rapace e stolta, le imposte superano i limiti delle possibilità dei cittadini, l’EVASIONE è una conseguenza prevedibile e inevitabile, quindi, E’ LEGITTIMA DIFESA!!
    Le alternative sono: 1) il suicidio del soggetto d’imposta; 2) il fallimento dell’impresa con licenziamento dei dipendenti; 3) la fuga all’estero.
    Spero di essere stato chiaro. Se qualche lettore ravvisa in queste mie parole apologia di reato, mi denunci pure.
    Mi chiamo CESARE ZACCARIA 
     

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Ambiente

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità