• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Renzi il berlusconino

Renzi il berlusconino

Parlamentari nominati dai partiti e non eletti dal popolo dovrebbero avere il buon senso di sciogliere le camere e indire al più presto nuove elezioni. La logica lo suggerisce, per una norma della consulta che ha definito incostituzionale il Porcellum.

Invece, a guardare quello che succede, la svolta annunciata sta imboccando una strada senza uscite per i comuni mortali e il Parlamento si è trasformato in un bivacco nel quale stazionano le forze occupanti dei partiti o meglio, di un partito che ha deciso di diventare unico per poter meglio governare accentrando nelle proprie mani il potere necessario per affermarsi nel panorama politico italiano ed europeo.

Hanno così fatto scendere in campo il nuovo “Rinaldo” per rottamare dei politici di cui proprio lui è il più diretto discendente. Figlio di un politico della vecchia guardia, è cresciuto nutrendosi di “pane e politica” fino ad arrivare ai giorni nostri e decidere che era giunto il tempo di essere il nuovo signore con tanti paladini di corte.

Lo esigeva il momento il più buio della nostra storia, con una crisi che ci ha fagocitato e che rischia di lasciare il paese seppellito da macerie. Una guerra giocata a colpi di spread, di pil, di tasse, di imposizioni di un’ Europa che vigila attentamente su quel che facciamo, scegliendosi indirettamente i propri referenti.

La mossa di proporre Renzi come "il nuovo che avanza" era indispensabile in questo momento in cui la disaffezione alla politica è diventata leggendaria e il tutto giustificato dal fatto che non ci sono adeguate risposte ai bisogni della gente che non sa più che santo pregare, né cosa fare.

La disoccupazione è diventata galoppante, i giovani fanno prima ad invecchiare che andare a lavorare mentre il mercato del lavoro espelle cinquantenni ritenuti vecchi per far parte del ciclo produttivo, ma troppo giovani per andare in pensione. Un universo dove i diritti non esistono più e la disuguaglianza sociale è un baratro che si allarga a dismisura.

Occorreva dunque concentrarsi su un uomo giovane per affermare la discontinuità con un passato fatto di scandali e di ruberie continue di uomini legati al sistema a doppio filo. E la scelta è ricaduta su una persona ambiziosa che si lascia continuamente manovrare, che fa finta di lavorare parlando e dicendo un cumulo di cavolate e tra un’intervista e un pc per twittare viene spacciato per l’uomo giusto al posto giusto.

Renzi è forte per l’apparato che lo sostiene a cominciare dalla tv e dai giornali, in mano a grossi gruppi finanziari che hanno puntato sul cavallo di razza, pur di buttare fumo negli occhi e tenere buona l’opinione pubblica.

Renzi e i “renziani” sono figure legate ad una strategia di marketing dove la politica non ha niente a che vedere con il nuovo corso inaugurato dal rottamatore. Le prima anomalia che salta agli occhi è che in una società così maschilista come la nostra le redini della segreteria non potevano che essere mantenute da un uomo.

Alla faccia della pari opportunità o di donne che, nella logica della sinistra, dovrebbero essere valorizzate e lasciate libere di correre per affermarsi come leader. Ancora una volta la demagogia di una sinistra che di rosso ha solo il colore, permette solo che le donne siano scelte dal capo per aiutarlo nell’impresa titanica di arrivare al potere.

C’è un cambio di guardia rispetto al berlusconismo: veline e soubrettes, attrici, donne siliconate, sostituite da figure femminili perbeniste che amano il lusso, indossano scarpe pitonate, o si mettono visoni sulle spalle. Donne abituate ad andare da stilisti che vendono salata la loro merce sol perché è firmata. Donne pseudo- intellettuali, abituate a parlare di politica come se si stesse in un salotto durante un ricevimento o all’ora del tè.

Altro che vergognarsi della ricchezza. E’ inseguita, e l’unico modo per ottenerla è salire sul carro sicuro per fare le comparsate o le comparse del capo. L’immagine è di moda e ti garantisce il potere.

E in questa giostra di apparizioni di donne all’avanguardia c’è solo la necessità di difendere le posizioni acquisite, mentre il giovin signore continua a essere logorroico, intervistato ad ogni ora in ogni momento della giornata, come se fosse il salvatore della patria.

Segue un clichè Matteo Renzi, recita un copione dal quale non si discosta, e in questo marasma e voglia di nuovo si perde di vista il Paese reale, la sofferenza della gente comune, il desiderio di questa di liberarsi da invasori e venditori di fumo.

Non si capisce davvero come un segretario possa entrare a pieno titolo nelle decisioni di un parlamento di nominati, per proposte del tipo la legge elettorale o il jobs act, termine che forse la maggioranza degli italiani nemmeno sa cosa significhi.

L’Italia da un po’ di anni è divenuta la terra dove l’impossibile diventa possibile. Ovviamente solo per soggetti come Renzi & Co. mentre il governo dei nominati, incurante di quanto sia illegale andare avanti, continua a governare una massa di morti viventi.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.98) 11 febbraio 2014 16:13

    Renzi si fa manovrare, affermi, ma non hai chiarito da chi. E sarei proprio curioso di conoscerlo questo manovratore di Renzi e compagni.

    Tu invece da chi ti fai manovrare? dalla coppia di aspiranti dittatori Grillo/Casaleggio??!!??!! gente che teorizza la decrescita felice e la terza guerra mondiale nel 2019, fra cinque anni! Ma non ti vergogni a seguire questa gente?

    • Di (---.---.---.31) 11 febbraio 2014 16:25

      Credo che lei abbia preso un abbaglio. Il mio cervello non è all’ammasso e in questa Italia di scorribande e sarabande politiche, l’unica cosa che si sa fare è etichettare chi viene percepito come un nemico.Spiacente ma non mi lascio istigare e manovrare da nessuno. Ecco in quale tipo di errori si incorre quando si sposano tesi per partito preso. La strada è lunga e tortuosa se questi sono i presupposti. Esprimere delle opinioni non è ancora reato, o forse si e non me ne sono neanche accorta. Grazie per avermelo fatto notare.

  • Di (---.---.---.100) 11 febbraio 2014 20:04

    Evidenze >

    Tra 1 anno potremmo avere pronte una nuova legge elettorale e la riforma del bicameralismo. Tra 1 anno si potrebbero registrare gli effetti positivi di una ripresa ormai avviata.

    Allora, in un sol colpo, a Berlusconi, Grillo e Renzi verrebbero a mancare molte delle ragioni del loro “smalto” ed appeal. Da qui la “convenienza”, tutta loro, di tornare al voto entro un semestre.

    Quello che ora serve al paese è un governo determinato a varare 3-4 misure “pesanti” in grado di incidere su consumi, competitività e redditi familiari.
    La capacità di risalire la china non è il teatrino di Pantomima e Rimpiattino

  • Di (---.---.---.141) 11 febbraio 2014 20:37

    Più che di Berlusconino io parlerei dell’ultima mostruosa nemesi della partitocrazia in salsa italica: il Renzusconi!

    Alessandro Rossi

  • Di (---.---.---.90) 12 febbraio 2014 15:50

    Antonella mi associo in tutto e per tutto hai capito benissimo come stanno le cose.

  • Di Cesarezac (---.---.---.250) 12 febbraio 2014 22:15

    Tutti parlano dei politici, anche l’articolo che qui avete commentato.

    Renzi, al contrario parla di politica. Renzi è l’uomo nuovo!
    Renzi sta sferzando duramente come merita Letta. Nei lunghi mesi di governo è stato capace solamente di aumentare la pressione fiscale, tanto per proseguire la micidiale politica di Mario Monti creatura di Giorgio Napolitano che ha gettato il Paese nella più drammatica crisi della sua storia.
    Giudicate RENZI dal suo programma che è questo: 1°) riforma della Costituzione; 2)Riforma del sistema elettorale; 3) riduzione delle imposte; 4) dare centralità al LAVORO!
     Un Paese che non frapponga una pletora di ostacoli al lavoro,come accade nel nostro, non ha bisogno di risparmiare e non deve risparmiare, deve SPENDERE e non spending review! e se ne può fregare del debito pubblico. Il debito pubblico è una frazione del PIL, se il PIL sale il debito scende. 
    Avete capito perché RENZI è diverso dagli altri? 
    • Di (---.---.---.125) 13 febbraio 2014 09:52

      Abbiamo capito sì che Renzi è diverso dagli altri.

      Perché anche lui come gli altri fa grandi parole ma i fatti li dobbiamo ancora vedere.
      Perché anche lui racconta balle ma con molto meno ritegno.
      Perché anche lui prende a schiaffi l’intelligenza di chi lo vota, ma senza vaselina.
      Perché anche lui si crede più furbo del Berlusca, ma invece è più scemo degli altri.

      Perché anche lui si brucerà, ma peggio e più in fretta degli altri.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità