• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Cesarezac

Cerco di non essere succube di condizionamenti , né di ideologie, né di confessioni religiose, sono assolutamente laico, ma cerco anche di non farmi condizionare dall'emotività , dalle paure, dall'invidia , in sintesi cerco di essere razionale, pragmatico. Le mie opinioni sono sempre basate sull'informazione. Ascolto sempre anche, direi soprattutto, chi non è della mia opinione e se ne ricorre il caso sono pronto ad ammettere di essere incorso in errore e a cambiare idea.
Oggi l'intercalare più diffuso è: "cioé voglio dire". Tutti vogliono dire non per trasmettere idee o per informare, bensì per sfogarsi. Pochissimi sono disposti ad ascoltare. Peggio per loro ; rinunciano ad imparare. 
Non cerco il consenso. Mi risulterebbe assai facile. Populismo e demagogia sono i punti deboli delle democrazie. Scrivo cose sgradite a molti. Moderatori e lettori sono avvisati.
Costituzione della Repubblica Art.21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Statistiche

  • Primo articolo sabato 01 Gennaio 2011
  • Moderatore da sabato 04 Aprile 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 104 164 260
1 mese 0 1 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 200 183 17
1 mese 7 6 1
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Cesarezac (---.---.---.59) 14 febbraio 2014 23:23

    Chiacchere, Napolitano è rimasto assolutamente spiazzato oltre che fortemente contrariato, ha dovuto incassare un duro colpo.

    Ma Renzi nonostante i numerosi e chiari moniti che ha lanciato a Letta, ha spiazzato tutti, ma non il sottoscritto.Leggete il mio articolo: "Renzi, un uomo nuovo".
    cesarezac
  • Di Cesarezac (---.---.---.59) 14 febbraio 2014 23:09

    Lei si esprime con civiltà e mi spiace dover polemizzare. 

    Innanzitutto, sono abituato a giudicare i politici dai programmi, non dalla simpatia o antipatia o dalla dialettica.
    Nell’articolo spiego in forma semplice, perché Renzi è un uomo nuovo. Perché non si appella all’emotività o peggio all’odio viscerale e al risentimento sociale, sentimenti con i quali si fa politica distruttiva come quella che ha portato il nostro Paese al collasso.
    Poi, perché, giustamente Renzi ha accusato il governo Letta di non avere fatto nulla per fare uscire il Paese dalla morta gora nella quale è stato cacciato in mezzo secolo di guerra civile e soprattutto dal suo e dal governo Monti, i peggiori governi nella storia d’Italia. Su questo sono concordi sindacati, e Confindustria. 
    Lei come giudica i risultati degli ultimi due anni di governo? L’andamento dell’economia, i suicidi di imprenditori, lavoratori, imprese, le fughe all’estero di cittadini , imprese, capitali? 
    Renzi è intenzionato a fare le riforme indispensabili e urgenti della quali il Paese ha assoluto bisogno. Non avrà vita facile, perché le diverse caste gli si opporranno. Probabilmente le toghe rosse si stanno già preparando per inquisirlo.
    Cordiali saluti 
  • Di Cesarezac (---.---.---.250) 12 febbraio 2014 22:15

    Tutti parlano dei politici, anche l’articolo che qui avete commentato.

    Renzi, al contrario parla di politica. Renzi è l’uomo nuovo!
    Renzi sta sferzando duramente come merita Letta. Nei lunghi mesi di governo è stato capace solamente di aumentare la pressione fiscale, tanto per proseguire la micidiale politica di Mario Monti creatura di Giorgio Napolitano che ha gettato il Paese nella più drammatica crisi della sua storia.
    Giudicate RENZI dal suo programma che è questo: 1°) riforma della Costituzione; 2)Riforma del sistema elettorale; 3) riduzione delle imposte; 4) dare centralità al LAVORO!
     Un Paese che non frapponga una pletora di ostacoli al lavoro,come accade nel nostro, non ha bisogno di risparmiare e non deve risparmiare, deve SPENDERE e non spending review! e se ne può fregare del debito pubblico. Il debito pubblico è una frazione del PIL, se il PIL sale il debito scende. 
    Avete capito perché RENZI è diverso dagli altri? 
  • Di Cesarezac (---.---.---.250) 12 febbraio 2014 10:14

    Gran parte dei cittadini italiani sono semianalfabeti di ritorno, affetti da fobie, facilmente condizionabili,disinformati, pronti per essere indotti dagli islamici a imbottirsi di piombo e trasformarsi in KAMIKAZE. 

  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 3 dicembre 2013 19:55

    Non c’è due senza tre.

     Ai due giuda che tutti conoscono se ne è aggiunto un terzo.
    I vagoni si montano la testa e pensano di poter camminare senza motrice. Naturalmente sbagliano, ma, purtroppo ingombrano il binario e interrompono il viaggio del treno fino a che non vengono rimossi.
    CESARE ZACCARIA 

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Ambiente

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità