• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Stabilità politica?

Stabilità politica?

Ai partner europei, piace e molto; la sinistra li sta sbarazzando di un concorrente fastidioso, anzi, fastidioso lo era. Tutti la invocano, l’Europa, il governo, i partiti, persino alcuni esponenti della destra.

Siamo a novembre, sono due anni che l’odiato Berlusconi, perfetto capro espiatorio, è stato defenestrato con un vero e proprio colpo di stato perpetrato con la complicità di un paio di Giuda della politica. Il Paese non è più in declino, ora è in coma. Siamo alla più drammatica situazione della nostra storia. La disoccupazione è ai massimi storici, la sequela di suicidi di aziende, di imprenditori, di lavoratori, non ha precedenti di tale portata.

Tra le novità annoveriamo la ludopatia, i cosiddetti negozi “gratta e vinci” dove la povera gente non sapendo a che santo votarsi,spende i pochi spiccioli di cui dispone per tentare la sorte. Altra novità sono i negozi “compro/vendo oro”. Qui la povera gente vende il braccialetto, la collanina, gli orecchini, gratta il fondo del barile. Quell’oro chi lo compra? Stranamente nessuno se lo chiede, né tampoco i politici, ne fanno menzione. Quell’oro viene trasformato in lingotti che vengono acquistati da coloro che prima dell’attuale governo dell’IMU, delle tasse, investivano nell’acquisto di appartamenti o in attività commerciali o d’altro genere. Questa la causa del repentino e pesante crollo dell’edilizia, con il doloroso corollario della perdita di migliaia di posti di lavoro. Questa è la politica di cui si chiede la stabilità.

Il ministro Saccomanni potrebbe fare molto per il Paese: potrebbe presentare le dimissioni che spesso ci promette ma si guarda bene da rassegnare.

Il governo ha bisogno di denari, ma invece di aprire la fonte, la inaridisce. La fonte dei mezzi finanziari dei quali ogni nazione che non disponga di pozzi di petrolio ha bisogno, è il lavoro! Lavoro è sinonimo di PIL, Prodotto Interno Lordo! Il debito pubblico è una frazione del PIL. Saccomanni e compagni, aumentano le tasse, uccidono il lavoro e incassano meno! Il PIL diminuisce, il debito aumenta. È una spirale perversa che sta dando il colpo di grazia al Paese.

Allora, come uscire da questa drammatica impasse? Semplicemente eliminando i numerosi ostacoli che impediscono di fare impresa. Gli ostacoli dovrebbero essere arcinoti a tutti: 1) eccessiva pressione fiscale; 2) apparato giudiziario inetto e scandalosamente politicizzato; 3) burocrazia kafkiana; 4) inadeguatezza delle infrastrutture stradali e informatiche; 4) costi dell’energia.

Ovviamente non si può chiedere ad un governo di sinistra di riformare un apparato giudiziario che è il suo strumento principale per la conquista del potere; sarebbe come pretendere che un individuo si amputi il braccio destro. Fino a che la sinistra italiana non si convincerà che deve tenere a bada la base dei fondamentalisti, i nostalgici del comunismo stalinista accecati dall’odio, la guerra civile che imperversa da decenni non avrà fine e la dissoluzione del Paese sarà ineluttabile.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.90) 9 novembre 2013 20:26

    Si articolo interessante e purtroppo vero, se continua così l’ Italia andrà in fallimento come la Grecia e tutti quei Paesi con governi di sinistra.

  • Di (---.---.---.252) 9 novembre 2013 21:19

    Successivamente alla redazione di questo mio articolo, l’autorevole magistrato Giancarlo Caselli da sempre in prima linea per la lotta alla mafia sebbene schierato a sinistra ha rassegnato clamorosamente la sua partecipazione a Magistratura Democratica e altri autorevolissimi esponenti del CSM hanno espresso il loro disagio per la spudorata politicizzazione di una numerosa consorteria di appartenenti alla magistratura le cui prime vittime sono i tanti magistrati si trovano ad essere anch’essi vittime della macchiata reputazione di tale fondamentale istituzione.

    Il governo Letta, ob torto collo,obbligato da una procedura di infrazione irrogata dalla Unione Europea ha approvato la norma in base alla quale lo Stato è responsabile nei confronti dei cittadini per violazione manifesta da parte dei magistrati di ultimo grado.
  • Di (---.---.---.224) 9 novembre 2013 22:23

    Bello chiaro e forte ,mi piace il tuo articolo ,anche se non siamo della stessa sponda .Ciao Mario

     

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares