• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Salvo

Salvo

Sono un educatore professionale, ho svolto la mia attività presso l'Istituto Testasecca di Caltanissetta nell'ambito del Progetto "RI.VI.T.A." (Riabilitazione ed Integrazione per le Vittime di Torture e Abusi) e del Progetto SILVER (Soluzioni Innovative per la Vulnerabilità e il Reinserimento Sociale dei Migranti). Sono autore di due libri: "Nel nostro tempo. Tra terrorismo e conflitto israelo-palestinese", ed Bonfirraro e "L'intreccio del Medio Oriente: Israele-Libano-Palestina", edizione lulu.

Statistiche

  • Primo articolo martedì 06 Giugno 2017
  • Moderatore da mercoledì 01 Gennaio 2018
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 24 1 5
1 mese 1 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 8 8 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Salvo (---.---.---.192) 15 dicembre 2019 20:37
    Salvo

    E’ vero che i profughi siano dovuti alle guerre (1948-49, 1967, 1973) dovute alle iniziative dei Paesi arabi; è vero che il numero dei profughi palestinesi, tenendo conto che fino al ’67 non si parlava di identità palestinese se non in una vasta cornice araba, equivalgono al numero di ebrei cacciati dai Paesi arabi come ritorsione, specie nel corso del primo conflitto. Ancora oggi, dovuta ad una certa poltica dei dirigenti arabi e degli stessi leader palestinesi, il punto della "questione profughi" viene posto ad ogni iniziativa di pace come imprescindibile generando aspettative irrealizzabili. 


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità