• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Se il videogioco diventa un test del QI

Se il videogioco diventa un test del QI

Buona memoria, strategia e una forte componente relazionale: tre fattori che si riscontrano sia nei gamer più abili che in chi ha un alto QI.

di Marcello Turconi 

Buone notizie per i gamer più incalliti: una ricerca condotta presso il Digital Creativity Lab dell’Università di York ha evidenziato un legame tra abilità alla consolle e intelligenza, almeno per alcune tipologie di videogiochi.
I ricercatori sono però molto chiari: l’intento del loro studio, pubblicato su PLOS ONE, non era dimostrare che l’utilizzo di determinati videogiochi aumenti l’intelligenza negli utenti.

Nessun nesso di causa-effetto, quindi, ma la correlazione è evidente, soprattutto per quanto riguarda videogiochi d’azione con elevata componente strategica (come quelli in cui due squadre, composte da diversi componenti, si sfidano all’interno di arene virtuali che riproducono ambientazioni fantastiche o scenari di guerra). Questo tipo di videogiochi ha conosciuto un grandissimo successo negli ultimi anni, e a oggi sono centinaia di milioni i gamer che, nel mondo, si sfidano nelle Multiplayer Online Battle Arenas (MOBA). Un’altra linea di videogiochi che ha avuto – e ha tuttora- molto successo è quella degli sparatutto in prima persona (FPS), in cui l’utente interagisce con alleati e avversari attraverso gli occhi del personaggio che comanda.  

Il team di ricerca multidisciplinare (per questa ricerca hanno collaborato il Dipartimento di Psicologia e quello di Scienze Informatiche dell’università inglese) ha effettuato due studi: nel primo gli esperti hanno esaminato un gruppo di volontari, composto da esperti videogiocatori, analizzando le risposte a un test di intelligenza standard; nel secondo invece sono stati presi in considerazione i dati provenienti da migliaia di utenti esperti in 4 diversi videogiochi (2 MOBA e 2 FPS). In questo secondo studio i ricercatori hanno evidenziato che c’è una forte correlazione, che si mantiene stabile nel corso degli anni, tra la performance nei MOBA e il quoziente intellettivo; la correlazione si è invece dimostrata più debole e meno duratura nei giocatori appassionati di FPS.

I ricercatori sostengono che la correlazione tra l’abilità nei videogiochi ad alta componente strategica e intelligenza sia paragonabile a quella osservata in attività ludiche più tradizionali in cui l’attenta programmazione è elemento cruciale, come ad esempio gli scacchi: “diversi studi negli scorsi decenni hanno mostrato che i bravi scacchisti avevano, in media, un quoziente intellettivo più alto del resto della popolazione- spiega il Professor Alex Wade, uno degli autori dello studio- e la nostra ricerca ha esteso questi risultati al mondo dei videogiochi, suggerendo che la buona performance in questi giochi potrebbe essere utilizzata come misura dell’intelligenza”.

A differenza degli sparatutto in prima persona (FPS), in cui la velocità e la precisione nel centrare il bersaglio sono elementi prioritari, i videogiochi MOBA si basano su funzioni cognitive più complesse, quali la memoria, la pianificazione decisionale; non ultimo, questi videogiochi presentano anche un’elevata componente sociale, e quindi relazionale.
“Crediamo che sia l’insieme di tutti questi fattori il motivo per cui si riscontra una forte correlazione tra l’abilità del gamer e il suo QI”: al banco di prova, infatti, sono le stesse abilità cognitive misurate nei test di intelligenza.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità