• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Morte di Pannella. Ilona Staller fa la fine di Lev Trockij. Nell’album di (...)

Morte di Pannella. Ilona Staller fa la fine di Lev Trockij. Nell’album di famiglia radicale non c’è posto per l’ex porno diva

Quando Lev Trockij, figura di primo piano della Rivoluzione d’Ottobre, già Presidente del Soviet di Pietrogrado nonché fondatore dell’Armata Rossa, cadde in disgrazia presso Stalin, scomparve da tutte le foto che lo ritraevano accanto a Lenin.

Hanno ragione da vendere i radicali quando osservano come nelle ricostruzioni proposte dai quotidiani nei giorni immediatamente successivi alla sua morte, Pannella sia stato mutilato e parodiato. La reliquia che è stata confezionata alla bell’e meglio ad uso e consumo dei lettori è stata difatti depurata dai motivi pannelliani più controversi. Chi può sentirsi a disagio nel celebrare esclusivamente il protagonista dei diritti civili?

Le cose si sarebbero invece complicate se si fosse ricordato il Pannella che con i radicali proponeva nel 2000 un pacchetto di 20 quesiti referendari, «liberali e liberisti», come si disse allora, che riguardavano, tra l’altro, il famoso articolo 18, il sostituto d'imposta, le pensioni di anzianità, il servizio sanitario nazionale, il monopolio Inail e le trattenute sindacali.

All’opera di occultamento, però, hanno partecipato gli stessi radicali. - Come è stato l’ultimo saluto? -, è stato chiesto a Ilona Staller, indimenticabile porno star dagli anni Ottanta ai Novanta con il nome d’arte di Cicciolina. Triste la risposta: - Emma è stata gentile. Molti, invece, non m’hanno nemmeno salutata -. - Magari non l’hanno riconosciuta –, ha chiosato il giornalista Alessandro Trocino sul «Corriere della Sera». - Non credo -, conclude laconica la Staller.

E sì che questo trattamento non l’avrebbe meritato, se non altro per le oltre 20.000 preferenze che Ilona Staller si guadagnò e portò in dote al partito radicale nelle elezioni politiche del 1987, risultando seconda solo a Pannella.

Non solo quindi fuori dalla casa radicale ma anche al suo interno sono all’opera forbici e bianchetto per espungere dall’album di famiglia la Staller, che Sciascia, Tortora e finanche Pasolini possono, e ci mancherebbe altro, essere portati sugli scudi, che nessuno storcerebbe il naso, ma l’ex regina dell’hardcore sembra troppo anche per i (un tempo?) trasgressivi radicali.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità