• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Mazzetta

Statistiche

  • Primo articolo sabato 12 Dicembre 2008
  • Moderatore da lunedì 12 Dicembre 2008
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 268 74 680
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 0 0 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Mazzetta (---.---.---.32) 2 settembre 2010 00:45
    Mazzetta

    grande Usve, salutaci Fides et ratio, il troll più originale che abbia visto da anni

  • Di Mazzetta (---.---.---.74) 1 settembre 2010 21:38
    Mazzetta

    esatto Calabrò


    è proprio una questione di stile e quui secondo me siamo al trash trascendentale,quindi si aprono legittimamente vaste praterie

    qui abbiamo personaggi pubblici (non privati cittadini) che incitno all’odio e alla discriminazione, lo stesso Di Pietro si definisce giornalista e scrittore, il diritto di critica si può estendere legittimamente alla loro persona e alla loro storia personale

    tanto più che se,ad esempio, avessi fatto un articolo dedicandolo esclusivamente alla denuncia di un informatico che fa da "consulente psicologico" a chi affronta la chirurgia estetica, nessuno ci troverebbe da ridire, non sul fatto che si tratti di diritto di cronaca e neppure sul fatto che così s’infrange la privacy di qualcuno

    ancora, avrei ogni diritto anche di prendere la storia del venditore di rinnovamenti vaginali e satireggiarci sopra chiedendomi se non orgnaizzi delle tentate vendite alle beghine che carica sui pulman per andare a vedere il Papa

    ho anche ogni diritto di ridere delle giustificazioni di Volpe, che dice che non c’è niente di male nel fare lavori e promuovere attività in plateale contrasto con le Retta Dottrina perché si deve pur vivere, ma che al medico cattolico abortista dice invece che dovrebbe morire, alla prostituta ch finirà all’inferno a augura malattie a chiunque s’impegni in attività che non gli garbano

    ora, se il giornalista e scrittore che promuove odio e discriminazione mente cerca di vendere il ringiovanimento vaginale 

    quanto al tentativo di associare il mio rifiuto al dialogo con queste teste fini, lo trovo scorretto metodologicamente, io non mi rivolgo a pluralità indistinte ( i musulmani, i cattolici, i gay...), mi rivolgo a persone individuate con nome e cognome e ne denuncio attività reali, non ho scritto che i cattolici fanno questo o altro, ma che due persone fanno cose precise, nessuna generalizzazione

    quanto alla tua chiosa, mi dispiace, resto della mia idea, quando qualcuno promuove l’intolleranza si schiera contro la possibilità di essere tolleranti, rifiuta la tolleranza, approfitta della tolleranza altrui per sopprimere la tolleranza. 

    in questo caso è fin troppo ovvio che chi tiene alla tolleranza non possa attendere il trionfo dell’intolleranza per sentirsi legittimato a reagire bruscamente, quando si sono tollerati gli intolleranti fascisti è finita come tutti sappiamo e questo dimostra il limite preciso della tua ipotesi e perché sia pericoloso accoglierla

    poi ribadisco, nessuno ha chiesto punizioni medioevali per questi poverini, tutto si sta svolgendo all’interno dei limiti di una sana e vivace dialettica, loro insultano mezzo mondo e mezzo mondo li prende a pernacchie, perché di quello si tratta, non ci sono violenze in ballo e nemmeno diritti violati, nche se tu sembri convinto del contrario

    I nostri maestri di vita, novelli Do Nascimiento, hanno scelto la bicicletta e su quella adesso tocca loro pedalare, quando si stancheranno e faranno la loro cavolo di apologetica senza insultare nessuno, nessuno avrà più interesse ad attaccarli, salvo forse i cattolici che si sentono un pelino offesi ad essere accomunati a personaggi del genere

    comunque ribadisco: lunga vita a Pontifex, che da da scrivere ai giornalisti e che fa più danni alla chiesa dello UAAR :D
  • Di Mazzetta (---.---.---.23) 1 settembre 2010 12:36
    Mazzetta

     caro Calabrò
    non ho indagato sul "privato" di Di Pietro, ho solo raccolto le informazioni che lui ha pubblicato in rete. Non solo, dal momento in cui una persona si erge a protagonista mediatico e addirittura a maestro di fede, i suoi comportamenti assumono rilevanza pubblica

    Gli "altri siti esteri" sono in realtà l’italianissimo sito di http://www.chirurgiaplasticathailan... per il quale lo stesso Di Pietro dice di svolgere il ruolo di webmaster e di "consulente psicologico" e referente per l’Italia
    Ergo: Di Pietro da una parte promuove "ringiovanimento vaginali", "lipofilling del pene" (enlarge your penis) e cambi di sesso, dall’altra insulta quotidianamente gli omosesuali paragonandoli ai pedofili e rovescia ogni genere d’insulto su intere categorie d’italiani

    Lecito quindi evidenziare l’ipocrisia di chi si erge a maestro di fede e poi svolge attività in plateale contrasto con la predicazione, se un prete ferocemente antiabortista (con studi in informatica) fosse colto a praticare aborti, ci sarebbe la notizia come c’è in questo caso

    E non si tratta di delegittimare nessuno, si tratta solo di notare come il tizio si delegittimi da solo con le sue manine e come forse agli spropositi che scrive non ci creda neppure lui

    Per quello che riguarda il merito, discuti pure con loro del merito, nessuno ti impedisce di sprecare il tuo tempo con il gruppetto di ballisti e furbetti che sono. A me non interessa discutere nel merito d’insulti agli omosessuali (pedofili quando va bene) alle donne (puttane) e agli ebrei (infidi). Vaglielo a spiegare tu che non si fa, vai pure tu a fare le pulci alla falsità dei loro deliri, come l’ultimo che dice che gli ebrei hanno inventato e guidano la massoneria per distruggere la loro chiesa,.

    Accomodati, nessuno ti trattiene e nessuno ti criticherà, ma non puoi chiedere ad altri di porsi costruttivamente (non saprei nemmeno immaginare come) nei confornti di quelli che tu stesso hai appena dipinto come fanatici un po’ mattocchi

    Infine, lasciami ribadire che io non chiedo e non ho chiesto affatto la chiusura di Pontifex, che è una burla che mi piace tantissimo ed è utilissimo a spiegare alla gente normale i meccanismi e l’ipocrisia che sovrintendono a ogni fanatismo, l’ho ripetuto più volte nei post sul mio blog, questi sono gli eredi di Maulana Sheick abdul Hadi Palazzi (aka il terrore dei supplì) e a me piacciono tantissimo

    Rivendico però il sacrosanto diritto di prenderli in giro e di spernacchiarli, farli oggetto di satira e di qualsiasi critica mi passi per la mente, la libertà d’espressione vale anche per me, almeno fino a che mi tengo nei limiti della legge

    Quanto all’approccio à la Voltaire, perdonami, ma allora perché chiudere i siti degli jihadisti, dei nazisti e dei neofascisti? E quelli dei pedofili? Che mi frega se Hitler o Mussolini ne hanno detta qualcuna giusta? Diventa forse la scusa giusta per non contrastare il culto delle loro bizzarre quanto pericolose idee?
    Non si può essere tolleranti con chi promuove la morte della tolleranza, lì c’è la riga tra democrazia ed autolesionismo ed è una limite che è bene non superare mai, lo dico in difesa di chi chiede la chiusura di Pontifex e ne ha ogni diritto e compie opera meritoria quando denuncia lle autorità il loro incitare all’odio e alla discriminazione razziale e di genere

    p.s.
    trovo offensivo il riferimento al "trattamento Boffo", prima di tutto perché è estraneo alla mia cultura e secondariamente perché tale trattamento si fonda sulla menzogna, mentre le informazioni che ho pubblicato io sono state confermate dallo stesso Di Pietro, non è una differenza da poco, non ti pare?

    caro Calabrò

  • Di Mazzetta (---.---.---.195) 27 agosto 2010 19:06
    Mazzetta

    Ciao WM di Cinaoggi

    Se l’errore l’avesse commesso un solo giornale i toni sarebbero esagerati, ma quando -tutti- o quasi ci cascano, quel tono secondo me è sacrosanto

    Mi spiace se ho ferito la vostra sensibilità, ma vi ho citato correttamente solo in merito all’errore geografico, per dire che nemmeno un blog che si occupa di Cina aveva colto l’errore abbastanza evidente

    Quanto a "l’ingorgo è già finito", il "già finito" è relativo al fatto che tra il 23 e il 24 agosto è stata data la notizia di un ingorgo che sarebbe dovuto durare ancora un mese e che invece -già- il 25 non c’era più, in questo contesto a me quel -già- non sembra per niente fuoriluogo, che dici?
  • Di Mazzetta (---.---.---.101) 26 agosto 2010 11:52
    Mazzetta

    boh... non l’ho visto sul giornale


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità