• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Ha stravinto Renzi

Ha stravinto Renzi

Alla fine l’Italia, volente o nolente si affida un’altra volta a un tecnico.

I giornali scriveranno tutti che è arrivata “l’ora di Draghi”, ma in realtà bisognerebbe titolare molto più semplicemente che “ha stravinto Renzi”.

La questione è semplice. Al di là delle tonnellate di fuffa che Italia Viva ha raccontato da un mese a questa parte (le ministre dimissionarie che si lamentavano di ricevere solo riassuntini invece che la versione intera del Recovery Plan e altre amenità del genere buone per pasturare la propria claque) il piano appariva ben delineato da tempo.

Renzi ha sponsorizzato la nascita del governo giallorosso appoggiando Giuseppe Conte e vincendo le titubanze del PD a guida Zingaretti (definito da Concita De Gregorio, forse non a torto, un sughero che galleggia). Raggiunto l’obiettivo del giuramento del governo che voleva, ha impiegato solo una dozzina di giorni per fare la sua brava scissione portandosi via un tot di parlamentari del PD e rastrellandone qualche altro a destra e sinistra. Stando bene attento a raggiungere quel numero magico che gli permetteva di avere, nonostante la sua irrilevanza nel paese, il potere di vita e di morte proprio sulla sua (e di Grillo) creatura.

Al momento ritenuto più opportuno (dopo che altri si erano spesi in Europa per farsi riconoscere il diritto ad avere la parte più grossa del tesoretto stanziato per far fronte all’emergenza sanitaria ed economica) ha tirato la corda e l’ha impiccata, quella sua creatura.

Poi ne ha gettato il cadavere sul tavolo dell’inutile giro di consultazioni di Fico.

Toni da tragedia shakespeariana adatti alla bisogna. O del carme manzoniano, perfetti invece per fotografare lo sguardo di sbigottimento dei maggiorenti piddini: ei fu, siccome immobile, dato il mortal sospiro, eccetera. E tutti lì con il viso lungo, a chiedersi come sia stato possibile essersi fatti prendere per i fondelli così a lungo da uno noto per l'abitudine a prendere per i fondelli. Se le facessero due domande.

E mentre tutti (PD, LeU, M5S) lo accusavano di aver rotto le trattative inspiegabilmente, lui rovesciava l'accusa con un "sono stati loro!" che neanche all'asilo. Ma magari crogiolandosi all'idea di poter perfino ambire alla Presidenza della Repubblica fra un anno. Perché no? In fondo il suo agire politico da novello Napoleone non è quello dell'amicone che seduce e convince, ma quello del pugile che spinge nell'angolo l'avversario per suonarlo fino allo sfinimento. Potrebbe farcela, facendolo di nuovo.

Intanto i fan renziani hanno festeggiato stappando champagne alla notizia della convocazione di Draghi al Quirinale, brindando al “capolavoro” del loro Matteo, considerato il più abile politico italiano. Ma confondendo la politica, che è arte del governare (e del compromesso se si sta in una coalizione imposta dal voto popolare), con le manovre lucide, ciniche e anche un bel po’ subdole di una manica di furbetti. Si dirà che in fondo questo è quello che succede da sempre, nelle aule parlamentari delle democrazie occidentali, e in parte è vero.

Ma tutto sembra indicare che dover ricorrere a un tecnico per gestire un’emergenza nazionale di questa portata sia più simile alla fine della politica piuttosto che alla sua apoteosi. È la seconda volta che succede in meno di dieci anni. Se la democrazia italiana ci si abitua può darsi che un giorno ci si trovi come in Myanmar: in fondo anche i militari non sono altro che dei “tecnici”.

In ogni caso oggi si volta pagina.

Domani Draghi – personalità di assoluto rilievo – avrà l’incarico di fare il solito giro di consultazioni da un Mattarella inviperito da quello a cui ha dovuto assistere. E otterrà la fiducia con cui avviare l’ennesimo governo della Repubblica. Niente da dire sulla sua figura, è scontato.

Ma qualche domanda sui voti che dovrà avere in parlamento è lecito farsela.

Non avrà di sicuro quelli di Fratelli d’Italia, né probabilmente della Lega, troppo interessate ad andare subito al voto. Avrà di sicuro quelli entusiasti di Italia Viva, quelli del Partito Democratico – sempre “responsabile” per antonomasia, non avendo altre capacità – forse anche quelli di Forza Italia, rassicurata nel suo europeismo. Certamente quelli dei gruppi minori del centro, da +Europa al Maie alle Autonomie. Di tutto o parte del gruppo misto. Forse perfino di LeU (ma non è detto, un banchiere che ha lavorato anche in Goldman Sachs potrebbe essere indigesto da quelle parti).

Poi ci sono i Cinquestelle. Che potrebbero dare la fiducia per timore di un voto che li dimezzerebbe (se basta), ma che potrebbero anche riservare qualche sorpresa, in odio a un Renzi che irridendoli li ha letteralmente massacrati.

La domanda è: senza il voto dei Cinquestelle il governo Draghi può vedere la luce? E quanti potrebbero essere i grillini alluzzati dall'idea di avere un sussulto d'orgoglio e mandare il paese alle urne per togliersi lo sfizio di vedere Renzi passare dalle stelle del trionfo alle stalle della più totale irrilevanza politica? Forse non accadrà mai nulla di tutto ciò e il paese sarà salvato dal bravo tecnico.

Ma mai dire mai in una stagione politica di questa fatta. In fondo anche il perfido Riccardo III, che agguanta il trono fra mille inganni, sotterfugi e assassinii, alla fine crepa come un pirla a Bosworth Field.

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.49) 3 febbraio 16:59

    Ha detto bene lo psicologo Revelli " un paese che non riesce a produrre gli anticorpi per difendersi da un virus come Renzi, è un paese spacciato ".

    Renzi non ha vinto, più semplicemente ha distrutto quel residuo di politica che era ancora rimasto. Lo dici anche tu, bis in meno di dieci anni, ovvero fallimento totale.

    Adesso stanno già celebrando Draghi come il Messia. Ottimo curriculum internazionale per i mercati e la finanza, oltre che per i rapporti con la nuova amministrazione Biden, ma vediamo cosa sa fare di meglio per tirare su il paese rispetto a Conte. Sono proprio curioso. Adesso finalmente vedremo alla prova i "competenti"o "i migliori ", per dirla alla Mulè. Pensa, notizia di stamani, c’è già un rialzo dell’inflazione dello 0,2% e spread che precipita. Neanche i neutrini viaggiano cosi’ veloci. Ovvio che Conte non c’entra nulla perché si sa che è un incapace, mentre questo deve ancora partire che già è pronta la fanfara. Venghino siori, venghino !! è arrivato l’arrotinoooo.. ! . Ci sarà da ridere. Un terzo degli italiani adulti è semianalfabeta, abbiamo il più basso numero di laureati d’Europa e il più alto tasso di abbandono scolastico ( dati UE). Un paese perfetto per tutti i cialtroni che si buttano in politica. E Draghi di sicuro cialtrone non è.

    Per il M5S non credo che ci saranno grosse sorprese. Può darsi che si spacchi ma mettersi di traverso ai piani di Mattarella in un periodo come questo sarà difficile per tutti, anche per la Meloni. Spendo una parola per il povero Fico utilizzato nel giro di consultazioni per prendere il tempo necessario a preparare il cartoccio.

    Quindi viva Draghi e in tu u’ culu a tutti gli italiani. Amen.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 4 febbraio 10:43
    Enzo Salvà

    La situazione è in divenire, ora Renzi canta vittoria ma si dovrebbe chiedere “ho vinto qualcosa?” per ora, la formazione di un governo non sarà così automatica.

    Vedremo, perché se i 5S non fanno nuovamente “i fuori casta” per rifarsi una verginità e con l’ingresso presumibile di Forza Italia, con l’arruolamento di nuovi costruttori/responsabili, il Renzi diventa ininfluente.

    Ha ragione paolo citando Revelli, c’è da aggiungere che all’arrivo della pandemia con i suoi drammi e le conseguenze connesse, gli anticorpi avrebbero dovuto muoversi prima: nessuna opposizione Europea numericamente importante ha attaccato il suo Governo come in Italia. E non attaccare e non fare propaganda elettorale favorisce il parlarsi, collaborare, avere tante opinioni diverse che possono e devono contemperarsi.

    Ma significa anche prendersi responsabilità in nome di “prima gli italiani”, “della Patria”: sono i codardi a fuggire mascherando la smania di comando con l’incapacità di altri.

    Avessero tirato fuori gli attributi come il Capo dell’opposizione portoghese Rui Rio già ad inizio pandemia, Renzi sarebbe stato buonino al suo posto, denunciando, ma anche no, incapacità ed inefficienza dei suoi alleati.

    Ben misera vittoria quella conseguita senza nessuna apparente utilità. Piano piano si vedrà se il Renzi è stato un ariete (con qualcuno a spingerlo) o semplicemente l’uomo che, alla fine, continua a sbagliarle tutte.

    Vicenda squallida nel suo complesso, che avrà conseguenze anche a medio/lungo termine. Speriamo non negative.

    Un Saluto

    Es.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità