• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Bavaglio, non bavaglio, Bersani, Fini: il vero scandalo in RAI è un (...)

Bavaglio, non bavaglio, Bersani, Fini: il vero scandalo in RAI è un altro

È incredibile come ad andare in tv siano sempre le stesse facce e nonostante questo ogni pretesto sia buono per scatenare la guerra in Rai. L’ultima pietra dello scandalo è l’idea di Fabio Fazio e Roberto Saviano di portare a Vieni via con me il presidente della Camera Gianfranco Fini e il leader dell’opposizione Pierluigi Bersani. Ma le parti sono sempre le stesse: in un angolo chi “insorge” e invoca il “pluralismo” violato, nell’altro le “anime belle” che gridano alla “censura”. Ed è “bufera”.

Se il copione è noto, spesso e volentieri anche gli attori sono gli stessi: Minzolini, Masi, Capezzone, Cicchitto più Libero e il Giornale da una parte; Santoro, Travaglio, Di Pietro, Franceschini più Il Fatto Quotidiano e Repubblica dall’altra. La querelle è avvilente, perché da un lato si grida troppo per quella che nelle democrazie mature è la normale libertà degli autori di gestire come meglio preferiscono i propri programmi, e dall’altra si risponde a voce troppo alta e a reti troppo unificate per chi lamenta (o vanta, a seconda dei gusti) un bavaglio dietro l’altro.

Anche il risultato di tanto contendere è poca cosa, rispetto al fiato sprecato. Perché i primi non sono riusciti a imporre l’assurda par condicio delle idee che tanto desiderano, e i secondi non hanno smosso di un millimetro la corazzata Tg1-Porta a Porta che quotidianamente informa “a suo modo” il grosso della popolazione. Che tuttavia avrebbe la possibilità di fare altrimenti. Potrebbe informarsi altrove. Invece, per pigrizia o perché gli sta bene così, non lo fa. Ma l’offerta c’è, e va da chi nel pantheon dei martiri ha Vittorio Feltri a chi lo ritiene un ciarlatano, da chi considera il proprio intellettuale di riferimento Vittorio Sgarbi a chi, al contrario, gli preferisce Roberto Saviano. Impossibile mettere le parti sullo stesso piano? Può darsi, ma non è questo il punto. Il punto è che si può ancora scegliere. Regime o non regime. Berlusconi o non Berlusconi.

Quindi sarebbe il caso di darsi un po’ meno da fare per un Benigni o un Bersani in più o in meno, e magari sfruttare quelle energie per chiedere più pluralismo nelle presenze, più voci nel coro. Perché questo sì, è davvero monotono. Gli interpreti sono sempre gli stessi, lo spartito sempre quello. Se io avessi abbastanza voce in capitolo, invece, punterei i piedi per sentir parlare di poesia, ad esempio. In prima serata, mica a mezzanotte o più tardi. E non affrontando l’autore appena scomparso di turno: così è ipocrita, oltre che facile. Mi incazzerei con Masi perché non permette ai miei coetanei di sentire la voce di Milo De Angelis dopo il telegiornale. Perché se i libri del grande Lorenzo Calogero sono tutti fuori catalogo, non c’è almeno un servizio, tra le centinaia che si chiedono che ne sarà del governo o ci raccontano i dettagli di una corsa di pecore cavalcate da fantini di pezza, che ne ricordi una semplice poesia. Una sola.

Ma gli esempi sono infiniti. Dove sono i nostri fumettisti? Ne abbiamo tantissimi, bravi e sconosciuti. Perché Fazio e Saviano, se vogliono davvero dirci qualcosa che non sappiamo, non chiamano i ragazzi di Delebile, invece di quei due vecchi arnesi della politica di Bersani e Fini? E i musicisti? Davvero in Italia esiste soltanto Daniele Silvestri? O Gaber, citato allo sfinimento? E gli scrittori? E gli artisti? Tutto da ridurre a una passaggio mandato a memoria del Gattopardo?

Il rischio, quello vero, insomma, è che si urli tanto per niente e poi non resti la voce per evitare che la nostra cultura finisca omologata in un calderone di polemiche che si ripete sempre uguale, in un vortice che annoia con gli stessi argomenti recitati sempre dagli stessi soggetti. Invece io sono certo che in Italia ci sia di più e di meglio, e che se davvero si vuole raccontare questo Paese qualcuno nel servizio pubblico dovrebbe fare lo sforzo di ricordarselo, ogni tanto. E dare una voce a chi la merita e, ora come ora, non ce l’ha. Come, è che così non si fanno ascolti? Ecco, appunto.

Commenti all'articolo

  • Di alessandro tantussi (---.---.---.185) 13 novembre 2010 13:06
    alessandro tantussi

    Il problema nasce quando si ritiene di dover gestire la televisione come servizio pubblico. Il servizio pubblico è come il tram: non può fare distinzioni su chi può salire, tutti hanno lo stesso dirittto. Purtroppo la RAI non è più un sevizio pubblico, ma un media al servizio di questa o quella parte politica. Personalmente credo che FAZIO sia perfettamente consapevole che con "Vieni via con me" sta facendo politica, e questo non mi pare affatto giisto. Altrettanto mi pare si possa dire di Santoro, il quale lo riconosce pubblicamente e deliberatamente utilizza il mezzo per esprimere una posizione di parte. Altre trasmissioni, almeno, hanno il pudore di dare una "parvenza" di contraddittorio.

    Detto questo, per fortuna, c’è da fare due considerazioni positive:
    1) da una parte queste trasmissioni di parte da una parte portano audience e quindi contribuiscono positivamente alle disastrate finanze della RAI e quindi centrano in pieno l’obbiettivo aziendale (fare profitto o limitare le perdite)
    2) da un punto di vista politico non spostano una virgola (ovvero non spostano un voto) perché vengono viste da molti (sia di dx che di sx) ma politicamente vengono applaudite solo da chi le condivide, anzi forse ottengono l’effetto contrario: ricompattano la parte politica che tendono a denigrare. Quanto meno sono obbiettive e tanto più rafforzano el convinzioni della parte avversata.

    Questa è una delle tante cause del permanere al potere di Berlusconi. 
    Io l’ho imparato nel commercio e nell’attività di impresa: non parlare mai male dei concorrenti.
    Se vuoi sconfiggere l’avversario non parlare mai male di lui, altrimenti il messaggio che viene percepito da chi ti ascolta è quello che sei faziosamente contrario, ed ottieni il risultato opposto a quello che ti prefiggevi.

    Berlusconi non è al potere da 16 anni per la sua capacità di "vendersi" ma per la continua attenzione negativa che raccoglie su di sé sia dai media che dalla magistratura, questo attaco sistematico per un verso lo pone al centro dell’attenzione mediatica (e quindi estrema visibilità) e per l’altro ne fa un martire anche se non lo è, l’elettorato (l maggioranza) giudica negativamente in blocco le accuse che gli vengono rivolte. 

  • Di Paolo Praolini (---.---.---.135) 13 novembre 2010 15:11
    Paolo Praolini

    Il passaggio più bello di questo articolo ricade proprio nel passo in cui Fabio fa riferimento alla ns Democrazia ancora non abbastanza matura da permettere che una trasmissione in TV pubblica o un evento culturale pubblico possa gestirsi autonomamente nella scelta della programmazione senza alimentare risse e scontri negli ambienti che vorrebbero ’determinare’ il percorso della RAI.
    Comunque un bell’articolo che delinea una realtà in cui la cultura e l’opinione pubblica sono relegati ancora fuori dal recinto.

  • Di Renzo Riva (---.---.---.217) 16 novembre 2010 00:01
    Renzo Riva

    Chi invece si è imbavagliato da solo è il garante della "carta" che nulla hha ripreso del comportamento "super partes" da parte della chioccia della camera che dalla e sulla sua sedia ha covato una forza politica ex-novo.
    Un "bravo" al garante ed alla chioccia: tutti e due "super partes".

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares