• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Radio Maria chiede 300mila euro agli ascoltatori. A voi la lista della (...)

Radio Maria chiede 300mila euro agli ascoltatori. A voi la lista della spesa!

Ci sono le liste nozze e le liste per le spese.

Di piccolissimi acquisti non si tratta, dato che l’ennesima richiesta economica che Radio Maria lancia agli ascoltatori ammonta a quasi 270mila euro.

Dopo l’obolo da due milioni e mezzo di euro domandato per comprare i trasmettitori da sistemare in Africa (secondo i portavoce per “adottare un popolo”), le somme per realizzare i nuovi e lussuosissimi studi di trasmissione ubicati a Erba (ma per Padre Livio li avrebbe edificati la Madonna), il cinque per mille, il lascito testamentario, l’emittente cattolica bussa ancora a quattrini.

Il dato curioso è che stavolta l’elenco di quanto i fedelissimi dovrebbero fornire mettendo mano al proprio portafoglio è abbastanza lungo.

Inutile dire che lo sconcerto è infinito quanto la sfacciataggine degli astuti contabili di Radio Maria: a seguire la stazione censita come comunitaria (e che dunque non versa un solo centesimo in tasse, a differenza di chi ha una concessione ministeriale commerciale) sono prevalentemente anziani e ammalati che di legislazione radiofonica ben poco conoscono.

Un settantenne che non si addentra nelle normative, giuste o meno, che regolano il settore delle comunicazioni è a conoscenza del fatto che Radio Maria ottiene sostanziosi finanziamenti statali ed è agevolata dalla legge firmata dal deputato leghista Davide Caparini?

No!

È molto più probabile che lo stesso settantenne, magari allettato, si faccia cogliere dalla paura di perdere la “voce amica” che sopperisce alla solitudine.

Ma il tariffario è salato.

Si va dai 15 mila euro per la cappella (ogni sede periferica di Radio Maria ne è dotata), ai 7 milacinquecento per l’altare ai 12 mila per tre postazioni pc, un server, un pc portatile e il cablaggio.

A salire: 80 mila euro per l’allestimento di uno studio per la messa in onda delle trasmissioni (non specificato dove) 50 mila euro per la ristrutturazione della sede.

Meno male che è stata inaugurata di recente!

Aggiungendo mezzi per supportare le attività della radio, un furgone da adibire a regia esterna, un mixer, una parabolica, un trasmettitore, il passo ai quasi trecentomila euro è breve.

Dal quartier generale di Erba tengono anche a precisare che sono gradite offerte per l’acquisto di radioline da donare ai carcerati.

Attenzione, però: da qualche tempo, per chi sgancia a favore di Radio Maria è possibile fruire delle detrazioni fiscali.

Sia lodata la Madonna. Anzi, il governo!

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares