• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Morto Fidel Castro, per la terza volta in un anno

Morto Fidel Castro, per la terza volta in un anno

Siamo, ancora, alle solite. Sono più di un miliardo, nel mondo intero, gli utenti internet: questo ha cambiato radicalmente l'informazione e, di pari passo, la ricezione delle notizie. Un singolo lancia un sasso (o un amo se preferite) e questo smuove le acque ed a seconda di dove (e come) il sassolino è stato lanciato la portata dell'evento coinvolgerà un certo numero di persone.

Per la terza volta nell'ultimo anno Fidel Castro è morto, o meglio, ancora una volta una persona, calcolando una serie di varianti (in modo anche abbastanza grossolano) veicola un messaggio attraverso un media di massa individuale (quale la rete in generale e twitter nello specifico) e centinaia, migliaia di persone credono ciecamente nella veridicità della notizia (basta che sia un minimo credibile, ossia verosimile) dando da diventare una notizia: ed allora ecco che siamo tutti qui a domandarci se davvero il Lìder Màximo sia morto, a controllare l'Ansa ed i quotidiani cubani.

Questa la notizia che ha scosso la rete:

JPEG - 20 Kb

Ora è possibile che il Primo Ministro del Governo italiano annunci via twitter la morte di Fidel? Vediamo i tweet precedenti che corrispondo all'account Mario Monti:

JPEG - 49.2 Kb



Monti darebbe notizia di diplomatiche e private conversazione con il Cancelliere Angela Merkel via twitter? Arriviamo al comico con il tweet di ringraziamento nei confronti di Sarkozy, ai limiti (oltrepassati) della grammatica italiana.

Vedendo poi il giro di following si svela il trucchetto: se da un lato, la maggior parte (anche se 50 following sono un po' pochini) sono utenti reali (per lo più staff di politici, da Obama a Di Pietro, giornalisti o testate), i pochi utenti che il nostro Monti segue sono altri illustri politici europei e, cosa non marginale, sono anche gli unici con che si relazionano a Monti; Olli Rehn, Commissario europeo e Luis de Guindos, Ministro dell'Economia in Spagna.

Il trucco è svelato, creando account falsi di personaggi reali (ma non verosimili poiché poco credibili sono i loro profili ed i loro tweet) che comunicano fra loro si dichiarano e si confermano l'un l'altro notizie "grosse" e la voce inizia a girare, la gente ci crede, l'argomento diventa reale ed anche i giornali iniziano a parlarne corroborando il gossip, in questo caso il nulla.

L'aspetto preoccupate per me non è tanto l'approccio "leggero" del medium twitter, quanto la possibilità che l'account di Mario Monti, evidentemente falso, possa essere creduto vero dai suoi follower (oltre 14.000!) e, ancor peggio, che basta che una voce si ingrandisca per diventare "socialmente" mercificabile, diventantando notizia al di là della verità del fatto.

Sull'identità del truffaldino autore si possono fare solo ipotesi, anche se una sembra acquisire maggior autorità sulle altre:

In un certo senso un appassionato di scoop-fake.


Invece Castro, che solo pochi giorni fa si è recato a trovare Chavez in ospedale, si trova in salute e per fortuna, si dice, tutte queste vuote voci allungano la vita.

Commenti all'articolo

  • Di Sandro kensan (---.---.---.1) 6 marzo 2012 16:53
    Sandro kensan

    Ho dato il mio voto negativo, mi pare non si affronti la questione ma ci si giri attorno.

    In particolare non capisco come mai solo Fidel Castro sia soggetto a questo tiro a segno tutto occidentale (filoamericano) del segnalarlo come morto. Non capisco chi abbia interesse a mettere d’accordo falsi account importanti sparsi in tutta Europa (quello spagnolo, quello italiano e quello di Holli per annunciare il trapasso del lider maximo.

    Certamente la gente comune è più interessato a dare per morta Fornero che ha fatto una rivoluzione sulle pensioni che non Fidel Castro però, evidentemente, l’immagine che esce fuori è che la popolazione italiana è più interessata a Fidel Castro e a vederlo morto che non alle proprie pensioni: sarà vero?

    Penso non sia vero e che ci sia un burattinaio dietro, non c’è evidentemente il popolo e il suo sentire comune. Un gioco di specchi in cui è facile travisare le lucciole per lanterne.

    Mi sembra molto improbabile che il burattinaio non sia collegato agli interessi americani. In fin dei conti i cittadini che non hanno interessi economici (ricevono soldi o reagalie di vario tipo) e che sono contro Fornero sono lo stesso numero che sono contro Fidel, anzi in Italia chi è contro Fornero è molta più gente di quella che ha pensieri avversi a Fidel. Però le morti annunciate sono solo quelle di Castro: c’è una spinta dietro ai i gestori/e degli account di Mario Monti ovvero c’è un burattinaio che paga o elargisce.

    Basta legge un po’ di email della Stratfor per capire come è fatto il mondo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares