• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Considerazioni post Burian e pre Elezioni

Considerazioni post Burian e pre Elezioni

E' il 26 febbraio e fischia il vento gelato di Burian, quando qui a Capranica antichissimo comune della Tuscia viterbese,non posso mettere neanche un piede fuori dalla porta, tra neve e ghiaccio, da tormenta siberiana.Ricordo che devo prenotare al più presto una visita urgente specialistica e telefono al Cup regionale 803333, chissà se mi rispondono...

Ho atteso circa 4 minuti ed espongo ad una voce giovane maschile quanto mi interessa e mi trova al Policlinico di Roma per il 6 marzo la visita che mi occorre; chiedo all'operatore dove si trova, e mi risponde che è vicino Pomezia, c'è la neve, si si ma lui per fortuna svolge telelavoro, ci salutiamo.

La mia mente va subito a mia sorella, dipendente del Comune di Roma,abitante a Capranica da più di 10 anni. Scrisse infinite volte per la mobilità che le spettava e soprattutto 2 anni fa quando si aprì la "finestra telelavoro", le sue esigenze: non le hanno mai neanche dato una risposta, sia pure negativa, dirigenti donne e uomini.

Mi chiedo quante persone lavoratrici sono rimaste "malate" a casa in questi giorni di Burian annunciato, per avverse condizioni che avrebbero trovato nei trasporti poubblici, compresa la causa sale mancante come si è appreso dai telegiornali a Roma: non ci sono più i soldi.

Penso ai pendolari e sono diventati tantissimi, che prendono la ferrovia Viterbo Roma. Parecchi anni fa inventarono pure che si sarebbe fatto l'Aereoporto a Viterbo, si crearono in effetti delle belle poltrone, certo non sui mezzi pubblici: non ci sono i soldi.

Questa storica tratta, il diretto Capranica Viterbo, è stata raccontata persino da quel delicatissimo e luminoso poeta che era Gianni Rodari: come lui, a me è rimasto solo l'orecchio acerbo... I pendolari continuano in questi giorni a prendere treni che hanno biblici ritardi, nella stazione di Capranica manca qualunque tipo di possibilità di pagare il biglietto, sfornita da anni anche di una macchinetta , non esiste una pensilina per ripararsi dal caldo e dal freddo figurarsi la pioggia...

e parlavano di aereoporto... di ferrovia storica da ripristinare con Capranica Civitavecchia e Orte. Zero, non ci sono i soldi.

Veniamo alla Cassia, che percorro in questi mesi almeno 2 volte all settimana nelle ore pomeridiane e serali: guai a chi ha dolori alla cervicale, guai a chi ha una macchina e non riesce a scansare centinaia di buche paurose, gli autisti del Cotral sono capaci di fare miracoli anche in questi giorni che c'è il ghiaccio ma non possono fare i miracoli sui mezzi pubblici, camminando su strade neanche degne di mulattiere del dopoguerra: non ci sono i soldi.

La maggior parte delle fermate anche nel centro di Viterbo sono sprovviste di pensilina come quella che raccoglie le persone che devono recarsi agli ambulatori a Piazza Fermi, al Cup regionale alla Questura al palazzo delle tasse al centro commerciale... non c'è neanche il cartello della fermata e bisogna sapere che facendo un centinaio di metri da Porta Romana esiste un intraducibile orario dove sarebbero esposti gli orari per arrivare all'Ospedale Belcolle, che di bello ha il nome: non ci sono i soldi.

Chi non ha l'automobile e neanche qualcuno che ti ci porta, come me, è una specie di pellegrinaggio di ore, malgrado in auto ci si mettano dalla Cassia 6 minuti per arrivare all'Ospedale, motivo per cui la sottoscritta preferisce una visita medica a Roma (vedi sopra) piuttosto che nel Belcolle: non ci sono i soldi.

Quanto accade a Roma oggi, lo so fino ad un certo punto, è una città che ho lasciato dopo 53 anni, 15 anni fa, e anche all'ora usavo i mezzi pubblici, lavorando in banca e con sedi diverse, due figli e varie...

Ho voluto solo raccontare una piccola esperienza personale ma la cosa che più mi intristisce è che quando si chiedono soluzioni per la collettività, ad esempio una navetta che colleghi più volte al giorno la fermata della stazione di Capranica al paese che dista 3 km e mezzo... la risposta è che non ci sono più soldi. Quest'anno per fortuna, nel mio paese, il sale sembra non mancare...

So che saranno quasi un partito gli astensionisti, io penso che questa cittadinanza che non si espone con un voto ma critica, abbia dimenticato i nostri diritti e doveri, compreso quello di organizzare il nostro scontento e stare col fiato sul collo a chi amministra il nostro Paese: si può votare e a maggior ragione anche se mancano i soldi. Io voto 

Dello pane altrui, dite pure, io ho detto del mio, che quando lo acquisto è sciapo ma regge meglio.

Ne ho scritto perché ho imparato a mie spese che, passata la Buriana, le parole volano mentre quelle scritte rimangono e andando avanti con gli anni non vorrei ripetermi.

E non c'è tempo per rimanere a guardare.

Doriana Goracci

 

Commenti all'articolo

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 marzo 2018 15:57
    Truman Burbank

    Per favore, evitate di usare parole in lingue che non conoscete.

    Il vento di tempesta in russo è "buran" che va letto con l’accento sulla "A", così: "buràn". Il fatto che i principali mass-media abbiano usato la parola "burian" mostra solo la loro ignoranza.

    Ho verificato con cura e in russo esiste pure una parola che potrebbe essere traslitterata come "burian", ma è un’erba selvatica.

    • Di Doriana Goracci (---.---.---.98) 2 marzo 2018 18:03
      Doriana Goracci

      ma che piacere rileggerla signor Rodolfo Marotta...non non mi dica che lei ha un fratello che mi ha esaurita nel commentare questo post sulla mia pagina FB, con le stesse puntuali osservazioni filorussemeteolinguistiche...E’ fantastico, come lo pseudonimo, il profilo un po’ orientale, non ha letto NIENTE se non quel burian buràn...ma neanche tutti i link che le ho mandato per dirle che di solito prima di scrivere quello che scrivo di getto, e chiedere la pubblicazione, lo "lego" a siti che ho consultato, riferimenti a mio avviso interessanti, come ho fatto per "buriana". E’ legittimo quanto ho scritto, si può usare e neanche lo riporto qui. Lei ha avuto molta costanza nel rispondermi e ribattere e io a risponderle anche qui: è l’ultima volta. E’ seccante e saccente, basta spostare 2 vocali, il risultato è lo stesso. Mi stia bene.

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 marzo 2018 18:44
    Truman Burbank

    Oops! Mi ha sgamato. Evito di insistere e provo a vedere se su Wikipedia accettano un modesto contributo. I migliori saluti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità