• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Chiusure domenicali | I soldi degli altri

Chiusure domenicali | I soldi degli altri

Il Ministero dello sviluppo economico, lo dice il nome stesso, dovrebbe essere teso a sviluppare l'economia aumentando i posti di lavoro, la dinamica della circolazione della moneta, gli introiti derivanti allo Sato da tutto questo.

Non sembrano questi gli obiettivi del ministro attualmente in carica in quel dicastero. Tralasciando la vicenda ILVA, dove una inutile accanimento contro i risultati ottenuti dal precedente governo sono valsi solo 100 giorni perduti inutilmente ed i medesimi risultati raggiunti prima del suo intervento, e non vorrei infierire sul "Decreto Dignità" che comporterà l'automatico licenziamento per tutti quei precari che arriveranno al secondo rinnovo del contratto di lavoro temporaneo.

Crediamo che l'attenzione possa focalizzarsi sull'ultima chicca in agenda, la chiusura domenicale dei centri commerciali.


La tesi difensiva del ministro per quest'intervento è: "si stanno sfasciando le famiglie italiane". Scartiamo l'ipotesi che i centri commerciali siano luoghi del peccato (tempo fa un ministro della salute invitava gli anziani ed i pensionati a recarsi, nei giorni di massima calura estiva, proprio in quei luoghi, difendendosi dalle temperature ostili grazie all'aria condizionata). Non resta allora che i lavoratori impiegati in queste aperture, involontari artefici dell'operazione "sfasciafamiglie". Ci si dovrebbe chiedere allora come mai non si siano sfasciate le famiglie dei lavoratori dei trasporti, della sanità, della ristorazione, degli spettacoli, della sicurezza, dei media e dell'informazione e tanti altri che da decenni lavorano nei giorni festivi (e non sono ovviamente quattro gatti). Si potrebbe obiettare che questi sono servizi utili e necessari; questo se vi fossero patologie derivanti da carenze di cinema o pizza, crisi da mancato viaggio turistico in treno o in bus, o astinenza da telegiornali. Ma ciò non accade.

Ed il primo obbiettore che afferma "la spesa domenicale è un futile motivo" potrebbe essere lapidato da tutti quei lavoratori (e sono molti) che, per vari motivi (orari di lavoro, figli da accudire, anziani da assistere) trovano difficoltà a ad effettuare la spesa nelle ore canoniche dedicate all'acquisto nello scorso secolo. "I visitatori dei centri commerciali la domenica non acquistano, bighellonano". Anche fosse, non mi sembra ci sia una legge che vieti il bighellonaggio festivo, ma l'aumento costante dei centri aperti nei giorni festivi conferma il profitto che ne trae il settore, solitamente non avezzo ad operazioni benefiche. Sull'altro piatto della bilancia, come negli altri casi, ci sono i lavoratori. Che, ovviamente, sarebbero licenziati, ma questo sembra l'ultimo dei pensieri del conducente del dicastero.

Verrebbe da pensare che, di fronte ai reali problemi che affliggono la nostra economia ed i disoccupati, si sia preferito affrontare falsi problemi ma di grande impatto mediatico, in una perenne campagna elettorale che ha come unico premio la sfascio del paese.

"I soldi degli altri" è il titolo di un film di Norman Jewison del 1981, con Gregory Peck, Danny DeVito e Penelope Ann Miller. Danny De Vito interpreta un rampante speculatore che acquista aziende in crisi, ne smembra le parti vendendole poi separatamente e con ottimi ricavi. L'azienda muore, ovvio, ma questo non è un suo problema.

Nella scena cruciale del film c'è il discorso dell'ìmprenditore e della vecchia proprietà agli azionisti di una fabbrica di cavi che, ahimè, non sono più richiesti. Le due tesi a confronto di fronte a coloro che ci hanno messo i soldi. Quindi gli oratori parlano dei soldi degli altri. Appunto. Quelli degli italiani

Commenti all'articolo

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 12 settembre 12:43
    Truman Burbank

    Mi permetto di far notare che il Ministero dello sviluppo economico se avesse come primo obiettivo l’aumento della moneta si chiamerebbe presumibilmente Ministero della Moneta o qualcosa del genere.

    Nel merito delle osservazioni, la tesi dell’articolo sembra essere che chiudendo gli esercizi commerciali la domenica si avrebbe una diminuzione dell’occupazione. Non solo tale idea andrebbe dimostrata, ma essa è abbondantemente contraddetta da ciò che è avvenuto negli ultimi anni, nei quali l’ossessiva tendenza a privilegiare la libertà di impresa ed a penalizzare i lavoratori ha ridotto l’occupazione.

    Andrebbe come minimo valutata l’idea che ripristinando un po’ di diritti dei lavoratori si potrebbe avere un miglioramento dell’occupazione e anche della solidità delle imprese, le quali sono diventate sempre più evanescenti.

    A parte ciò, nella proposta del governo ci sono dei valori etici di fondo, il valore del riposo settimanale e anche l’armonia delle famiglie. E l’etica non è una disciplina teoretica, essa ha molto a che fare con la vita quotidiana.

    Ritornando all’idea che chiudere di domenica riduca l’occupazione, essa mi sembra una variante della legge di Say, più volte dimostrata falsa, di cui trattavo qui: http://trumanb.blogspot.com/2010/02/il-paradosso-di-say.html . Più in generale, quando l’uomo viene considerato merce si ottiene che la legge di Say è la legge in base alla quale l’economia dovrebbe migliorare liberalizzando tutti i commerci. Non funziona. Il liberismo semplicemente uccide, spingendo a una guerra di tutti contro tutti.

    A didendere il liberismo assassino in Italia è rimasto solo il partito unificato PD+ForzaItalia.

  • Di sergio (---.---.---.113) 12 settembre 12:51
    alcune coinsiderazioni potrebbero essere interessanti e da discutere, fossimo ancora nel XX secolo.
    Tralascio giudizi sul commento finale: ho troppo rispetto di Agoragox

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità