• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Brasile: in agosto le donne festeggiano le margherite...

Brasile: in agosto le donne festeggiano le margherite...

Mercoledì 14 agosto a Brasilia si sono messe in marcia oltre 3.000 donne indigene, con rappresentanti di circa 100 popoli, contro lo sterminio dei popoli nativi e la distruzione della foresta amazzonica a opera di Bolsonaro. E' la prima manifestazione delle donne indigene, la "Marcia delle Margarite" per rivendicare la sovranità popolare, la democrazia e la libertà dalla violenza.

Non sono sole davvero: in piazza in difesa dell’istruzione pubblica e contro la riforma delle pensioni, c'erano migliaia di studenti, docenti, sindacalisti, lavoratori ed attivisti dei movimenti popolari che hanno denunciato il passo indietro causato dalle misure del governo di Jair Bolsonaro, 25 stati brasiliani, manifestazioni in più di 207 municipi . Nel Distretto Federale di Brasilia, la capitale del paese, l’atto di protesta si è unito invece alla prima manifestazione delle donne indigene, e si è concluso davanti al Congresso della Nazione. 

Perché le donne manifestano così attivamente? "In Brasile viene uccisa una donne ogni due ore. 4.254 morti in tutto il 2018. Un dato in diminuzione del 6,7% rispetto al 2017, ma ancora troppo elevato. I casi registrati come “femminicidi”, inoltre, sono aumentati, da 1.047 a 1.173. E gli analisti temono che la situazione possa peggiorare a causa degli ultimi provvedimenti portati avanti dal governo di Jair Bolsonaro. A rivelarlo è l’ultimo studio del giornale G1 condotto col Forum brasiliano di sicurezza pubblica e dal Nucleo di studio della violenza dell’Università di San Paolo.Stando al Dossier Donna pubblicato dall’Istituto di sicurezza pubblica dello stato di Rio de Janeiro, lo scorso anno nel popoloso stato brasiliano sono state aggredite poco meno di 25 mila donne. E in tre casi su cinque questo è successo tra le mura di casa. Gli omicidi, invece, sono stati 350. E in più della metà dei casi di femminicidio, i responsabili erano compagni o ex compagni di chi ha subito l’aggressione. Nello stato carioca, inoltre, resta molto elevato il numero delle violenze sessuali: più di 4.500 quelle denunciate, pari a 12 al giorno. E sette volte su dieci la vittima era minorenne"

Riporto integralmente da il Manifesto, che chiarisce molto bene le istanze,nell'edizione del 17 agosto 2019: "La resistenza in Brasile ha il volto delle donne: contadine, indigene, nere, pescatrici, lavoratrici urbane, giovani e meno giovani. Erano in più di centomila mercoledì, a Brasilia, per la sesta edizione della «Marcia delle margherite», la più grande mobilitazione a livello latinoamericano delle donne dei campi, delle foreste e delle acque. L’edizione più partecipata tra quelle che, dal 2000, si ripetono ogni 4 anni nella capitale in ricordo di Margarida Maria Alves, la presidente del Sindacato dei lavoratori rurali di Alagoa Grande, in Paraíba, assassinata il 12 agosto 1983, davanti agli occhi del figlio e del marito, da pistoleiros al soldo dei fazendeiros della regione.Nulla è cambiato da allora, se non in peggio: la guerra dell’agrobusiness contro i lavoratori rurali, le comunità indigene, i popoli tradizionali e i difensori dell’ambiente prosegue e si inasprisce, sotto la convinta benedizione del governo Bolsonaro. E quanto il clima si sia fatto pesante per la lotta sociale, lo ha mostrato bene l’impiego – incostituzionale – della forza nazionale di pubblica sicurezza deciso dal ministro della Giustizia Sergio Moro.«Mai come ora la soluzione alle nostre rivendicazioni dipenderà dalla nostra lotta e da noi stesse», ha affermato Atiliana Brunetto della direzione nazionale del Movimento dei senza-terra. Rivendicazioni che vanno dalla piena partecipazione politica delle donne al diritto all’educazione nei campi e nelle aree indigene, dal sostegno all’agricoltura familiare alla previdenza sociale e alla salute pubblica, fino alla preservazione dell’ambiente e della biodiversità.La difesa della salute, dell’educazione e delle foreste è stata anche al centro della prima storica Marcia delle donne indigene, poi confluita nella Marcia delle margherite.

Promossa dall’Apib (l’associazione dei popoli indigeni del Brasile) sul tema «Territorio: il nostro corpo, il nostro spirito», la protesta ha visto la partecipazione, sempre a Brasilia, di oltre 2 mila donne provenienti da 113 popoli originari, decise a resistere alla politica genocida ed ecocida dell’attuale governo. Una guerra iniziata, come ha affermato la coordinatrice dell’Apib Sonia Guajajara, candidata del Psol alla vicepresidenza nelle ultime elezioni, con il minaccioso proclama di Bolsonaro in campagna elettorale: «Neanche un centimentro di terra in più ai popoli indigeni».

 

E' proseguita con una serie di devastanti misure dirette a un unico scopo: trasformare le terre originarie e la foresta amazzonica in pascoli per l’allevamento del bestiame, latifondi e miniere.Che ci stia riuscendo non ci sono dubbi. In base agli ultimi dati dell’Inpe (Istituto nazionale di ricerche spaziali) con cui si è conclusa la serie annuale di rilevamenti satellitari del sistema Deter (da agosto a luglio), la deforestazione nell’Amazzonia è cresciuta lo scorso mese del 278% rispetto allo stesso periodo del 2018.Né è bastato a nascondere l’ennesima cattiva notizia, il licenziamento del suo portavoce: il presidente dell’Inpe Ricardo Galvão, accusato di lavorare «al servizio di qualche ong» e sostituito, ad interim, dal colonnello dell’Aeronautica Darcton Policarpo Damião: tanto per cambiare, un negazionista del riscaldamento globale di origine antropica.E mentre, in polemica con le politiche ambientali del governo brasiliano, Germania e Norvegia hanno annunciato di sospendere il finanziamento del Fondo Amazzonia, Bolsonaro ha lasciato sgomenti tutti con la sua personale ricetta per la difesa del pianeta: basterebbe, ha detto, mangiare un po’ meno e «fare la cacca un giorno sì e un giorno no»".

Quando arrivano le Margherite non si può fermare la Primavera, figuriamoci le donne d' estate...

 

Doriana Goracci

Commenti all'articolo

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.227) 19 agosto 08:31
    Doriana Goracci

    Brasile: in agosto le donne festeggiano le margherite...anche nel 2020? il 14 agosto 2019 le donne indigene e campesinas fecero la loro prima grande manifestazione, in quel Brasile dove impera ancora l’ignoranza del potere di Bolsonaro. Erano e sono donne indigene, rappresentanti di circa 100 popoli, contro lo sterminio dei popoli nativi e la distruzione della foresta amazzonica ad opera di quello nominato sopra.Fu la "Marcia delle Margarite" per rivendicare la sovranità popolare, la democrazia e la libertà dalla violenza e ne scrissihttps://www.agoravox.it/Brasile-in-agosto-le-donne.html
    "Al 31 luglio 2020 il Brasile con oltre 2 600 000 di casi, risulta essere lo stato del Sud America più colpito e il secondo al mondo dopo gli Stati Uniti. La gestione della pandemia ha suscitato diverse polemiche, a causa del negazionismo sul virus,e delle politiche adottate dal presidente Jair Bolsonaro.La deforestazione della foresta pluviale amazzonica è accelerata durante la pandemia di COVID-19 in Brasile, aumentando di oltre il 55% rispetto ai livelli precedenti, secondo le immagini satellitari. La COVID-19 minaccia le comunità indigene nella regione amazzonica.Al 17 marzo, i residenti delle favelas di Rio de Janeiro soffrivano della mancanza dell’acqua. Senza acqua per lavarsi, questo li ha resi vulnerabili alla proliferazione del coronavirus. L’acqua non ha raggiunto parti della Baixada Fluminense e della zona nord di Rio de Janeiro. Tra le aree colpite ci sono le comunità Chatuba de Mesquita, Camarista, Méier e Complexo do Alemão. La dottoressa e pediatra Cristiana Meirelles ha affermato che senza acqua e corrente pulita, la situazione sarebbe diventata catastrofica.Cufa (Central Única das Favelas, una ONG che opera con Favelas) ha chiesto misure per contenere il coronavirus nelle favelas. Le azioni del governo non includevano gli economicamente fragili, un contingente che ammonta a oltre 70 milioni di persone, ha affermato l’organizzazione.Alcune aree di Maré erano rimaste senza acqua per due giorni e altre aree erano state senza acqua per due settimane.https://it.wikipedia.org/wiki/Pandemia_di_COVID-19_del_2020_in_Brasile
    https://statistichecoronavirus.it/statistiche-coronavirus-brasile/

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità