• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Banksy in mostra a Milano: Dissento, dunque sono

Banksy in mostra a Milano: Dissento, dunque sono

“Siano le strade un trionfo dell’arte per tutti”. Resto imbambolata di fronte a queste parole di Majakovskij, stampate in una delle prime sale della mostra. Stridono con la sporcizia, il grigiore e la decadenza dei panorami che ho attraversato per arrivare qui. Ma siamo in piena sintonia con lo spirito della mostra: sorprendere con una nota incongrua e spiazzante, valorizzare l’attitudine alla sperimentazione, fare attenzione alle realtà urbane.

di Unimondo

 Détournement è la parola chiave: il plagio in cui sia la fonte sia il significato dell’opera originale vengono sovvertiti per creare un lavoro nuovo che, con un urlo o un sussurro, ti dice “ehi, fermati a riflettere, dove credi di andare”.

Guardo le sue opere e mi portano altrove. A volte vorrei essere così, una vita con il mistero addosso, avere la creatività di rendere bellissime cose anche molto brutte, avere coraggio. È strano vedere qui, chiuse dentro un museo, opere nate per la strada perché il vento e la polvere possano accarezzarle, consumarle, completarle. Ma è anche un’occasione straordinaria di avvicinarsi un po’ di più a quella genialità che l’artista e writer inglese più nascosto e più conosciuto al mondo porta con sé. Satirico, universale, etico: la sua protesta visiva lo rende icona amata da un pubblico vasto ed eterogeneo per provenienza, età, cultura. Cifra stilistica di molti suoi lavori è la tecnica dello stencil, affinata con il duplice scopo di poter eseguire i lavori illegali con una notevole velocità e allo stesso tempo di renderli più elaborati.

Incontro così, virtualmente, Banksy, uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea, attraverso le opere in cui la sua potenza si muove e si impone. Sono opere controverse, che provocano e scuotono: spesso intervenendo su copie di opere esistenti e universalmente conosciute, con l’inserimento di alcuni elementi stranianti Banksy ne modifica il significato e denuncia con mordace inventiva l’arroganza dell’establishment e del potere, del conformismo, della guerra, del consumismo. Quella al MUDEC – Museo delle Culture di Milano non è la prima mostra su Banksy, ma è la prima monografia proposta sul territorio nazionale che raccoglie opere di collezionisti privati di provenienza certificata: una retrospettiva, come tutte le altre ad oggi organizzate, non autorizzata dall’artista, che continua a difendere la sua indipendenza e il suo anonimato per scelta e per necessità, costruendo sull’invisibilità anche la sua popolarità.

Promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE, ideata da Madeinart e aperta dal 21 novembre 2018 al 14 aprile 2019,“A Visual Protest The Art of Banksy” è un progetto espositivo curato da Gianni Mercurio che raccoglie circa 80 lavori tra dipinti, prints numerati (edizioni limitate a opera dell’artista), fotografie e video, copertine di vinili e cd musicali da lui disegnati e una quarantina di memorabilia (litografie, adesivi, stampe, magazine, flyer promozionali) che ne raccontano opere e pensieri.

Forse un po’ troppo impostata come soluzione, ma coerente con lo scopo di rendere il percorso, reale e figurato, accessibile attraverso chiavi di lettura diversificate, la mostra si fa visitare con piacere. E poi rientra in un progetto scientifico più ampio, “Geografie del futuro”: un racconto sul “sapere geografico”inteso come rilevamento di territori e di culture e superamento dei confini. Quali tipi di “geografie” definiranno i confini della nostra conoscenza del mondo nel futuro? A fronte di una tecnologia che fa spazi e distanze sempre più piccoli, esplorando la complessità di luoghi e non-luoghi, con Bansky la relazione con la geografia e il paesaggio si connota di sfumature ben definite, sociali. Nelle sue opere, che spesso appaiono in zone di conflitto, si incarna una relazione fondamentale con il paesaggio umano: non conta tanto la forma ma il messaggio, in ogni caso diffuso con un linguaggio personale che diventa immediatamente riconoscibile e multiculturale. Ed esprime un interesse profondo verso il territorio (psicogeografia): la sezione video della mostra mette in luce proprio queste connessioni: murales che Banksy ha realizzato in diversi luoghi del mondo, tuttora esistenti o scomparsi, evidenziano in maniera inappellabile il Genius loci quale aspetto fondamentale dei suoi lavori, che nascono spesso semplicemente in funzione dei luoghi in cui sono realizzati.

Si illustrano i “movimenti” che hanno utilizzato una forma di protesta visiva attraverso la fusione di parole e immagini e con un’attitudine all’azione, a cui Banksy fa riferimento per le modalità espressive: dal movimento situazionistadegli anni ’50 e ’60, con il quale condivide l’attenzione alle realtà urbane, alle forme di comunicazione ideate e praticate dall’Atelier Populaire, il collettivo di studenti che nel maggio del 1968 diffuse attraverso centinaia di manifesti i temi della protesta sui muri di Parigi; fino ad arrivare ai lavori dei writers e dei graffitisti di New York degli anni ’70 e ’80, illegali per vocazione e dal forte senso di appartenenza comunitaria. Come gli street artists della sua generazione Banksy accentua il contenuto dei messaggi politici e sociali in maniera esplicita… ironizzando pesantemente sulla stessa validità dell’opera d’arte quando è slegata dal contesto. Viene in mente la sua famosa opera “La ragazza col palloncino” autodistruttasi all’asta dello scorso ottobre, e non si può che portarsi via un sorriso denso di riflessioni ripensando a una delle opere più graffianti apparse in questa carrellata che mi lascio alle spalle: un’asta in cui l’opera battuta incornicia l’ennesima provocazione. “Non posso credere che voi imbecilli davvero compriate questo schifo”.

Articolo di Anna Molinari

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità