• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Una pellegrina con conchiglia riappare dopo secoli a Roma

Una pellegrina con conchiglia riappare dopo secoli a Roma

Quasi sicuramente era una donna in cammino, una giovane pellegrina come ce ne sono ancora oggi e gli uni e le altre, a distanza di secoli portano alle volte un laccio con la conchiglia o magari attaccandola allo zaino, durante il loro peregrinare.

Succede che oggi , a Roma c'è il sole e l'aria calda, stavano scavando per la sostituzione delle tubature Italgas in via del Governo Vecchio, in pieno centro storico, quando hanno trovato lei, una giovane donna sepolta, con accanto la tipica conchiglia dei pellegrini e una moneta databile tra la fine dell'XI e l'inizio del XII secolo. La conchiglia che hanno trovato è detta anche Coquille St. Jacques des Côtes d'Armor, conchiglia di San Giacomo, Pellegrina e anche Cappasanta.
Ancora oggi a Sarzana in Val di Magra si fanno degli squisiti biscotti medievali per celebrare la rievocazione storica di Santo Stefano, usando farina d'avena, noci e composta di fichi, tutti a forma di conchiglia.
E' anche vero che "il monastero cristiano fu l'unica alternativa possibile per quelle donne che non intendevano sposarsi, questo per tutto il Medioevo e oltre". come si vede da un Dipinto di John Everett Millais, del 1858. Disse Samuel Johnson: “La natura ha dato alle donne un tale potere che la legge ha giustamente deciso di dargliene poco”.
Benvenuta tra noi pellegrina con la conchiglia, speriamo di avere il potere di camminare ancora, libere... solo di amare.
p.s.altre notizie molto più precise da un punto di vista archeologico ed artistico le trovate qui, da dove ho appreso di lei, la conchiglia e la pellegrina.

Commenti all'articolo

  • Di Volpe Mirko (---.---.---.116) 26 ottobre 13:27


    Grazie per la condivisione del video musicale del mio canale.
    Ho letto l’articolo e vorrei consigliare questo mio piccolo scritto riguardo al "Llivre Vermell de Montserrat" perchè credo potrebbe essere inerente. I pellegrini e le pellegrine che nel medioevo si recavano in Spagna attraverso il cammino di Santiago de Compostela avevano l’usanza di cucirsi conchiglie sugli abiti e di cantare durante il lungo cammino che includeva anche Montserrat. Nel Llibre Vermell di Montserrat sono conservati alcuni di questi canti.
    https://musicamedievale.blogspot.com/p/spagna.html

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità