• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Tabacchi, coronavirus, pandemia, fumo: la mia testimonianza

Tabacchi, coronavirus, pandemia, fumo: la mia testimonianza

Sono beni indispensabili di prima necessità i tabacchi? Fumare sigarette e magari farle fumare anche ai familiari chiusi a casa fa bene alla salute? Sono una cittadina di 69 anni che è riuscita il 20 giugno 2011 a smettere di farsi del male grazie a un corso che feci a Roma, ma si riesce anche da soli, io ammisi con la mia famiglia che ero una dipendente persa... 

Da allora so per esperienza personale, confortata da tutti i dati scientifici mondiali, che cessare di fumare da un momento all'altro è possibile e non danneggia assolutamente la salute, è invece vivere liberata da una schiavitù mortale che si paga con la vita. Solo per poche ore si può avvertire una mancanza psicologica se non si è appreso cosa provoca di positivo. Sono un soggetto a rischio perchè il tabacco mi ha provocato una grave broncopatia asmatica e mi ha reso invalida, per sempre e devo solo cercare di contenere i danni e controllarli, sperando, malgrado i vaccini fatti per influenza e polmonite, di non contrarre malattie respiratorie come questo dannato virus. Danni che mi sono fatta, consapevole di quanto rischio oggi se fossi contagiata perché già conosco le corse fatte al pronto soccorso in Italia e all'estero, e i ricoveri con l'aiuto dell'ossigeno e le flebo al cortisone. E' gravissimo avere solo nominato questo "bene necessario", i venditori di tabacchi e gratta e vinci, come indispensabile esercizio commerciale, nominare come negozio aperto e facendo con questo danno enorme credere ai cittadini italiani e del mondo da parte di Multinazionali criminali, complici i monopoli dei loro governi, che sia indispensabile avere un Tabacchi a disposizione. Grattando la notizia si rischia di avallare l'idea che non si può smettere di fumare, come mangiare e bere, e si pensa che smettere ci darebbe ansia e ci tolga il respiro. Si, fumare è morire, poco a poco.
 
Vi prego di far circolare questo mio scritto con cui io "appesterò" il web e dove posso, con la mia testimonianza reale di ex fumatrice.Grazie e buone giornate, respirando buon senso e salute.
 
Capranica (Vt) 12 marzo 2020
n.b. l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile.L’OMS calcola che quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo, fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo.Il fumo uccide una persona ogni sei secondi ed è a tutti gli effetti un'epidemia fra le peggiori mai affrontate a livello globale. Il totale dei decessi entro il 2030 potrebbe raggiungere quota 8 milioni all’anno e si stima che nel XXI secolo il tabagismo avrà causato fino a un miliardo di morti.
 

Commenti all'articolo

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.208) 12 marzo 09:39
    Doriana Goracci

    Se siete d’ accordo vi prego di condividere, se non siete d’accordo, vi prego di condividere lo stesso motivando il confronto, anche con un commento. Vi ricordo solo una cosa che i pagamenti di bollettini marche ricariche possono essere fatti alla posta e in molti supermercati,in banca, on line... la parola TABACCHI è, appena la gratti, mandare in fumo la nostra salute per ammissione dello stesso Stato sui pacchetti.Grazie a chi darà voce alla mia esperienza e testimonianza, anche per questo sto su Facebook questo nulla toglie alla fiducia e gratitudine a Giuseppe Conte che ho espresso con chiarezza ieri sera.https://www.agoravox.it/Tabacchi-coronavirus-pandemia-fumo.html

  • Di Marina Serafini (---.---.---.59) 13 marzo 00:17
    Marina Serafini

    Carissima, La leggo spesso tra queste pagine, e la ringrazio per l’impegno che ci regala. La ringrazio soprattutto per queste osservazioni e per la sua sana voglia di urlare. Tutto da condividere, proprio come il suo post. Un saluto. Marina

    • Di Doriana Goracci (---.---.---.105) 13 marzo 17:09
      Doriana Goracci

      posso darti del tu? ci provo, grazie grazie per tutto, io ammetto che non ti conoscevo, i tuoi post sono ancora più affascinanti per la loro semplicità e la vita che osservi, messi li tra il tuo lavoro che sicuramente ha materia umana da indagare e interpellare ma sembra molto più duro. Che bello averti conosciuta almeno così. (per caso sei anche su FB?) Ciao Marina un abbraccio spero a presto

    • Di Marina Serafini (---.---.---.235) 16 marzo 22:11
      Marina Serafini

      @Doriana Goracci Carissima, niente fb....troppo impegnativo! Sono nel mio blog, sono qui e anche un po’ in giro. Sono incuriosita da chi abita questa terra, e mi piace osservare come lo fa. Sono anche molto arrabbiata per come, a volte, la abitano gli esseri umani.... A presto!

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.246) 21 marzo 16:41
    Doriana Goracci

    800554088 numero verde antifumo Covid-19, Iss: "Attenzione al fumo di sigaretta"

    Attenzione al fumo di sigaretta. Fumare nuoce gravemente la salute, ma nuoce di più nei tempi di Covid-19. È il monito dell’Istituto superiore di sanità (Iss) a tutti quelli che non riescono a perdere il vizio del tabacco. Studi recenti condotti in Cina, riporta un’infografica dell’Istituto, indicano un aumento significativo del rischio di almeno tre volte di sviluppare polmonite severa da Covid-19 in pazienti con storia di uso di tabacco rispetto a non fumatori. “Un terzo in più dei fumatori positivi al Covid-19 presentava all’atto del ricovero una situazione clinica più grave dei non fumatori, e per loro il rischio di aver bisogno di terapia intensiva e ventilazione meccanica è più che doppio - spiega Roberta Pacifici, direttore del Centro nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss -. Questi studi ipotizzano anche che la condizione di fumatore spieghi la differenza di genere nel tasso di letalità riscontrata che sarebbe del 4,7% negli uomini contro il 2,8% nelle donne. Infatti, la prevalenza di fumatori in Cina è molto elevata e supera il 50% mentre quella delle donne è inferiore al 3%”.

    In Italia i fumatori sono 11,6 milioni, il 22% della popolazione di età superiore ai 15 anni. Gli uomini che fumano sono oltre 7 milioni e le donne 4,5 milioni. Tra gli studenti di età compresa tra 14 e 17 anni fumano abitualmente 11,1% e occasionalmente il 13,4%.

    Come smettere di fumare?

    Sfrutta il maggior tempo libero e la necessità di cambiamento delle abitudini giornaliere per abbandonare il consumo dei prodotti del tabacco e di nicotina. Chiama il numero verde Iss contro il Fumo 800 554088 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16) per informazioni e sostegno nel cambiamento.

    Aggiungo quanto non è stato riportato nell’articolo forse per svista redazionale: il 20 giugno 2011 per smettere di farmi del male feci a Roma un corso con l’Allen Carr’s Easyway Italia VIDEO www.youtube.com/watch?v=GH24cZfV8kg e su Facebook https://www.facebook.com/allencarreasyway/

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità