• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Sardine viola in girotondo

Sardine viola in girotondo

Il titolo proposto non sia interpretato in modo ironico o peggio denigratorio.

Volendo scrivere dell'ultimo splendido esempio di politica dal basso nato in Italia, ho voluto sinteticamente ricordare gli ultimi due movimenti nati più recentemente e rapitamente assorbiti dalla politica tradizionale, che ne ha spuntato le armi della novità e della schiettezza riducendoli a serbatoi di voti, dai quali attingere fino a spremerli completamente.
Magnifiche sardine appena nate ma già grandi: capaci di organizzarsi rapidamente sul territorio con rapidità ed efficacia ottenendo un grande interesse mediatico, segno dell'interesse collettivo, e l'abilità con la quale gli intervistati hanno retto il ruolo, evitando di scadere nella retorica più bieca dalla quale siamo avvolti quotidianamente, come una melassa appiccicosa e fastidiosa.

Solo lodi? Certo, essendo neonati al momento siete immuni da colpe. Che arriveranno prima o poi, questo è certo, come per tutti, con il passare del tempo. La perfezione non è di questa terra, la buona volontà di proseguire ritrovando la retta via sì.

Nelle righe che seguiranno non leggete consigli e suggerimenti: ho più da imparare che da insegnare alla vostra freschezza. Piuttosto punti di vista, riflessioni di un diversamente giovane che, avendo visto e vissuto altri momenti simili, vuole indicarvi alcune trappole e trabocchetti che riempiranno la strada che dovrete percorrere. Starà poi a voi, e solo a voi. trovare le soluzioni per aggirarle, disinnescarle, affrontarle.

Blob


Dando un senso più compiuto all'incipit, evitate di farvi assorbire dalla gelatina partitica, come accaduto al Popolo Viola o ai Girotondini. La politica è vostra, non loro. Il nuovo siete voi e non loro. Non tentate di insegnarci retoriche vuote che appartengono allo scorso secolo: guardate avanti, il futuro è vostro. Alla larga da riunioni o incontri con i vari vertici, dal quale i vostri rappresentanti potrebbero uscire infetti da metodi e linguaggi non vostri. Sfidateli in piazza, la vostra forza, obbligateli ad un confronto con la base che rifiutano da millenni, portateli sul vostro territorio: avrete tutto da guadagnare.

Organizzazione
Evitate le paludi delle tessere, dei giochi di potere, dei ruoli di vertice affidati al caso o a mille voti su una piattaforma controllata. Queste fesserie andavano bene per la Prima Repubblica e per alcune storture della seconda. 

Maturazione
State vivendo una fase meravigliosa, l'inizio di un'avventura, il cui sviluppo potrà essere strabiliante o stagnante: dipende da voi. Nei tempi che riterrete opportuni concretizzate i risultati di questi giorni, ma non fate passare un'eternità. L'entusiasmo, come la speranza, deve essere costantemente irrorata.

I prossimi passi saranno importanti ma non decisivi: permettetevi di sbagliare, ma fate. L'indecisione è il peggiore degli errori ed è una malattia che attanaglia l'Italia da troppo tempo.

Solo ora, in chiusa, mi permetto di darvi un piccolo consiglio. Avete fatto rinascere e state continuando a rifocillare la speranza di molti italiani verso la parte buona della politica. Non deludeteli.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità